keystone
SVIZZERA
07.02.21 - 13:060

«Le pari opportunità vanno promosse nel quotidiano»

Karin Keller-Sutter lancia un appello nell'anniversario del suffragio universale

BERNA - Nel giorno dei 50 anni dall'introduzione del suffragio femminile in Svizzera, la "ministra" di giustizia Karin Keller-Sutter ha lanciato un appello a promuovere le pari opportunità per le donne nella vita quotidiana. Occorre un contributo non solo in politica, ma anche nel privato e sul posto di lavoro, ha sottolineato la consigliera federale del PLR.

«Siamo in una situazione molto diversa oggi rispetto a cinquant'anni fa, ma qualcosa non è cambiato: bisogna prendersi cura della democrazia e della libertà di espressione» ha scritto la responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia su Twitter. «E l'uguaglianza ha bisogno della volontà e del contributo di donne e uomini, ogni giorno, non solo nell'arena politica ma anche a casa e sul lavoro».

Senza questo impegno nella propria vita quotidiana, forse non ci sarebbe stato il risultato di 50 anni fa, ha detto Keller-Sutter. «Le donne - ha aggiunto - non hanno convinto solo il Consiglio federale e il parlamento delle loro rivendicazioni, ma anche i loro mariti, padri, figli e colleghi di lavoro».

Oltre a Karin Keller-Sutter, altri consiglieri federali, politici e organizzazioni hanno commemorato l'anniversario. La celebrazione ufficiale dei 50 anni del suffragio femminile al palazzo del parlamento di Berna è stata rinviata a causa della pandemia da coronavirus. Dovrebbe svolgersi il 2 settembre con ospiti dalla politica, dell'economia e dalla società civile.

Il 7 febbraio 1971, gli elettori svizzeri hanno approvato i diritti di voto e di eleggibilità federali per le donne con il 66% dei favori e un'affluenza del 58%. All'epoca, le donne avevano diritto di voto cantonale e comunale solo in nove Cantoni. La Svizzera divenne così il terzultimo paese in Europa a introdurre il suffragio femminile nazionale. Solo Portogallo (1974) e Liechtenstein (1984) l'hanno introdotto più tardi. Ultimo rimane il Vaticano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
33 min
Lunga vita alla radio FM
Una mozione chiede la disattivazione solo quando DAB e radio web avranno raggiunto una quota di mercato del 90%
SVIZZERA
36 min
Maltempo, nuova neve in Svizzera
Svizzera tedesca imbiancata anche in pianura.
SVIZZERA
3 ore
Il "certificato" sulla bocca di tutti
Si tratta del termine più significativo dell'anno elvetico. Al secondo posto "urgenza", seguita da "exploit"
Berna
14 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
SVIZZERA
15 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
17 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
SVIZZERA
18 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
18 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
LUCERNA
19 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
20 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile