keystone
BERNA
14.02.21 - 11:230
Aggiornamento : 12:32

«La seconda ondata è sfuggita di mano»

L'Epidemiologo Jürg Utzinger valuta la gestione della crisi e propone la sua previsione.

Secondo l'esperto, quanto vissuto nell'ultimo a livello di esperienza scientifica ha del «sensazionale». «L'umanità - afferma - non ha mai vissuto nulla del genere prima d'ora».

Fonte ats/Alexa Clemenz Berger
elaborata da Davide Milo
Giornalista

BERNA - La Svizzera era mal preparata alla seconda ondata della pandemia, ma entro l'estate tutti coloro che vogliono essere vaccinati verosimilmente lo saranno. Lo afferma l'epidemiologo di Basilea Jürg Utzinger in un'intervista all'agenzia di stampa Keystone-ATS.

Come valuta la gestione della crisi da parte della Svizzera nello scorso anno pandemico?

«La Svizzera ha fatto tante cose molto buone nella lotta contro la pandemia. Soprattutto all'inizio era necessario reagire rapidamente e in modo rigoroso. E ciò era difficile perché la situazione dei dati era estremamente magra. Quello che mi ha stupito, invece, è stata la rapidità con cui la seconda ondata è sfuggita di mano. Questo anche a causa della negligenza della popolazione e della crescente mobilità. La Svizzera e altri paesi europei avrebbero dovuto essere meglio preparati, per esempio con un migliore sistema di sorveglianza per rilevare precocemente piccoli focolai di infezione e arginarli immediatamente. Un buon mezzo sarebbe stato quello di effettuare test rapidi mirati nelle case di riposo, nelle aziende e nelle scuole».

Lei già ha vissuto diverse epidemie nella sua vita professionale. Quale sviluppo l'ha sorpresa di più nella pandemia di Covid-19?

«Nella pandemia di coronavirus, il mondo per una volta tanto si è unito. E in meno di un anno scienza, tecnologia e settore privato hanno sviluppato, testato e portato sul mercato diversi vaccini. In Svizzera sono già stati approvati due preparati e la campagna di vaccinazione è stata lanciata alla fine dello scorso anno. È sensazionale. L'umanità non ha mai vissuto nulla del genere prima d'ora».

Le vaccinazioni sono una parte importante nella lotta contro la pandemia. Come valuta la strategia svizzera in merito, anche nel confronto internazionale?

«Sono ancora ottimista sul fatto che raggiungeremo l'ambizioso obiettivo di vaccinare tutti entro l'estate. Tuttavia, la situazione sarebbe complicata se i farmaci approvati non fossero efficaci contro le nuove mutazioni. È quindi importante che arrivino sul mercato dei preparati basati su diverse tecnologie. I vaccini sono attualmente merce rara a livello globale. Per il successo della lotta contro la pandemia è quindi importante che siano distribuiti in tutto il mondo nel modo più rapido, giusto ed equo possibile, perché: Covid anywhere is Covid everywhere! (Covid da qualche parte significa Covid ovunque, ndr).»

Quale corso si aspetta che la pandemia prenda in Svizzera nelle prossime settimane? Vede la luce in fondo tunnel?

«Sono cautamente ottimista per le prossime settimane, poiché il numero di casi e di ricoveri è in costante diminuzione. Tuttavia, siamo tutti molto preoccupati per la diffusione di mutazioni più infettive. Il coronavirus non sparirà. Dobbiamo continuare a imparare come gestirlo. Le prospettive sono chiaramente migliori di quelle di un anno fa. Presumo che alla fine di febbraio, in qualche maniera, ci sarà un piccolo allentamento per tutti noi. Eventualmente sarà di nuovo preso in considerazione l'insegnamento con presenza nelle università. È però ancora troppo presto per grandi passi verso l'ammorbidimento delle misure di protezione. Il pericolo di un aumento esponenziale di mutazioni pericolose è troppo grande. I modelli matematici indicano che si sta creando una terza ondata, e che essa è ancora nascosta nella seconda ora in declino. Di conseguenza per marzo è richiesta una ulteriore grande cautela. Mantenere la distanza e indossare maschere igieniche è essenziale. Spero molto che la campagna di vaccinazione guadagni slancio. Siamo su una buona strada, ma ci vorrà del tempo».

Ci sono state pandemie simili in passato?

«L'ultima grande pandemia globale comparabile è stata l'influenza spagnola, poco più di cento anni fa. Si stima che 500 milioni di persone furono infettate e la pandemia costò tra i 20 e i 50 milioni di vite. Meno estrema fu la SARS nel 2002/2003, con circa 8000 casi in 25 paesi e 774 morti in tutto il mondo. La MERS (Middle East Respiratory Syndrome o sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus, conosciuta anche come influenza cammello) del 2012 e l'Ebola dal 2014 al 2016 erano più limitate geograficamente e si è riusciti a portare queste pandemie sotto controllo in pochi mesi o anni».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 mese fa su tio
Nella spagnola i decessi furono causati da infezione batterica a seguito del virus. Meditiamo.
Didimon 1 mese fa su tio
L'umanità e la piaga del mondo con i vostri intrallazzi economici, inquinate e distruggete.. Ma poi... 🤫☠️☠️☠️☠️
Zuma 1 mese fa su tio
Quindi la colpa ricade sul popolo!!! In estate la cosiddetta task force intrisa di scienziati, è stata a guardare per dirvi poi che la colpa della seconda ondata è la nostra. Piantiamola di continuare con questa narrazione terroristica e diciamo per una volta la verità sulla gestione di un’influenza che ha lo 0.2%di mortalità!
ciapp 1 mese fa su tio
@Zuma pienanente d'accordo , ogni scenziato ha la sua teoria e se non la indovina la colpa é sempre del povero cittadino
seo56 1 mese fa su tio
Ma va!! L’importante è non aprire a casaccio e non allentare le misure di contenimento
TomGambarogno 1 mese fa su tio
che la situazione sia sfuggita di mano non ci sono dubbi
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Il Blick lo dà per certo
SVIZZERA
2 ore
«I bilaterali sono ancora attuali e hanno un futuro»
Il presidente dell'Unione sindacale svizzera dubita che l'Ue voglia innescare un'escalation in merito all'accordo quadro
SVIZZERA
4 ore
Quanto vaccino che viene sprecato
Ogni singola ampolla contiene più dosi di quelle previste. Ma nel nostro paese ciò che avanza non viene utilizzato.
SVIZZERA
14 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
15 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
15 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
16 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
19 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
19 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
20 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile