Immobili
Veicoli
keystone
Berset all'esterno del Palazzo federale
SVIZZERA
17.02.21 - 13:350

Verso allentamenti «scaglionati»

Trapelano indiscrezioni sulle decisioni del Consiglio federale. L'annuncio ufficiale oggi alle 15.00

Nessuna apertura totale. Ma concessioni «graduali» mese per mese. Secondo il Blick, il limite agli assembramenti dovrebbe passare da 5 a 15

BERNA - Uno alla volta. Contagi permettendo. Attorno a Palazzo federale si susseguono voci sull'imminente annuncio degli allentamenti, atteso alle 15.00 da parte del Consiglio federale. 

L'ufficialità ancora non c'è, ma stando ad indiscrezioni raccolte dal Blick sembra ormai certo che a partire dal 1° marzo non ci sarà un "liberi tutti" come chiesto dall'Udc e da alcuni settori dell'economia. L'opzione scelta dal governo sarebbe piuttosto quella di un allentamento graduale, a fasi. 

A spuntarla insomma - riferisce il quotidiano svizzero-tedesco citando fonti governative - sarebbe stata la "grande" economia, che nel weekend per il tramite di Economiesuisse aveva chiesto una riapertura in quattro fasi. 

L'alleggerimento delle misure potrebbe scattare, dunque, gradualmente all'inizio di ogni mese, compatibilmente con l'andamento epidemiologico. Grazie al numero relativamente basso di contagi registrato nelle ultime settimane, però, Alain Berset avrebbe ceduto su alcuni punti. In particolare il limite degli assembramenti dovrebbe salire da 5 a 15 persone.

Per quanto riguarda gli esercizi pubblici, le nuove norme dovrebbero introdurre una distinzione più netta tra spazi interni ed esterni. Non è ancora chiaro se questo riguarderà anche i ristoranti e i bar - con relative terrazze - ma quel che sembra certo è che per una riapertura completa questi ultimi dovranno ancora aspettare. Dal canto suo, il Dipartimento delle finanze guidato da Ueli Maurer dovrebbe annunciare una nuova iniezione di aiuti. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 min
Casi sempre a livelli record, ma si brama la fine delle misure
Nonostante l'ondata di infezioni portata da Omicron, il sistema ospedaliero non è stato messo in crisi.
SVIZZERA
2 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
3 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
3 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
SVIZZERA
4 ore
«La Svizzera deve mettere il turbo sul fotovoltaico»
Secondo Greenpeace un maggiore uso del solare ridurrebbe a zero le emissioni di CO2 di trasporti, edifici e industria
BERNA
7 ore
Lotta alla corruzione, la Svizzera perde il podio
Pesano le gravi lacune che la Confederazione presenta in alcuni ambiti.
SVIZZERA
16 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
22 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
22 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
1 gior
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile