tipress (archivio)
ZURIGO
18.02.21 - 10:130

Il virus ci fa godere meno il vivere

In calo la percezione della qualità di vita.

Colpiti soprattutto i giovani: il 18% di loro soffre di solitudine, il 44% di disagio psicologico.

WINTERTHUR - Quest'inverno sono circa l'80% le persone che in Svizzera valutano la propria qualità di vita come "buona" o "molto buona"; lo scorso aprile la percentuale era ancora dell'85%, mentre in autunno aveva addirittura raggiunto il 90%. È quanto emerge dall'attuale Covid-19 Social Monitor della Scuola universitaria professionale di scienze applicate di Zurigo (ZHAW) e dell'Università di Zurigo.

Ciò significa che le misure più severe adottate a gennaio hanno avuto un significativo influsso sulla percezione della gente riguardo alla qualità di vita. Il 10% degli intervistati ha detto di sentirsi solo (principalmente persone che vivono sole): anche questo dato è in leggero aumento rispetto alla primavera (9%) e all'autunno (6%). Il 28% ha segnalato di soffrire di maggiore stress psicologico.

Colpiti soprattutto i giovani - Secondo lo studio, i giovani tra i 18 e i 29 anni risultano particolarmente colpiti dalle restrizioni: il 18% di loro soffre di solitudine, il 44% di disagio psicologico. «Per i giovani, questi valori sono stati più alti in quasi tutti i nostri sondaggi dalla scorsa primavera. Inoltre, sono aumentati più bruscamente negli ultimi mesi», precisa Oliver Hämmig dell'università di Zurigo, citato in un comunicato della ZHAW.

Già lo scorso novembre un sondaggio condotto dall'università di Basilea nell'ambito dello "Swiss Corona Stress Study" aveva rilevato che il carico psicologico della pandemia di coronavirus è particolarmente forte nei giovani. Tra i ragazzi di età compresa tra i 14 e i 24 anni uno su tre soffre di gravi sintomi depressivi. Tra gli over 65, la cifra era del 6%.

In ogni caso, dagli studi emerge che la seconda ondata ha avuto impatti molto più differenziati sulle varie fasce di età rispetto alla prima.

Timori per il posto di lavoro - Il Covid-19 Social Monitor rileva pure che la maggioranza della popolazione si adegua alle misure di protezione contro il coronavirus promulgate dalle autorità. Rispetto alla primavera, tuttavia, sono meno le persone che rinunciano alle visite private e che in generale restano meno a casa. Inoltre, la quota della gente che lavora esclusivamente o principalmente dal domicilio è poco meno di un terzo, mentre la scorsa primavera rappresentava il 40%.

Il 10% degli intervistati ha affermato di temere per il proprio lavoro. In settori come la ristorazione e gli alberghi, la cultura o lo sport, tuttavia, questa cifra è due-tre volte superiore.

Il sondaggio condotto dai ricercatori zurighesi tiene conto dei feedback di un numero di persone compreso tra 1492 e 2802, provenienti da tutte le parti del paese. Tra marzo 2020 e febbraio 2021, i due atenei hanno finora condotto tredici indagini riguardanti il Covid-19.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 mese fa su tio
Le misure assurde messe in atto da avidi buontemponi, non il virus. Siate responsabili delle vostre panzane.
lollo68 1 mese fa su tio
@pillola rossa Stanno peggiorando la vita di tutti soprattutto di chi non è a rischio!
Didimon 1 mese fa su tio
Non è il virus.. Che in sé influenza stagionale. Ma mamma svizzera che fa cadere i c a terra
F/A-19 1 mese fa su tio
Mai smettere di godere, fate come me!
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Ristoranti, manifestazioni e sport: ecco le risposte alle domande più frequenti
Fino a che ora possono rimanere aperte le terrazze? Quali eventi è possibile seguire? Quante persone possono esserci?
SVIZZERA
5 ore
Ora gli albergatori aspettano il certificato Covid-free
HotellerieSuisse soddisfatta degli allentamenti, ma chiede l'urgente riapertura “integrale” dei ristoranti
SVIZZERA
8 ore
Chi si è già ammalato di Covid verrà vaccinato con una dose
Il Consiglio federale ha modificato le sue raccomandazioni per i preparati di Biontech/Pfizer e Moderna.
BERNA
11 ore
Riaprono le terrazze, ma non solo
Da lunedì saranno di nuovo consentite manifestazioni in presenza di pubblico.
URI
11 ore
Inversione di marcia sull'A2 per entrare nel tunnel del San Gottardo (che però era chiuso)
Il conducente protagonista della manovra è stato fermato poche centinaia di metri dopo che era entrato dal portale nord
SVIZZERA
12 ore
Volare Swiss col Travel Pass per il test Covid
La compagnia introduce l'app sperimentale sul collegamento Zurigo-Heathrow
Attualità
13 ore
La campagna vaccinale vodese cambia marcia
Nel cantone romando ora anche i 50enne potranno annunciarsi per un appuntamento.
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera 2'601 nuovi casi e 14 decessi
In discesa il tasso di positività, oggi al 7%. Si registrano inoltre altre 89 ospitalizzazioni.
ZUGO
15 ore
Fuori strada sulla A4, è grave
La donna alla guida, stando all'alcol test, era ubriaca
BERNA
15 ore
I politici spingono per gli allentamenti e il CoronaPass
I leader di partito chiedono di guardare al modello danese e creare rapidamente il passaporto vaccinale.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile