Immobili
Veicoli
keystone
BERNA 
16.02.21 - 12:050

Casi di rigore: «Aiutare anche le filiali»

La Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati chiede di semplificare le procedure per gli aiuti.

La richiesta è che le filiali o succursali "chiaramente identificabili" possano sollecitare l'aiuto previsto per i casi di rigore separatamente per ciascuna filiale o succursale indipendentemente da dove si trovi

BERNA  - Nell'attesa che il Consiglio federale decida domani se allentare o meno le misure di protezione, la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati (CET-S) chiede al governo di semplificare ulteriormente le procedure per concedere aiuti alle imprese in difficoltà, estendendo gli aiuti anche alle filiali o succursali di quest'ultime.

In merito al progetto di revisione dell'ordinanza attualmente in consultazione presso i Cantoni, la CET-S vorrebbe (8 voti a 4) che le filiali o di succursali "chiaramente identificabili" possano sollecitare l'aiuto previsto per i casi di rigore separatamente per ciascuna filiale o succursale, sia nel caso in cui quest'ultime siano situate in Cantoni diversi sia che si trovino nello stesso Cantone. Secondo la maggioranza della Commissione, ciò consentirebbe di evitare che queste imprese vengano svantaggiate, in particolare rispetto alle aziende in franchising.

Con 6 voti a 5 e una astensione, la CET-S auspica che per le succursali o le filiali situate in un altro Cantone sia competente quest'ultimo e non il Cantone in cui l'impresa ha sede. La CET-S crede altresì che un aumento dei limiti finanziari per i contributi a fondo perso permetterebbe anche di migliorare l'aiuto concesso a questo genere di imprese.

Circa la possibilità che un Cantone aumenti il contributo a fondo perduto per impresa a 8 milioni di franchi al massimo qualora i proprietari aggiungano nuovi fondi propri o i finanziatori rinuncino ai propri crediti, la CET-S pensa che questo meccanismo sia troppo rigido. Si potrebbe invece esaminare la possibilità di un allentamento, prevedendo ad esempio un obbligo di rimborsare i contributi in caso di successiva vendita dell'impresa.

La CET-S ritiene importante che l'esecutivo, a prescindere dagli aiuti finanziari, offra alle imprese prospettive e sicurezza pianificatoria affinché possano proiettarsi nel futuro. In particolare, il Consiglio federale è invitato a precisare in base a quali criteri si svolgerà l'allentamento graduale delle misure per l'economia.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Party, vodka e caviale: perché al Wef di Davos si sentirà la mancanza dei miliardari russi
La rappresentativa, ufficialmente non grata, era solita portare nella città grigionese feste esclusive ed esosissime
FRIBURGO
6 ore
Ciclista deceduto sul ciglio della strada
Il 69enne era stato trovato privo di sensi, i tentativi di rianimarlo sono stati inutili
BASILEA CITTÀ
6 ore
Incidente in piscina, bimba in condizioni critiche
Sono stati due ragazzi a estrarre la piccola dall'acqua
VAUD
7 ore
Kitesurfer gravemente ferito dall'elica di una barca
L'incidente al largo di Montreux, un 21enne è stato trasportato in ospedale
SVIZZERA
10 ore
Vaiolo delle scimmie, c'è il primo caso in Svizzera
Stando all'UFSP è stato riscontrato nel canton Berna, l'allerta non è alta: «Monitoriamo la situazione»
ZURIGO
12 ore
Accoltellamento all'alba, due arresti
In manette un 18enne e un 19enne, uno dei colpiti è in gravi condizioni
BERNA
14 ore
Un altro bancomat fatto brillare nel Giura Bernese
Lo scoppio nel cuore della notte nei pressi di una Coop di Reconviller che oggi rimarrà chiusa
GRIGIONI
15 ore
Il flop della camminata del clima di oggi contro il WEF
Due anni fa erano 1'000 quest'anno una cinquantina scarsa, le motivazioni secondo chi l'ha organizzata
ARGOVIA
18 ore
Schianto fatale contro il portale della galleria
L'incidente è avvenuto la scorsa notte a Küttigen, nel canton Argovia
ZURIGO
1 gior
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile