Tamedia
SVIZZERA
08.02.21 - 11:400

Amnesty sul divieto di burqa: «Sproporzionato e contrario a diritti umani»

L'oggetto in votazione il prossimo 7 marzo «è una manovra politica che gioca sui simboli»

BERNA - L'iniziativa popolare che intende vietare la dissimulazione del visto, sulla quale si voterà il 7 marzo, usa le donne per diffondere una visione stereotipata dell'Islam, fomentare le paure e introdurre una nuova legge che viola i diritti umani delle minoranze. Lo afferma in una nota odierna Amnesty International (AI).

Secondo Cyrielle Huguenot, responsabile Diritti delle donne di AI, «il divieto di coprirsi il viso non fa nulla per liberare le donne, al contrario. È una manovra politica che gioca sui simboli, che discrimina le donne interessate e viola la loro libertà di opinione e di religione».

Secondo AI, una limitazione di questi diritti sanciti dalla Costituzione deve essere giustificata da un interesse pubblico superiore e deve essere proporzionata. Ebbene, nota Huguenot, «in Svizzera solo una manciata di donne musulmane nascondono il loro volto». Il problema invocato dai promotori dell'iniziativa è quindi solo immaginato: «La maggior parte di queste donne sono convertite che indossano il niqab di loro spontanea volontà».

Nel comunicato, AI sottolinea inoltre che la legge permette già di punire chiunque costringa qualcuno a nascondere il proprio volto. «Un divieto - asserisce la nota - mancherebbe quindi il suo obiettivo e causerebbe danni a coloro che pretende di salvare: le poche donne costrette dai loro mariti o dalla loro comunità a portare il velo integrale rischiano di essere criminalizzate e isolate».

Il Comitato delle Nazioni Unite per i diritti umani ha chiarito, in due decisioni risalenti al 2018, che gli Stati parte, Svizzera inclusa, possono richiedere agli individui di mostrare il loro volto in determinate circostanze ai fini della verifica dell'identità. Ma un divieto generale di nascondere il viso è, secondo il Comitato, una misura troppo drastica.

Qualora l'iniziativa dovesse venir bocciata alle urne, come chiedono Parlamento e Consiglio federale, entrerebbe in vigore il controprogetto indiretto che obbliga effettivamente a mostrare il volto quando richiesto da funzionari o impiegati in determinate circostanze, come l'emissione di un documento di identità o di un abbonamento a un mezzo di trasporto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Cosa ci dirà Berset domani?
Il Consiglio federale è pronto a comunicare le nuove misure anti-Covid. Ecco alcune anticipazioni
GINEVRA
9 ore
Omicron nel campus, duemila in quarantena
Due contagi nella Scuola internazionale di Ginevra hanno fatto scattare massicce misure di contenimento
SVIZZERA
9 ore
«Introdurre una tassa per i non vaccinati»
Lo ha proposto Sanija Ameti, co-presidente del movimento Operation Libero
GRIGIONI
11 ore
In vacanza in hotel, ma solo se vaccinati o guariti
Al Kulm di St.Moritz la stagione turistica invernale inizia con una stretta sulle misure sanitarie
SVIZZERA
12 ore
«Presto potremmo dover decidere chi curare e chi no»
Il personale di cura lancia l'ennesimo allarme: le risorse sono scarse e i pazienti continuano ad aumentare.
SVIZZERA
13 ore
Un nuovo record di pacchi per la Posta
Sono 7,4 milioni quelli recapitati tra il 22 e il 30 novembre 2021. Centomila in più rispetto alla Cyber Week del 2020
SVIZZERA
14 ore
Decessi legati al Covid-19 quasi raddoppiati in una settimana
Il tasso di positività per 100mila abitanti è passato da 437,6 a 590,6: ben oltre il doppio del Ticino (269,2).
SVIZZERA
15 ore
Quarto caso di Omicron in Svizzera
La persona contagiata è rientrata nove giorni fa dal Sudafrica.
ZURIGO
16 ore
Pacchetti nel mirino dei ladri
I malviventi sono entrati in azione oggi in un quartiere di Opfikon
SVIZZERA
16 ore
Si torna sotto i 10mila contagi
I pazienti Covid occupano ora il 26,9% dei posti letto di terapia intensiva.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile