keystone
BERNA
14.02.21 - 10:320

Sale la pressione sul Consiglio federale per le riaperture

I principali sostenitori degli allentamenti sono i cantoni.

Secondo Marco Chiesa (UDC) la popolazione ha bisogno di un piano che mostri, passo dopo passo, a quali condizioni le misure potranno essere allentate

BERNA - Salgono da più parti le pressioni sul Consiglio federale, che mercoledì si riunirà per decidere su eventuali allentamenti delle misure di contenimento della pandemia.

Riaprire i negozi - Sulle colonne del "SonntagsBlick", il presidente dell'UDC Marco Chiesa afferma che la popolazione ha bisogno di un piano che mostri, passo dopo passo, a quali condizioni le misure potranno essere allentate.

Il consigliere agli Stati ticinese ritiene che i negozi dove può essere garantita la distanza di sicurezza debbano poter riaprire. E in merito alla riunione del Consiglio federale di mercoledì Chiesa afferma: «Presumo che i consiglieri federali dell'UDC porteranno proposte in questa direzione».

Secondo la "SonntagsZeitung", i principali sostenitori delle riaperture sono i cantoni. Bisogna riaprire in primo luogo i negozi che vendono beni non essenziali, ha detto al domenicale il presidente del governo vallesano Christoph Darbellay.

In dichiarazioni riportate dal "SonntagsBlick", Mauro Poggia, direttore del Dipartimento della sanità del canton Ginevra, chiede di riaprire le strutture per il fitness e lo sport, le piscine e i piccoli eventi culturali per i quali è possibile garantire il rispetto delle norme igieniche.

E anche i ristoranti - Anche Anne-Claude Demierre, direttrice della sanità del canton Friburgo, auspica, secondo la "SonntagsZeitung", la riapertura di negozi, musei e strutture sportive, come pure un'apertura graduale dei ristoranti.

«La popolazione è stanca, e molte industrie soffrono per il lockdown», ha detto da parte sua il direttore del Dipartimento della sanità del canton Zugo Martin Pfister.

Quattro tappe - Secondo la "NZZ am Sonntag", l'economia vuole tornare alla normalità in quattro tappe. Economiesuisse e l'Unione svizzera degli imprenditori hanno presentato questa settimana al Consiglio federale la loro strategia per l'uscita dal semi confinamento. Chiedono la riapertura dal primo marzo di tutti i negozi, come pure la fine dell'obbligo di lavorare da casa e l'abbandono del limite di cinque persone per le riunioni.

Molto dipende dai vaccini - Ulteriori allentamenti dovrebbero quindi dipendere dal progresso della campagna di vaccinazione.

Secondo il "SonntagsBlick", anche Gastrosuisse ha sottoposto al Consiglio federale un piano che prevede la riapertura dei ristoranti a partire dal primo marzo, nel rispetto di severi piani di protezione (chiusura alle 23.00, distanziamento, obbligo della mascherina fino a quando ci si siede e nessuna consumazione in piedi).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Boh! 1 mese fa su tio
Aprire gli occhi e guardare i numeri...
Didimon 1 mese fa su tio
Quando in tutta la Svizzera e nei ristoranti vigeva il consiglio di indossare le mascherine.... Nella nostra capitale nessuno la metteva.. Men che meno in piazza federale nei loro ristoranti.. Io lo avevo fatto presente al nostro caro Norman Gobbi. La sua risposta.. : ogni cantone decide individualmente.... E ora ristoranti chiusi per colpa di Berna 🤣🤣🤣🤣🤣🤣
ciapp 1 mese fa su tio
chiudiamo il palazzo federale e mandiamo i 7 poffi in quarantena fino a giungno
seo56 1 mese fa su tio
Ma anche no!!! Sarebbe da irresponsabili e ignoranti
Capra 1 mese fa su tio
Situazione drammatica
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Il Blick lo dà per certo
SVIZZERA
2 ore
«I bilaterali sono ancora attuali e hanno un futuro»
Il presidente dell'Unione sindacale svizzera dubita che l'Ue voglia innescare un'escalation in merito all'accordo quadro
SVIZZERA
4 ore
Quanto vaccino che viene sprecato
Ogni singola ampolla contiene più dosi di quelle previste. Ma nel nostro paese ciò che avanza non viene utilizzato.
SVIZZERA
14 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
15 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
15 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
16 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
20 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
20 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
20 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile