Emix Trading GmbH
ZURIGO
18.02.21 - 23:050
Aggiornamento : 19.02.21 - 07:34

I milionari della mascherina: «Pentiti solo delle Ferrari»

A marzo hanno fiutato il business e le hanno vendute a quasi 10 franchi l'una. Oggi c'è un'indagine in corso.

Jascha Rudolphi e Luca Steffen si raccontano per la prima volta.

ZURIGO - A marzo hanno chiesto da 8,50 a 9,90 franchi per una mascherina. Oggi sono milionari. Jascha Rudolphi e Luca Steffen, della Emix Trading GmbH, sono due giovani imprenditori che hanno fatto una fortuna importando dispositivi di protezione. Ad oggi ne hanno consegnati 300 milioni di pezzi in Europa, la maggior parte non in Svizzera, ma in altri paesi, Germania compresa.

I due non hanno la coscienza sporca. «Grazie a noi, milioni di medici, infermieri, poliziotti e pompieri sono stati protetti», commenta Rudolphi alla "NZZ". «Specie se si tiene presente che i nostri profitti sono stati ottenuti attraverso trattative lungimiranti, una logistica azzeccata e ordini importanti» aggiunge Steffen.

Secondo alcuni rapporti, tuttavia, le mascherine da loro fornite non erano solo troppo costose, ma anche inadeguate in termini di qualità (molte erano ammuffite) e di protezione. Emix ha venduto 700.000 pezzi prodotti dall'azienda egiziana Chemi Pharma Medical al governo federale. Si suppone che queste mascherine non fossero nemmeno realmente FFP2.

I giovani imprenditori zurighesi, che respingono le accuse al mittente, nel frattempo hanno trasferito la loro sede da Zurigo a Zugo per motivi fiscali. Si sono arricchiti sfruttando l'emergenza sanitaria? Loro dichiarano di essere stati influenzati dai prezzi di acquisto elevati, dagli importanti costi di trasporto e dalle restrizioni sull'esportazione. Nel frattempo, va detto, il Ministero pubblico zurighese ha avviato indagini contro ignoti con l'accusa di usura.

A far discutere, anche le Ferrari che Steffen e Rudolphi hanno esibito come premio per i loro affari. «Siamo stati insensibili» hanno ammesso. Riguardo l'accusa di essersi arricchiti con i soldi dei contribuenti, la loro risposta è stata: «Bisogna anche dire che abbiamo pagato tasse salate in Svizzera».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Gli 007 elvetici vogliono lavorare da casa
Telelavoro offlimits in seno all'intelligence elvetica, anche durante il lockdown. Ma ora i dipendenti lo chiedono
SVIZZERA
8 ore
«Con agosto si passa alla fase tre»
Secondo diversi epidemiologi, i tempi sono maturi per la normalizzazione. «Ma bisogna procedere passo per passo».
SVIZZERA
14 ore
Il Grütli delle donne
Viola Amherd ha rilanciato l'impegno per la parità fra i sessi, nel discorso per il Primo d'Agosto
ZURIGO
15 ore
Meno mascherine in ufficio, e salgono i contagi a Zurigo
Aumentano anche le persone che contraggono il virus sui mezzi pubblici.
SVIZZERA / THAILANDIA
17 ore
Primo agosto: Cassis celebra la diversità della Svizzera da Bangkok
Il ministro degli esteri celebra la festa nazionale durante il suo viaggio ufficiale in Thailandia
SVIZZERA
17 ore
«Procedere insieme nella diversità»
Il discorso del Primo agosto tenuto dalla consigliera federale Karin Keller-Sutter
SONDAGGIO
SVIZZERA
17 ore
Uccidere i lupi? Meglio organizzare dei “safari”
È quanto propone il presidente di Graubünden Ferien per promuovere il turismo in Svizzera
SVIZZERA
20 ore
D'estate si batte la fiacca
Uno studio dimostra che la produttività in Svizzera cala del 20 per cento nei mesi caldi
SVIZZERA
20 ore
Happy birthday Svizzera!
Auguri da Biden, da Facebook, da Google, nel 730esimo compleanno della Confederazione
SVIZZERA
1 gior
Chi pagherà i test covid quando termineranno le vaccinazioni?
«Il contribuente? Non ne sono sicuro» ha dichiarato Guy Parmelin
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile