Immobili
Veicoli
Emix Trading GmbH
ZURIGO
18.02.21 - 23:050
Aggiornamento : 19.02.21 - 07:34

I milionari della mascherina: «Pentiti solo delle Ferrari»

A marzo hanno fiutato il business e le hanno vendute a quasi 10 franchi l'una. Oggi c'è un'indagine in corso.

Jascha Rudolphi e Luca Steffen si raccontano per la prima volta.

ZURIGO - A marzo hanno chiesto da 8,50 a 9,90 franchi per una mascherina. Oggi sono milionari. Jascha Rudolphi e Luca Steffen, della Emix Trading GmbH, sono due giovani imprenditori che hanno fatto una fortuna importando dispositivi di protezione. Ad oggi ne hanno consegnati 300 milioni di pezzi in Europa, la maggior parte non in Svizzera, ma in altri paesi, Germania compresa.

I due non hanno la coscienza sporca. «Grazie a noi, milioni di medici, infermieri, poliziotti e pompieri sono stati protetti», commenta Rudolphi alla "NZZ". «Specie se si tiene presente che i nostri profitti sono stati ottenuti attraverso trattative lungimiranti, una logistica azzeccata e ordini importanti» aggiunge Steffen.

Secondo alcuni rapporti, tuttavia, le mascherine da loro fornite non erano solo troppo costose, ma anche inadeguate in termini di qualità (molte erano ammuffite) e di protezione. Emix ha venduto 700.000 pezzi prodotti dall'azienda egiziana Chemi Pharma Medical al governo federale. Si suppone che queste mascherine non fossero nemmeno realmente FFP2.

I giovani imprenditori zurighesi, che respingono le accuse al mittente, nel frattempo hanno trasferito la loro sede da Zurigo a Zugo per motivi fiscali. Si sono arricchiti sfruttando l'emergenza sanitaria? Loro dichiarano di essere stati influenzati dai prezzi di acquisto elevati, dagli importanti costi di trasporto e dalle restrizioni sull'esportazione. Nel frattempo, va detto, il Ministero pubblico zurighese ha avviato indagini contro ignoti con l'accusa di usura.

A far discutere, anche le Ferrari che Steffen e Rudolphi hanno esibito come premio per i loro affari. «Siamo stati insensibili» hanno ammesso. Riguardo l'accusa di essersi arricchiti con i soldi dei contribuenti, la loro risposta è stata: «Bisogna anche dire che abbiamo pagato tasse salate in Svizzera».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
5 ore
Cade dalla finestra del suo alloggio sociale
Lo sventurato è stato trovato in gravi condizioni dopo un volo di una decina di metri
FOTO
VALLESE
6 ore
In diecimila per i mondiali del monopattino elettrico
La seconda manche dell'evento ha avuto luogo in questi giorni in Vallese
VALLESE
8 ore
Un aliante si schianta in Vallese
È successo oggi nella regione di Sanetsch. Non è noto se vi siano vittime o feriti
SVIZZERA
11 ore
Primati di calore e ora la minaccia di «effetti fatali»
Da marzo a maggio le temperature sono state di circa 2,5 gradi superiori alla norma
BERNA
15 ore
Vacanze estive, pochissimi resteranno in Svizzera
Un terzo di coloro che resteranno in patria, intendono trascorrere le ferie in Ticino.
GINEVRA
15 ore
Contro l'omofobia c'è chi si radicalizza
Irruzione di un collettivo durante la presentazione di un libro a Ginevra. Le associazioni Lgbtiq prendono posizione
SAN GALLO
17 ore
«Farò una strage a scuola», ma scherzava
La bravata di un dodicenne per diventare virale su TikTok ha messo in allerta la polizia
TURGOVIA
18 ore
In due sullo scooter, perdono il controllo
Due adolescenti sono rimasti feriti ieri sera a seguito di un'incidente con uno scooter
BERNA
20 ore
Un disperso illustre nell'Aar
Emmeril Mumtadz, figlio di un candidato alla presidenza dell'Indonesia, è stato travolto dalla corrente con due amiche
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Tre voli per portare Cassis al WEF
La partecipazione del presidente della Confederazione al Forum ha prodotto molto CO2. Ecco com'è andata
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile