Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERa
05.02.21 - 20:100
Aggiornamento : 06.02.21 - 08:13

«Basta chiusura-apertura-chiusura, il Covid non è nei negozi»

La Swiss Retail Federation chiede piani di protezione, test più ampi e migliore tracciabilità, anziché chiusure

Per il settore si registra una perdita di circa 800 milioni di franchi a settimana.

BERNA - In una presa di posizione pubblicata oggi, l'associazione svizzera del commercio al dettaglio chiede la fine delle chiusure di negozi a livello nazionale. Dopo circa un anno, ci si deve rendere conto che il virus è in continua mutazione e che i "lockdown" non sono una strategia sostenibile e proporzionata.

È quindi necessario un cambiamento di paradigma, scrive in un comunicato la Swiss Retail Federation, che riunisce circa 5'500 aziende. L'associazione di categoria ricorda che, con circa 310'000 posti di lavoro, il commercio al dettaglio è il più grande datore di lavoro privato in Svizzera.

Invece di chiusure generalizzate, sono auspicati concetti di protezione per tutti i negozi e una prospettiva per il settore a partire dal primo di marzo. Fra le altre cose, sono richiesti anche test più ampi e una migliore tracciabilità dei contatti.

Secondo la federazione, dal 18 gennaio in tutta la Svizzera sono stati chiusi dalla Confederazione oltre diecimila negozi del commercio al dettaglio che non vendono alimenti o beni di uso quotidiano. Per il settore si registra una perdita di circa 800 milioni di franchi a settimana, sottolinea il comunicato odierno.

Per la chiusura fino alla fine di febbraio, la seconda dopo quella della scorsa primavera, si stima una perdita di fatturato di circa 4,8 miliardi di franchi, con profonde conseguenze. Nonostante il regolamento per i cosiddetti casi di rigore, il commercio al dettaglio deve sostenere i costi fissi, che per molti negozi sono coperti solo in misura del 2 al 9%.

Un'estensione del periodo di chiusura o un successivo rinnovato blocco distruggerebbe le prospettive future delle aziende, scrive la Swiss Retail Federation. E con tali misure lo Stato svizzero avvantaggia artificiosamente i rivenditori online stranieri come Zalando o Amazon.

Per l'associazione di categoria è incomprensibile che i negozi di vestiti, di scarpe e di libri siano chiusi mentre gli studi di tatuaggi e di erotismo possono in linea di massima rimanere aperti. Viene quindi auspicata una regolamentazione «coerente e basata sul rischio».

La federazione motiva le richieste sottolineando che il virus SARS-CoV-2 non scompare da un giorno all'altro con un blocco delle attività. Un cambiamento di paradigma è quindi necessario, lontano dalla pratica di «chiusura-apertura-chiusura».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
NEUCHÂTEL
48 min
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
FOTO
ARGOVIA
4 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
SONDAGGIO
ZURIGO
5 ore
La violenza contro il personale ospedaliero è in costante aumento
Gli ospedali di tutta la Svizzera segnalano aggressioni da parte dei pazienti
SOLETTA
14 ore
Minacce con pistola su Tiktok, 23enne in arresto
In un live streaming il giovane ha minacciato di sparare a se stesso o ad altri.
SVIZZERA/FRANCIA
19 ore
Svizzero muore di ipotermia nell'indifferenza dei passanti
Il fotografo René Robert è caduto a terra nel cuore di Parigi, ma nessuno, per nove ore, l'ha aiutato.
ZURIGO
21 ore
Processo Vincenz: chiesti 6 anni
Secondo la procura l'ex direttore di Raffeisen ha causato danni finanziari anche fatali per la società Aduno
SVIZZERA
21 ore
Condanna in appello per Illi e Blancho
Al primo sono stati inflitti 16 mesi per dei video di propaganda islamica. Il secondo dovrà pagare una multa.
BERNA
22 ore
Aumento dei premi in vista secondo Santésuisse
Ciò a causa della crescita delle spese, specie nel settore ambulatoriale medico e ospedaliero
SVIZZERA
22 ore
Demolito il record di ieri: oggi quasi 45mila casi in Svizzera
Si tratta di un nuovo picco assoluto dall'inizio della crisi sanitaria.
SAN GALLO
1 gior
Vendevano migliaia di Covid Pass illegali, arrestati
I certificati sarebbero stati creati attraverso gli account di alcuni dipendenti di vari centri test.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile