Tamedia
SVIZZERA
10.02.21 - 06:020

L'iniziativa anti-burqa si fa strada anche a Sinistra

In generale il prossimo 7 marzo il 65% dei cittadini intende votare “sì”, secondo il sondaggio di 20 minuti e Tamedia

Si delinea invece un “no” per l'identità elettronica. Mentre sono ancora molti gli indecisi sul libero scambio con l'Indonesia

BERNA - Le donne con il burqa sono davvero un problema per la società elvetica? Sembra di sì, perlomeno secondo quanto emerge dal secondo sondaggio di 20 minuti e Tamedia in vista della votazione federale del prossimo 7 marzo: resta infatti alto il sostegno all'iniziativa popolare “Sì al divieto di dissimulare il proprio viso” (Iniziativa anti-burqa). Anzi, rispetto al rilevamento dello scorso gennaio è pure in aumento: attualmente il 65% dei cittadini intende votare “sì” (rispetto al 63% del primo sondaggio). I contrari sono invece al 34%.

Il sostegno arriva soprattutto dai ranghi del centro-destra, in primis dagli elettori dell'UDC: tra i democentristi i favorevoli sono infatti al 95%. Ma l'iniziativa si fa strada anche tra i simpatizzanti del PS e dei Verdi, dove rispettivamente il 38% e il 36% dei cittadini intende votare “sì”.

Con il 70%, resta praticamente invariata (prima era del 71%) la percentuale di favorevoli in Ticino, dove la legge cantonale sulla dissimulazione del volto è realtà dal luglio del 2016.

Le motivazioni? Per i favorevoli la dissimulazione del volto è l'espressione dell'islam radicale e non fa quindi parte della cultura occidentale. I contrari ritengono invece che nel nostro paese siano poche le donne con burqa e niqab. E che in ogni caso non spetti allo Stato dare disposizioni sull'abbigliamento.

Verso la bocciatura dell'identità elettronica - Se poche settimane fa l'esito degli altri due oggetti in votazione era ancora incerto, ora si sta invece delineando una bocciatura alle urne per la legge federale sui servizi d'identificazione elettronica. I contrari sono infatti saliti dal 47 al 55%, mentre i favorevoli sono ora al 40%. Resta comunque un 5% d'indecisi.

La maggior parte dei contrari sostiene che l'emissione di strumenti d'identificazione debba restare nelle mani dello Stato, anche nel caso dell'identità elettronica. Chi intende invece votare “sì”, lo fa soprattutto perché i mezzi d'identificazione attuali come l'indirizzo e-mail e la password sarebbero troppo complicati.

Molta indecisione sul libero scambio - Il prossimo 7 marzo saremo chiamati a esprimerci anche sull'accordo di partenariato economico tra gli Stati AELS e l'Indonesia. Una questione, questa, su cui c'è ancora molta indecisione: il 13% dei cittadini afferma infatti di non sapere ancora come votare. Al momento i contrari sono al 44%, i favorevoli al 43%.

Il sondaggio

Sono 14'204 le persone da tutta la Svizzera che dal 4 al 5 febbraio 2021 hanno preso parte al secondo sondaggio 20 minuti/Tamedia sulle votazioni federali del 7 marzo 2021. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,3%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
42 min
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
6 ore
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
7 ore
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
SVIZZERA/CINA
8 ore
La missione di Cassis non decolla
Il consigliere federale ticinese dovrà tornare in patria a seguito del guasto all'aereo. «Cercheremo una nuova data»
SVIZZERA
8 ore
Vaccino ed effetti collaterali: in Svizzera 10'386 casi
Il 65% delle notifiche è stato classificato come non serio. I preparati impiegati nel nostro paese restano sicuri
SVIZZERA
9 ore
Mascherine, certificati e booster: nuove misure a Berna, Sciaffusa e Uri
Dopo che il Governo federale ha rinunciato a un inasprimento dei provvedimenti, altri Cantoni si sono attivati
SVIZZERA
10 ore
Anche oggi più di ottomila contagi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono stati effettuati 106 nuovi ricoveri per Covid
SVIZZERA
11 ore
Nuova variante: l'Ufsp non si scompone
Per il momento la Svizzera non prende nessuna misura. «Monitoriamo la situazione»
SVIZZERA/RUSSIA
12 ore
Guasto tecnico all'aereo di Cassis
Atterraggio imprevisto per il jet che stava trasportando il consigliere federale in Cina. E non è la prima volta
GRIGIONI
12 ore
«Il booster per salvare la stagione»
Il governo grigionese si gioca il tutto per tutto con la terza dose. Intervista al consigliere di Stato Peter Peyer
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile