Screenshot/schulcluster.ch
SVIZZERA
03.02.21 - 22:550

Una cartina non ufficiale mostra i focolai nelle scuole

L'ha creata una mamma di uno studente, che mira a sensibilizzare l'opinione pubblica sulle infezioni in classe.

Per Berna la chiusura generalizzata al momento non è un'opzione.

BERNA - Una Svizzera disseminata di cartelli di pericolo biologico. Si presenta così la cartina ideata da una mamma, che grazie alle segnalazioni raccoglie tutti i focolai con variante inglese e sudafricana presenti nelle scuole. Attualmente la cartina mostra più di 100 cartelli distribuiti nella metà dei Cantoni, Ticino compreso. 

Si tratta del primo documento, non ufficiale, che raccoglie i dati a livello nazionale. L'UFSP infatti non ha rilasciato statistiche in merito, in quanto spetta ai singoli Cantoni agire a livello locale nelle scuole. 

Dietro al progetto c'è una mamma di un bambino delle scuole elementari di Berna, che vuole rimanere anonima per paura di ripercussioni. 

L'intento della cartina (che segnala le scuole in cui vi è almeno una classe in quarantena) è sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema dei casi di coronavirus nelle scuole. Ogni giorno la mamma riceve una trentina di nuove segnalazioni da parte di insegnanti, medici e genitori. 

Misure di protezione - Stando alla donna, il numero di focolai e le sempre più frequenti chiusure scolastiche sono la prova che le misure di protezione all'interno delle scuole non stanno funzionando. La donna, sentita da 20 Minuten, propone quattro settimane di chiusura delle scuole. E se l'istruzione a distanza non dovesse essere possibile, sono necessari ulteriori misure di protezione all'interno delle scuole, come ad esempio classi più piccole, rinunciare alle lezioni di ginnastica e di canto, e dotare le aule di un filtro dell'aria. Propone anche di togliere l'obbligo di frequenza se i genitori sono in grado di insegnare a casa. 

Anche l'UFSP si è chinato sul problema delle infezioni nelle scuole. «In effetti ci sono sempre più focolai negli istituti scolastici nelle ultime settimane, legate alle mutazioni» ha dichiarato ieri Patrick Mathys, capo della Sezione gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell’UFSP. «Siamo in contatto con i direttori scolastici per esaminare le possibili misure» ha aggiunto. 

«La chiusura generale delle scuole in questo momento non è un'opzione per il governo federale» ha dichiarato martedì il consigliere federale Alain Berset. «In caso di focolai locali, la chiusura del singolo istituto funziona bene». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
I ticinesi «fanno bene» a testarsi per andare in Italia
Gli esperti della Confederazione fanno il punto sulla situazione epidemiologica in Svizzera
VAUD
3 ore
A piedi in A1, muore investita
Una 27enne è deceduta ieri sera all'uscita di Nyon. La polizia cerca testimoni
SVIZZERA
3 ore
Altri 1240 contagi in Svizzera
I decessi nelle ultime 24 ore sono stati 10. Il bollettino giornaliero dell'UFSP
ZURIGO
3 ore
Oltre ottanta vetture modificate nella rete della polizia
È un bilancio di una serie di controlli effettuati in sedici giorni dalle autorità zurighesi
FOTO
ZURIGO
4 ore
La koala Pippa è morta di leucemia
È il terzo marsupiale dello Zoo di Zurigo che perde la vita a causa del retrovirus negli ultimi anni.
FOTO
SAN GALLO
6 ore
A nove mesi dalla tragedia è stata ritrovata anche la quarta vittima
L'incidente di canyoning si era verificato il 12 agosto 2020 tra le gole del Parlitobel nei pressi di Vättis.
ZURIGO 
7 ore
Miliardari: otto svizzeri fra primi 500 al mondo
Ma a dominare restano gli americani che tra l'altro occupano l'intero podio della classifica.
GRIGIONI
8 ore
Vaccino disponibile anche presso i medici di famiglia
Le quantità saranno distribuite secondo le priorità previste dal piano di vaccinazione cantonale.
SVIZZERA
17 ore
L'iniziativa sui pesticidi mette a rischio la sicurezza alimentare?
La portavoce Natalie Favre respinge le argomentazioni: «Tutti i mezzi consentiti nel biologico rimangono tali»
SVIZZERA
20 ore
Il cocktail anti-Covid è arrivato in Svizzera (anche in Ticino)
Sono state consegnate le 3'000 dosi ordinate dalla Confederazione
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile