deposit
SVIZZERA
17.02.21 - 09:310
Aggiornamento : 11:17

Il lungo percorso verso l'emancipazione dei sordi

La Federazione svizzera dei sordi festeggia 75 anni fatti di lotte e conquiste.

E lo farà anche nei prossimi mesi con la pubblicazione di un libro e un grande concorso.

LUGANO - Esattamente 75 anni fa, il 17 febbraio 1946, fu fondata a Berna la Federazione Svizzera dei Sordi. All'epoca composta solo da otto associazioni di lingua tedesca, nel corso degli anni questa nuova organizzazione è cresciuta rapidamente fino a diventare la voce dei sordi in Svizzera, in modo da far valere le proprie rivendicazioni senza dipendere dalla benevolenza di associazioni gestite da udenti, come era stato fino ad allora.

Nel corso della sua ricca e talvolta turbolenta storia, la Federazione Svizzera dei Sordi non solo ha portato molti cambiamenti nella società (la lingua dei segni in televisione, diritto all'interprete di lingua dei segni, ecc...) ma, da un'associazione di auto-aiuto, si è sviluppata in un'organizzazione professionale che oggi combatte a livello sociale e politico per difendere gli interessi delle persone sorde e chiede la loro piena e completa inclusione in tutti gli ambiti della società svizzera.

Come sottolinea la presidente della Federazione, la Dr.ssa Tatjana Binggeli, «la Federazione Svizzera dei Sordi ha sempre accompagnato e sostenuto il movimento di emancipazione dei sordi. Attraverso le sue lotte e il suo impegno, ha potuto dare voce alle loro preoccupazioni e ai loro bisogni».

Nonostante nel 2021 sembra si dovrà ancora coesistere con le misure sanitarie Covid-19, la Federazione Svizzera dei Sordi intende marcare la sua presenza e i suoi 75 anni di storia. In un programma che deve ancora essere completamente svelato, emergono già dei momenti salienti come la pubblicazione di un libro sulla storia della Federazione questa primavera, un grande concorso durante l'estate e numerose testimonianze online di persone sorde che non solo hanno segnato la storia della Federazione dei Sordi, ma dimostrano anche tutta la diversità e la ricchezza della comunità sorda in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
1 ora
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
1 ora
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
3 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
6 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
6 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
8 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
9 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
9 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
17 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile