keystone
BERNA
31.01.21 - 08:030
Aggiornamento : 13:16

Perché la Svizzera non produce vaccini da tempo?

Il gigante farmaceutico Novartis entra nel business delle vaccinazioni.

Cosa significa questo per la strategia di vaccinazione del Consiglio federale?

Fonte Daniel Graf/20Minuten
elaborata da Davide Milo
Giornalista

BERNA - Venerdì il colosso farmaceutico svizzero Novartis ha firmato un accordo con BioNTech. Novartis riempirà le fiale BioNtech / Pfizer negli stabilimenti di Stein a partire dal 2° trimestre di quest'anno. Nello specifico, l'azienda basilese riceverà il principio attivo mRNA grezzo da Biontech e procederà al riempimento delle fiale nella sua struttura argoviese. Il prodotto finito sarà poi rispedito a Biontech, per poi essere distribuito in tutto il mondo.

Novartis ha anche annunciato di essere in trattative avanzate con una serie di altre società per avviare la produzione effettiva. L'azienda vuole rilevare la produzione di mRNA, la produzione di proteine terapeutiche e la produzione di materie prime per i vaccini Covid. Cosa significa questo per la fornitura di vaccini in Svizzera?

La Svizzera riceverà più vaccini più velocemente?
«No», spiega l'economista sanitario Tilman Slembeck dell'Università di scienze applicate di Zurigo (ZHAW). «Non importa dove vengono prodotti i vaccini. Chi li andrà a ricevere per primo è deciso dai contratti tra i proprietari dei brevetti, i produttori e i paesi acquirenti». In questo caso, insomma, decidono BioNtech e Pfizer.

È in corso una battaglia per la distribuzione globale del vaccino. L'UE ora dispone persino di controlli sulle esportazioni per monitorare l'esportazione del vaccino di AstraZeneca. La Svizzera non potrebbe semplicemente trattenere alcuni grandi container per la propria popolazione, ad esempio da Lonza o prossimamente da Novartis?
Secondo l'Epidemic Act, ciò sarebbe teoricamente possibile, dice Slembeck: «È già successo che i paesi abbiano imposto un divieto di esportazione di vaccini o farmaci che stavano diventando scarsi. Dal punto di vista politico, sarebbe sicuramente molto delicato. Inoltre, la reputazione della Svizzera ne soffrirebbe se, in una crisi globale, mettesse i propri interessi al di sopra dei trattati attuali».

Potrebbe essere richiesto a Novartis di produrre il vaccino?
«Difficilmente», spiega Slembeck. «Aziende come BioNTech hanno fatto ricerche per decenni e investito molti soldi nello sviluppo del vaccino. Togliere loro il guadagno ora sarebbe una mossa pericolosa».

La Svizzera è una nazione farmaceutica, ma non è stato ancora possibile produrre un vaccino per la popolazione. Perché?
«Quello dei vaccini è un mercato globale in cui i produttori possono sopravvivere solo attraverso la produzione di massa. Ciò a causa dei bassi margini», afferma Slembeck. La farmaceutica svizzera si è ritirata anni fa da questo settore, specializzandosi in farmaci altamente redditizi come gli antitumorali. «Fornire vaccini alla popolazione svizzera non è il nostro lavoro. Se avessimo voluto una produzione nazionale di vaccini, avremmo dovuto sovvenzionare l'ultimo produttore, Berna Biotech, con 15 milioni all'anno dal 2006. Era troppo costoso per l'allora ministro della Salute Pascal Couchepin».

Il governo federale non è riuscito a garantire che aziende come Lonza o Novartis producessero per la Svizzera in tempo utile.
Ne è convinto il consigliere nazionale dei Verdi liberali Martin Bäumle: «La Svizzera avrebbe potuto firmare contratti con Lonza in primavera. Avrebbe potuto contribuire ai costi per la creazione di ulteriori linee di produzione». Bäumle ritiene che sarebbe stato possibile garantire dosi di vaccino sufficienti più rapidamente, per un piccolo paese come la Svizzera. «Ormai è troppo tardi per questo, le fiale prodotte sono state distribuite secondo contratto», afferma Bäumle. Slembeck la vede diversamente: «Non sarebbe stato un compito federale. E per i giganti farmaceutici come Novartis e Roche, un riallineamento verso la produzione di vaccini nella primavera del 2020 sarebbe stato troppo costoso e rischioso. Nessuna delle due società aveva prodotto alcun vaccino fino a quel momento e nessuno sapeva come si sarebbe evoluta la pandemia».

Il governo federale può entrare in gioco e garantire dosi di vaccinazione per la Svizzera?
Secondo Bäumle «la Svizzera potrebbe ancora offrire sostegno finanziario per avviare nuove linee di produzione. Novartis ovviamente vuole entrare in produzione». Ammette, tuttavia, che per il governo federale è un rischio procedere con i finanziamenti: «Se la Svizzera investe ora denaro, è possibile che inizierà a fruttare quando avremo già abbastanza vaccini». Secondo Bäumle, tuttavia, il vaccino in eccesso potrebbe essere venduto ad altri paesi precedentemente trascurati nel piano di vaccinazione globale.

Cosa ottiene Novartis dall'accordo?
Secondo Slembeck, si tratta di soldi e di una buona reputazione: «Novartis trae profitto dalla produzione. In qualità di azienda farmaceutica leader a livello mondiale, desidera certamente essere presente sul mercato e rafforzare la propria immagine».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 8 mesi fa su tio
Riassumendo, si avrebbe la possibilità di produrre più velocemente il vaccino, ma ciò cozza contro l'interesse di chi detiene il brevetto e di chi regge la coda dietro compensi alle farmaceuitiche, in primis l'OMS seguita dai vari Paperoni nazionali. L'indiscutibile bisogno dei farmaci lascia un ampio margine di manovra a speculazione e disonestà travestite da buon samaritano.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
10 ore
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
13 ore
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
SVIZZERA
17 ore
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
19 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
20 ore
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
NEUCHÂTEL
23 ore
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
1 gior
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
1 gior
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
1 gior
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
1 gior
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile