Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
12.02.21 - 12:450
Aggiornamento : 14:18

"No" all'obbligo di vaccinazione, anche per il personale sanitario

È l'opinione della Commissione nazionale d'etica per la medicina

Le «disparità di trattamento che favorirebbero le persone vaccinate potrebbero essere giustificate solo se la vaccinazione proteggesse pure contro la trasmissione del virus e se tutti vi avessero accesso».

BERNA - La Commissione nazionale d'etica per la medicina (CNE) è contraria a un obbligo generale della vaccinazione anticoronavirus. A suo avviso, ciò interferirebbe «in maniera sproporzionata con i diritti fondamentali», si legge in una nota odierna.

Inoltre, la CNE si oppone pure a un obbligo di vaccinazione per certi gruppi della popolazione, in particolare il personale sanitario. Al momento attuale, il solo effetto provato della somministrazione del vaccino è la protezione individuale delle persone interessate, fa valere la commissione.

Secondo la CNE, il fatto di prescrivere una tale autoprotezione per gruppi di persone specifiche sarebbe «paternalista e ingiustificato». Anche se fosse dimostrato che il vaccino protegga contro la trasmissione del virus, i vantaggi della vaccinazione obbligatoria di taluni gruppi dovrebbe essere «accuratamente soppesata rispetto agli svantaggi associati». Metodi più morbidi e efficaci devono essere privilegiati prima di introdurre una vaccinazione obbligatoria.

«Disparità di trattamento» - Secondo la Commissione nazionale d'etica, le presumibili «disparità di trattamento che favorirebbero le persone vaccinate potrebbero essere giustificate solo se la vaccinazione proteggesse pure contro la trasmissione del virus e se tutte le persone desiderose di farsi vaccinare vi avessero accesso». La CNE raccomanda inoltre di risolvere esplicitamente le questioni sollevate dal certificato di vaccinazione al fine di rafforzarne la legittimità democratica nonché di garantire la certezza giuridica.

La Commissione d'etica non esclude che, a determinate condizioni, un certificato di vaccinazione possa essere richiesto per talune attività. Tuttavia, «è imperativo vigilare affinché vengano preservati i diritti fondamentali di tutte e di tutti, ridotti al minimo le eventuali disparità di trattamento e soddisfatti i bisogni fondamentali di ogni persona».

La CNE distingue due situazioni: fintanto che non si saprà se le persone vaccinate continuano a trasmettere il virus, l'accento deve essere posto sulla protezione individuale, in primis delle persone a rischio, poi di tutte quelle che vogliono farsi vaccinare.

«Adattarsi ai diversi tipi di pubblico» - La CNE esige inoltre che la comunicazione ufficiale volta ad incoraggiare la popolazione a farsi vaccinare sia adattata ai diversi tipi di pubblico ai quali si rivolge. Deve fondarsi su argomenti scientifici, affinché i cittadini possano prendere una decisione che tenga conto delle incertezze esistenti.

Infine, la CNE chiede un maggiore coinvolgimento della Svizzera in favore dell'accesso ai vaccini per i Paesi più poveri. Dovrebbe in particolare partecipare più attivamente nell'ambito dell'iniziativa Covax, un dispositivo guidato dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e volto a garantire un accesso equo ai vaccini contro il coronavirus.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
35 min
Messi in quarantena per sbaglio
Viaggiatori che non provenivano da paesi a rischio hanno ricevuto un messaggio d'isolarsi ed evitare contatti
SVIZZERA
6 ore
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
Ginevra
6 ore
Crivella di colpi l'amico, condannato a 16 anni
I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè
SVIZZERA
8 ore
Nuove misure anti-Covid: la soddisfazione di bar e club
Il Consiglio federale «ci ha ascoltati» si legge in un comunicato, che parla di «segnale importante» per il settore
SVIZZERA
10 ore
Ecco le nuove misure decise dal governo
Nuove restrizioni contro il Covid: è iniziata la conferenza stampa da Palazzo Federale. Segui la diretta
SVIZZERA
10 ore
I contagi in Svizzera rimangono sotto i 10mila
A livello nazionale il 75,03% della popolazione over 12 è completamente vaccinato
SVIZZERA/GERMANIA
10 ore
La Svizzera è nella black-list tedesca
La decisione di Berlino: quarantena di dieci giorni per i non vaccinati in arrivo dalla Confederazione
SVIZZERA
11 ore
Vaccinazione anti-Covid gratuita anche nel 2022, frontalieri compresi
Il Consiglio federale ha stabilito che le spese continueranno a essere assunte dall'assicurazione sanitaria obbligatoria
SVIZZERA
11 ore
L'obbligo di quarantena mette in ginocchio il turismo
L'appello del direttore dell'aeroporto di Zurigo: «Il Consiglio federale deve aggiustare rapidamente il tiro»
VALLESE
13 ore
Vuoi un vigneto in Vallese? Basta un franco
L'uva non è più redditizia e i coltivatori se ne disfano a prezzi simbolici
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile