Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
11.02.21 - 14:330

Ritirate perché contaminate, ma erano «sicure»

Tuttavia, non possono ancora essere utilizzate poiché serve una nuova certificazione da parte di un istituto in Germania

BERNA - Le mascherine fornite dalla Confederazione e ritirate a titolo precauzionale a luglio, a causa di una possibile presenza di funghi, sono in realtà «assolutamente sicure». È quanto ha affermato questa mattina in conferenza stampa a Berna Daniel Aeschbach, capo della Farmacia dell'esercito. Le analisi hanno mostrato risultati microbiologici «al di sotto del valore limite».

Le mascherine, tuttavia, non possono ancora essere utilizzate poiché è necessaria una nuova certificazione da parte di un istituto in Germania, ha aggiunto Aeschbach.

Lo scorso 9 luglio la Confederazione aveva richiamato a titolo precauzionale tre tipi di mascherine che la Farmacia dell'esercito - su incarico dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) - aveva fornito a tutti i Cantoni affinché venissero distribuite al servizio sanitario e alla protezione della popolazione.

Il richiamo era scattato in seguito a informazioni del laboratorio degli Ospedali universitari di Ginevra (HUG), secondo il quale era stata rilevata la presenza di una contaminazione microbiologica sotto forma di muffa in diversi campioni di mascherine, tra cui anche quelle fornite dalla Confederazione. Dopo il richiamo, la Confederazione ha offerto ai Cantoni e agli altri destinatari mascherine sostitutive gratuite.

In seguito, nuove analisi non hanno mostrato la presenza di «un errore sistematico relativo alla contaminazione da germi durante la produzione, l'imballaggio o lo stoccaggio», ha poi spiegato Aggruppamento difesa a metà ottobre.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
8 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
8 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
11 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
14 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
14 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
14 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
14 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
15 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
17 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile