Tamedia
SVIZZERA
08.02.21 - 11:400

Amnesty sul divieto di burqa: «Sproporzionato e contrario a diritti umani»

L'oggetto in votazione il prossimo 7 marzo «è una manovra politica che gioca sui simboli»

BERNA - L'iniziativa popolare che intende vietare la dissimulazione del visto, sulla quale si voterà il 7 marzo, usa le donne per diffondere una visione stereotipata dell'Islam, fomentare le paure e introdurre una nuova legge che viola i diritti umani delle minoranze. Lo afferma in una nota odierna Amnesty International (AI).

Secondo Cyrielle Huguenot, responsabile Diritti delle donne di AI, «il divieto di coprirsi il viso non fa nulla per liberare le donne, al contrario. È una manovra politica che gioca sui simboli, che discrimina le donne interessate e viola la loro libertà di opinione e di religione».

Secondo AI, una limitazione di questi diritti sanciti dalla Costituzione deve essere giustificata da un interesse pubblico superiore e deve essere proporzionata. Ebbene, nota Huguenot, «in Svizzera solo una manciata di donne musulmane nascondono il loro volto». Il problema invocato dai promotori dell'iniziativa è quindi solo immaginato: «La maggior parte di queste donne sono convertite che indossano il niqab di loro spontanea volontà».

Nel comunicato, AI sottolinea inoltre che la legge permette già di punire chiunque costringa qualcuno a nascondere il proprio volto. «Un divieto - asserisce la nota - mancherebbe quindi il suo obiettivo e causerebbe danni a coloro che pretende di salvare: le poche donne costrette dai loro mariti o dalla loro comunità a portare il velo integrale rischiano di essere criminalizzate e isolate».

Il Comitato delle Nazioni Unite per i diritti umani ha chiarito, in due decisioni risalenti al 2018, che gli Stati parte, Svizzera inclusa, possono richiedere agli individui di mostrare il loro volto in determinate circostanze ai fini della verifica dell'identità. Ma un divieto generale di nascondere il viso è, secondo il Comitato, una misura troppo drastica.

Qualora l'iniziativa dovesse venir bocciata alle urne, come chiedono Parlamento e Consiglio federale, entrerebbe in vigore il controprogetto indiretto che obbliga effettivamente a mostrare il volto quando richiesto da funzionari o impiegati in determinate circostanze, come l'emissione di un documento di identità o di un abbonamento a un mezzo di trasporto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
3 ore
Villa sul lago, Federer con le spalle al muro
Il cantiere di costruzione è fermo, un'associazione ecologista ha presentato ricorso.
BERNA
7 ore
Due svizzere disegnano l'introduzione dei Simpson
La celebre scena del divano andrà in onda stasera negli Stati Uniti.
SONDAGGIO
ZURIGO
10 ore
Gli uomini guardano più porno, con conseguenze
Durante la pandemia, il consumo eccessivo di pornografia in rete è aumentato notevolmente.
ZURIGO
10 ore
Con sei chili di cocaina in auto, arrestato "turista" olandese
La droga, dal valore di circa mezzo milione di franchi, era stata accuratamente nascosta.
BERNA
12 ore
Migliaia di test PCR scaduti, erano stati acquistati per eventuali emergenze
Costo per la Confederazione? Circa 14 milioni di franchi
SVIZZERA
13 ore
Marco Chiesa attacca i consiglieri federali "disorientati" del PLR
Il ticinese denuncia i «continui patti con la sinistra» di un partito «che non rappresenta alcuna posizione borghese».
FOTO
GRIGIONI
14 ore
In fiamme un capannone, danni per oltre un milione
Diverse squadre di pompieri si sono recate sul posto. Non dovrebbero esserci feriti.
ZURIGO
15 ore
Bambini e adolescenti, più che raddoppiati i tentativi di suicidio
Lo psicologo Markus Landolt sostiene che la causa principale è da ricondurre al coronavirus.
SVIZZERA
16 ore
Accordo quadro: Cassis presto a Bruxelles con Parmelin
«Nessun altro consigliere federale conosce il dossier come lo conosco io», ha sottolineato il ticinese.
SVIZZERA
1 gior
Roche: i test fai da te sono già esauriti
Tuttavia, da settimana prossima le consegne dovrebbero riprendere a pieno ritmo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile