Immobili
Veicoli
Keystone
VAUD
13.02.21 - 21:390

Test di massa nelle località sciistiche: meno dell'1% è positivo

Le analisi sono avvenute negli scorsi giorni a Villars-sur-Ollon, Les Diablerets e Leysin

LOSANNA - I test di massa effettuati negli scorsi nove giorni nelle tre località sciistiche vodesi di Villars-sur-Ollon, Les Diablerets e Leysin hanno fornito un «bilancio rassicurante»: in totale, su oltre 2'650 test, meno dell'1% è risultato positivo.

Per rafforzare la lotta al coronavirus e identificare in anticipo eventuali focolai, il Canton Vaud ha avviato uno screening su larga scala nei tre centri delle Prealpi vodesi. Su nove giorni, tutte le persone presenti a partire dai dodici anni - residenti, impiegati e turisti - hanno potuto presentarsi senza appuntamento a Villars-sur-Ollon (dal 5 al 7 febbraio), Les Diablerets (dall'8 al 10) e Leysin (dall'11 fino a questa sera) per effettuare un test rapido gratuito.

L'idea era quella di intervenire nei comprensori sciistici, in previsione delle vacanze scolastiche che iniziano il prossimo 20 febbraio. Questo per evitare ad ogni costo focolai prima delle ferie, fase fondamentale per la regione, ma anche per rassicurare i turisti e gli abitanti di queste stazioni.

Dei 2'659 test effettuati, solo 26 sono risultati positivi (0,98%). Si tratta di un risultato rassicurante, ha indicato questa sera il Canton Vaud in un comunicato. In dettaglio, sono stati condotti 1'147 test a Villars, di cui 23 positivi (1,97%), 599 test a Les Diablerets, di cui uno positivo (0,17%) e 913 a Leysin, di cui due positivi (0,22%). Tra i casi positivi, un quarto delle persone erano asintomatiche.

Ciò, spiega il Cantone, ha permesso la rapida attuazione delle procedure di tracciamento dei contatti, interrompendo così le catene di trasmissione del virus e lo sviluppo di focolai. La quota emersa corrisponde a ciò che è stato osservato in operazioni simili condotte altrove in Svizzera e in Europa, precisa il comunicato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
3 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
5 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
ARGOVIA
8 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
BERNA
8 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
BERNA
9 ore
Quasi 40 mila nuovi contagi
Sono 14 i nuovi decessi segnalati e 176 le persone ricoverate in ospedale.
SVIZZERA
11 ore
Guadagni persi a causa del Covid, l'assicurazione non dovrà pagare
Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di un assicuratore che non dovrà versare 40'000 franchi a un ristoratore.
NEUCHÂTEL
12 ore
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
SONDAGGIO
ZURIGO
17 ore
La violenza contro il personale ospedaliero è in costante aumento
Gli ospedali di tutta la Svizzera segnalano aggressioni da parte dei pazienti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile