tipress (archivio)
BERNA 
28.01.21 - 09:440
Aggiornamento : 12:32

Gas serra ridotti del 90% entro il 2050

È la strategia climatica adottata ieri dal Consiglio federale.

Con l'abbandono dei combustibili e carburanti fossili come petrolio, gas, benzina e diesel, la Svizzera riduce anche la sua dipendenza dall'estero

BERNA  - La Svizzera vuole azzerare entro il 2050 il bilancio netto di emissioni di CO2. Per spiegare come riuscirci, il Consiglio federale ha adottato una "Strategia a lungo termine per il clima", che indica dove occorre fissare le priorità. Le emissioni di gas serra nei settori trasporti, edifici e industria potranno ad esempio essere azzerate entro tale data. Sugli obiettivi pende però la spada di Damocle del referendum contro la riveduta legge sul CO2.

Anche gli USA si accodano - L'elaborazione di una strategia climatica, da presentare al Segretariato dell'ONU sui cambiamenti climatici, è una delle esigenze dall'Accordo di Parigi. La Svizzera è insomma in buona compagnia: anche UE l'ha adottato obiettivi simili e ora anche gli Stati Uniti, come annunciato dal nuovo presidente Joe Biden, ha affermato la consigliera federale Simonetta Sommaruga in conferenza stampa.

Verso le emissioni zero - «L'obiettivo di zero emissioni nette non è solo necessario, è anche realizzabile, finanziariamente accettabile e rappresenta una vera opportunità per il nostro Paese e per le imprese», ha sostenuto la responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).

Svizzera primatista in negativo - In Svizzera il clima si sta riscaldando a una velocità doppia di quella globale, ha precisato la direttrice dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) Katrin Schneeberger. Insomma, se non si interviene, i periodi di caldo e siccità aumenteranno, così come inondazioni e le frane con i costi che ciò comporta.

Con l'abbandono dei combustibili e carburanti fossili come petrolio, gas, benzina e diesel, la Svizzera potrà però ridurre la sua dipendenza dall'estero. Detto in altre parole: il denaro che attualmente finisce all'estero, in futuro sarà investito nella nostra economia.

Negli ultimi dieci anni, circa 80 miliardi di franchi sono stati spesi per importare petrolio e gas naturale, ha sottolineato Sommaruga. Da qui l'importanza di puntare sull'energia verde indigena, oltre all'idroelettrico anche solare, eolica e termica.

Dieci principi - Più in dettaglio, la strategia climatica formula dieci principi che nei prossimi anni dovranno caratterizzare la politica svizzera in materia, ha spiegato Sommaruga. Il documento stabilisce inoltre obiettivi per i settori edifici, industria, trasporti, agricoltura e alimentazione, mercato finanziario, aviazione e industria dei rifiuti.

I settori edifici e trasporti potranno in particolare ridurre quasi a zero le emissioni entro il 2050. Quelle dovute al consumo di energia nell'industria potranno anche essere fortemente ridotte (-90% rispetto al 1990).

Nell'aviazione, i carburanti rinnovabili sostenibili e le nuove tecnologie di propulsione offrono un potenziale di riduzione delle emissioni. Nel settore agricolo e alimentare, si punta a una riduzione delle emissioni del 40% rispetto al 1990.

Le emissioni di gas serra rimanenti generate dall'industria, dalla valorizzazione dei rifiuti e dall'agricoltura saranno pari a circa 12 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti. Potranno essere compensate utilizzando tecniche innovative come la cattura e lo stoccaggio del CO2 (CCS) e tecnologie a emissioni negative (NET).

Legge sul CO2 - Per ridurre le emissioni di gas serra il Parlamento ha recentemente adottato una revisione della legge sul CO2. Per l'esecutivo si tratta di un elemento «fondamentale per raggiungere l'obiettivo delle emissioni nette pari a zero».

Il popolo dovrebbe esprimersi a giugno sulla revisione legislativa. Qualora dovesse respingerla, le misure che bisognerà adottare per raggiungere gli obiettivi internazionali in materia climatica saranno ancora più drastiche, ha avvertito Sommaruga.

Entro l'estate il Governo dovrebbe poi sottoporre al Parlamento la revisione della legge sull'approvvigionamento elettrico. L'obiettivo è aprire completamente il mercato dell'elettricità.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 1 mese fa su tio
Speriamo
TGas 1 mese fa su tio
Entro il 2050 è troppo tardi.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO 
49 min
Multa milionaria per il collezionista d'arte Schwarzenbach
Il miliardario è accusato di aver importato in Svizzera 83 opere senza sdoganamento.
LUCERNA
1 ora
Il medico "corona-scettico" non ci sta
Il dottore di Ebikon giudica «totalmente sproporzionate» le accuse rivoltegli dalle autorità sanitarie.
SVIZZERA
2 ore
La sorella più intelligente di SwissCovid
Si chiama NotifyMe Check-in, è un'app sviluppata dal Politecnico di Losanna e promette bene
BASILEA CITTÀ
2 ore
Vaccinazioni: a Basilea può già annunciarsi chiunque, ma in pochi lo sanno
Chi non rientra nei gruppi prioritari finisce su una lista d'attesa. Anche in altri cantoni è così. Non in Ticino.
FOTO
ZURIGO
3 ore
«Ikea ora fa le vaccinazioni?»
Le lunghe code davanti ai negozi evocano reazioni ironiche e indignate.
BERNA
5 ore
Al Nazionale le sovvenzioni ai portali d'informazione, agli Stati le doppie imposizioni
La Camera dei cantoni tratterà anche l'"iniziativa 99%" della GISO, già bocciata dalla Camera del popolo.
FOTO
LUCERNA
13 ore
Solidarietà per il medico "corona-scettico": a Lucerna sfilano in 350
La sospensione di un professionista di Ebikon decretata dal Cantone non è andata giù a diverse persone.
BERNA
14 ore
Piccole tracce di TNT nelle acque sotterranee di Mitholz
Si tratta comunque di concentrazioni ampiamente al di sotto dei valori limite.
LUCERNA
19 ore
Medico si oppone alle misure anti-covid: non può più esercitare
L'autorizzazione gli è stata temporaneamente revocata perché ha violato i suoi doveri professionali.
FOTOGALLERY
SVIZZERA
19 ore
Quante code "non necessarie" fuori dai negozi
Le immagini dei lettori da un capo all'altro della Svizzera: code anche di 500 metri
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile