Immobili
Veicoli
USS
SVIZZERA
02.02.21 - 10:070
Aggiornamento : 11:13

L'identità elettronica «non va privatizzata»

La posizione dell'USS in vista della votazione del prossimo 7 marzo

BERNA - L'identità elettronica è l'equivalente digitale del passaporto e contiene gli stessi dati ufficiali e sensibili. Da un punto di vista democratico, è inaccettabile quindi che un simile documento venga rilasciato unicamente da imprese private. L'Unione sindacale svizzera (USS) invita a respingere la legge sui servizi di identificazione elettronica (E-ID), in votazione il 7 marzo, che a suo avviso rappresenta una «svendita» di uno dei compiti più importanti della Confederazione.

«La necessità di un'identificazione online sicura e affidabile è indiscussa», afferma l'USS. Affidare questo compito a imprese orientate al profitto è però un errore fatale. «Tutti concordano sul fatto che la raccolta e la commercializzazione dei nostri dati personali da parte di giganti commerciali costituisce un pericolo senza precedenti. In questo contesto, privatizzare la nostra identità digitale è una follia», sottolinea Pierre-Yves Maillard, presidente dell'USS.

Affidare il «passaporto elettronico» ai privati inoltre non garantisce l'uguaglianza di accesso a questo documento. Chi non ha problemi finanziari potrà permettersi un «passaporto di prima classe», gli altri dovranno accontentarsi del «pacchetto base». La legge infatti non regola il livello dei prezzi in base al grado di sicurezza. «Dobbiamo cogliere l'opportunità di implementare un servizio pubblico per l'identità digitale e mantenere così il controllo su un compito fondamentale dello Stato, invece di svenderlo a imprese interessate al profitto», secondo Daniel Münger, presidente di Syndicom.

Senza contare che la legge spianerebbe la strada alla creazione di un oligopolio o addirittura di un monopolio privato. In teoria ogni cittadino potrà scegliere il fornitore dell'identità digitale. Dietro le quinte però si prepara già da tempo un monopolio: sotto il nome di "SwissSign Group" si è creato un consorzio sostenuto da un'ampia alleanza di aziende, soprattutto banche, compagnie di assicurazione e casse malattia. L'USS ritiene che questo gruppo acquisirà rapidamente una posizione dominante sul mercato e che gli unici possibili concorrenti saranno molto probabilmente giganti tecnologici come Apple, Amazon o Google.

Per i sindacati la legge in votazione il 7 marzo pone anche seri problemi di sicurezza e protezione dei dati. I dati personali non possono essere commercializzati, ma il consorzio SwissSign Group, raggruppa moltissime imprese, fra cui anche assicuratori malattia, sottolinea l'USS. «Affidare l'uso delle identità elettroniche agli assicuratori sanitari aumenta il rischio di abuso di dati altamente sensibili e dà un segnale catastrofico. La digitalizzazione delle cartelle cliniche deve basarsi su soluzioni di interesse pubblico e senza scopo di lucro», aggiunge Natascha Wey.

Un gran numero di servizi sono già oggi disponibili online, prova che la Confederazione, i Cantoni e i Comuni sono in grado di assicurare la digitalizzare. La Svizzera può diventare pioniere del servizio pubblico digitale e ha le risorse e le competenze necessarie per farlo, sostiene ancora l'USS invitando a bocciare la privatizzazione prevista dalla legge.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
59 min
Quello studio medico corona-scettico che non fa vaccinazioni
I responsabili della struttura di Langenthal non credono né all'efficacia, né alla sicurezza dei preparati disponibili.
BERNA
4 ore
A 203 chilometri all'ora sui 120
Pizzicato sulla A1 in territorio di Gurbrü (BE): si trattava di un diciassettenne con licenza per allievo conducente
ZURIGO
4 ore
Vaccini: «Effetti collaterali rari e non sempre segnalati»
Continuano a circolare segnalazioni circa gli effetti collaterali delle vaccinazioni.
ZUGO
5 ore
In polizia per un interrogatorio, si presenta sotto l'effetto di droga
È quanto accaduto martedì a Zugo. Si tratta di un ventenne, che era giunto al volante della sua auto
SVIZZERA
6 ore
La soddisfazione dei Cantoni
Secondo i direttori della sanità, il Consiglio federale ha tenuto conto della consultazione
SAN GALLO
7 ore
Video pedo-pornografici sui profili (hackerati) di Facebook e Instagram
La polizia di San Gallo denuncia diversi casi e avverte: «Anche i proprietari rischiano di subire azioni legali».
BERNA
7 ore
Quarantena e obbligo del telelavoro fino a fine febbraio
Gli altri provvedimenti provvisoriamente fino a fine marzo
SVIZZERA
8 ore
Nuovo record di contagi e 25 decessi in Svizzera
Scendono i pazienti ospedalizzati a causa del virus, che occupano ora il 7,9% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
9 ore
Una miocardite che è già un caso
La velocista vodese Sarah Atcho al centro delle polemiche dopo aver raccontato di essersi ammalata dopo il vaccino
SVIZZERA
10 ore
«Come un jackpot a Las Vegas»
Il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann è molto critico sugli aiuti che voteremo il prossimo 13 febbraio
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile