Keystone
SVIZZERA
15.02.21 - 15:560
Aggiornamento : 16:52

Quasi 300 mila firme per riaprire ristoranti e negozi

Due petizioni chiedono «un cambio di direzione» nella strategia per combattere la pandemia di Covid-19.

Secondo i promotori, tra cui troviamo anche il presidente UDC Marco Chiesa, le drastiche misure «vanno revocate immediatamente» applicando concetti di protezione funzionanti.

BERNA - Ci vuole un cambio di direzione nella strategia anticovid del Consiglio federale. Lo chiedono due petizioni corredate da quasi 300 mila firme consegnate oggi alla Cancelleria federale da diversi esponenti dei partiti e movimenti "borghesi" tra cui il presidente dell'UDC Marco Chiesa, esponenti dei Giovani liberali-radicali e Giovani democentristi, nonché dell'Associazione per una svizzera neutrale e indipendente (ASNI).

Le critiche prendono di mira soprattutto il consigliere federale Alain Berset, responsabile della sanità. A detta dei promotori delle petizioni, la strategia del ministro friburghese del Partito socialista ha fallito. Le drastiche misure di protezione vanno revocate immediatamente.

In concreto: ristoranti, bar, negozi, strutture sportive e per il tempo libero vanno riaperte escogitando adeguati provvedimenti di protezione. Le persone a rischio vanno meglio protette tenendo conto dei loro bisogni, mentre i test vanno ampliati, così come le operazioni d'immunizzazione. Quasi 250 mila persone hanno sottoscritto questa petizione.

A questa richiesta si aggiungono circa altre 50 mila firme di un'altra petizione intitolata "Beizen für Büezer" ("Ritrovi per i lavoratori") con cui si chiede di poter almeno trasformare i ristoranti - ora chiusi - in mense provvisorie, così come avviene già col ristorante di Palazzo federale durante la sessione del Parlamento. Migliaia di persone sono costrette, secondo la petizione, a mangiare all'aperto durante la pausa di mezzogiorno senza un posto dove potersi riscaldare

Nelle scorse settimane sono state inoltrate varie petizioni nei Cantoni dal tenore analogo, soprattutto su iniziativa di politici UDC e PLR. A Zurigo, per esempio, una petizione domanda la revoca dell'obbligo di portare la mascherina nelle scuole per gli scolari sotto i 12 anni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 9 mesi fa su tio
Più persone a rischio sono vaccinate più allentamenti ci devono essere se non si vuole che la totalità della popolazione abbia bisogno di un seguito psicologico.
ciapp 9 mesi fa su tio
eh d'altronde in italia é tutto aperto , i frontaliers fanno colazione in italia poi entrano a ......!!!! alla faccia della reprocità
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVITTO
7 ore
Auto nel pendio, un morto
Grave incidente ieri pomeriggio a Muotathal. Due feriti e un decesso
SVIZZERA
13 ore
Noto attivista Corona-scettico finisce in cure intense con il virus
Il 66enne François de Siebenthal si è opposto pubblicamente alle disposizioni sanitarie decise dal Governo federale.
FOTO
SVIZZERA
16 ore
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
16 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SVIZZERA
18 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
18 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
19 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
22 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
1 gior
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
1 gior
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile