Keystone
SVIZZERA
28.01.21 - 12:260
Aggiornamento : 13:39

Covid in Svizzera: le cifre continuano a scendere

L'UFSP ha tracciato un bilancio complessivo della terza settimana di gennaio.

I casi confermati in laboratorio sono diminuiti rispetto ai sette giorni precedenti. In calo anche ricoveri, decessi e percentuale di test positivi.

BERNA - Il numero di test positivi al nuovo coronavirus è sceso dell'11% in Svizzera e nel Liechtenstein nella terza settimana di gennaio rispetto a quella precedente. Lo indica stamane l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). La situazione rimane comunque difficile da valutare.

La curva dei casi confermati in laboratorio si è un po' appiattita dal 18 al 24 gennaio. Sette giorni fa, l'UFSP aveva indicato un calo dei test positivi di oltre il 31% rispetto alla settimana precedente.

Il numero crescente di casi rilevati con le nuove varianti di Sars-CoV-2 potrebbe far pensare ad una tendenza al rialzo, eppure, nella terza settimana del mese sono stati confermati in laboratorio "solo" 13'512 casi, rispetto ai 15'178 della settimana precedente.

L'incidenza variava a seconda dei cantoni dai 109 casi ogni 100'000 abitanti a settimana di Uri e Sciaffusa ai 246 del Vallese. A livello nazionale, sono state registrate 156,3 infezioni ogni 100'000 abitanti.

Nello stesso periodo, sono stati segnalati 360 ricoveri ospedalieri associati al Covid 19 (settimana precedente 505). Sono tuttavia ancora attesi alcuni dati. La diminuzione è comunque significativa, secondo l'UFSP. In terapia intensiva, erano in cura 327 persone in media affette da coronavirus, un dato ancora alto, sebbene in calo.

Nella settimana in esame, sono stati segnalati all'UFSP 281 decessi associati alla malattia (settimana precedente 317). Anche qui ci sono grandi differenze cantonali, che vanno da 0 a 17,2 morti ogni 100'000 abitanti. Nonostante siano attesi ancora dei dati, le autorità presumono che il numero di decessi sia diminuito, anche se rimane ad un livello elevato.

Complessivamente sono stati realizzati 163'736 test, il 10,7% in più rispetto alla settimana precedente. È risultato positivo il 9,8% dei test PCR e l'8,4% di quelli antigenici rapidi. Il dato è in calo in entrambi i casi.

Secondo quanto comunicato dai cantoni e dal Principato del Liechtenstein, 15'338 persone erano in isolamento e 22'857 in quarantena il 26 gennaio. Inoltre, 2686 persone erano in quarantena dopo essere rientrate da un Paese a rischio. Anche in questo caso i numeri sono in calo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
12 min
Il medico "corona-scettico" non ci sta
Il dottore di Ebikon giudica «totalmente sproporzionate» le accuse rivoltegli dalle autorità sanitarie.
SVIZZERA
1 ora
La sorella più intelligente di SwissCovid
Si chiama NotifyMe Check-in, è un'app sviluppata dal Politecnico di Losanna e promette bene
BASILEA CITTÀ
1 ora
Vaccinazioni: a Basilea può già annunciarsi chiunque, ma in pochi lo sanno
Chi non rientra nei gruppi prioritari finisce su una lista d'attesa. Anche in altri cantoni è così. Non in Ticino.
FOTO
ZURIGO
3 ore
«Ikea ora fa le vaccinazioni?»
Le lunghe code davanti ai negozi evocano reazioni ironiche e indignate.
BERNA
4 ore
Al Nazionale le sovvenzioni ai portali d'informazione, agli Stati le doppie imposizioni
La Camera dei cantoni tratterà anche l'"iniziativa 99%" della GISO, già bocciata dalla Camera del popolo.
FOTO
LUCERNA
12 ore
Solidarietà per il medico "corona-scettico": a Lucerna sfilano in 350
La sospensione di un professionista di Ebikon decretata dal Cantone non è andata giù a diverse persone.
BERNA
13 ore
Piccole tracce di TNT nelle acque sotterranee di Mitholz
Si tratta comunque di concentrazioni ampiamente al di sotto dei valori limite.
LUCERNA
18 ore
Medico si oppone alle misure anti-covid: non può più esercitare
L'autorizzazione gli è stata temporaneamente revocata perché ha violato i suoi doveri professionali.
FOTOGALLERY
SVIZZERA
18 ore
Quante code "non necessarie" fuori dai negozi
Le immagini dei lettori da un capo all'altro della Svizzera: code anche di 500 metri
SVIZZERA
20 ore
Covid fonte di stress per gli infermieri
Un'indagine condotta su 4100 infermieri ha evidenziato che durante la pandemia lo stress è notevolmente aumentato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile