Emix Trading GmbH
ZURIGO
18.02.21 - 23:050
Aggiornamento : 19.02.21 - 07:34

I milionari della mascherina: «Pentiti solo delle Ferrari»

A marzo hanno fiutato il business e le hanno vendute a quasi 10 franchi l'una. Oggi c'è un'indagine in corso.

Jascha Rudolphi e Luca Steffen si raccontano per la prima volta.

ZURIGO - A marzo hanno chiesto da 8,50 a 9,90 franchi per una mascherina. Oggi sono milionari. Jascha Rudolphi e Luca Steffen, della Emix Trading GmbH, sono due giovani imprenditori che hanno fatto una fortuna importando dispositivi di protezione. Ad oggi ne hanno consegnati 300 milioni di pezzi in Europa, la maggior parte non in Svizzera, ma in altri paesi, Germania compresa.

I due non hanno la coscienza sporca. «Grazie a noi, milioni di medici, infermieri, poliziotti e pompieri sono stati protetti», commenta Rudolphi alla "NZZ". «Specie se si tiene presente che i nostri profitti sono stati ottenuti attraverso trattative lungimiranti, una logistica azzeccata e ordini importanti» aggiunge Steffen.

Secondo alcuni rapporti, tuttavia, le mascherine da loro fornite non erano solo troppo costose, ma anche inadeguate in termini di qualità (molte erano ammuffite) e di protezione. Emix ha venduto 700.000 pezzi prodotti dall'azienda egiziana Chemi Pharma Medical al governo federale. Si suppone che queste mascherine non fossero nemmeno realmente FFP2.

I giovani imprenditori zurighesi, che respingono le accuse al mittente, nel frattempo hanno trasferito la loro sede da Zurigo a Zugo per motivi fiscali. Si sono arricchiti sfruttando l'emergenza sanitaria? Loro dichiarano di essere stati influenzati dai prezzi di acquisto elevati, dagli importanti costi di trasporto e dalle restrizioni sull'esportazione. Nel frattempo, va detto, il Ministero pubblico zurighese ha avviato indagini contro ignoti con l'accusa di usura.

A far discutere, anche le Ferrari che Steffen e Rudolphi hanno esibito come premio per i loro affari. «Siamo stati insensibili» hanno ammesso. Riguardo l'accusa di essersi arricchiti con i soldi dei contribuenti, la loro risposta è stata: «Bisogna anche dire che abbiamo pagato tasse salate in Svizzera».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
LUCERNA
8 ore
Niente manifestazione a Willisau
60 persone sono state controllate dalla polizia e poi allontanate
BERNA
8 ore
Gli scettici sui vaccini pubblicano file non censurati dei pazienti
In particolare, su Telegram, è comparsa la cartella clinica di una donna finita in ospedale dopo il vaccino.
FOTO
GINEVRA
9 ore
Manifestazione in semi lockdown: assoluzione quasi generale
La corte ha stabilito che la polizia avrebbe dovuto agire con più moderazione
BERNA
10 ore
Barricate, proiettili di gomma e idranti nel cuore di Berna
Transenne e molti agenti oggi su Piazza federale per scongiurare lo svolgimento di nuove proteste anti-covid
FRIBORGO
11 ore
Prende a pugni due donne nel centro di Friborgo, arrestato un 32enne
L'aggressione, senza motivo, risale allo scorso sabato. L'uomo è stato posto in detenzione preventiva.
SVIZZERA
13 ore
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
15 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
15 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
16 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
17 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile