tipress (archivio)
BERNA
26.01.21 - 14:450

I Cantoni sostengono i test gratuiti per gli asintomatici

BERNA - La Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS) accoglie positivamente il fatto che la Confederazione intenda in futuro promuovere e finanziare i test per il coronavirus per persone asintomatiche. Un passo atteso da tempo.

«Ci si rammarica tuttavia che tale proposta giunga solo ora», scrive la CDS in una presa di posizione, pubblicata oggi, su una modifica dell'ordinanza prevista dal Consiglio federale. È chiaro da tempo che un aumento dei test consentirebbe di reagire più rapidamente alla diffusione del virus. I Cantoni suggeriscono inoltre che i test rapidi della saliva siano disponibili in quantità sufficiente, in modo che la strategia possa essere ampiamente attuata.

I Cantoni desiderano un chiarimento sulla questione dei test preventivi ripetuti nei villaggi, nelle scuole o negli alberghi, in particolare riguardo all'attuale stagione sciistica: vogliono sapere se sono anch'essi ammessi o se venissero presi a carico della Confederazione solo in caso di un rapido aumento dei contagi.

Decisioni sui test asintomatici sono attese alla seduta del Consiglio federale di domani. Una maggioranza dei Cantoni è anche a favore di una regolamentazione che garantisca controlli delle mascherine immagazzinate per le quali non ci sono prove sufficienti di sicurezza: aspetto, anche questo, incluso nel progetto messo in consultazione dal Consiglio federale. Il materiale discutibile dovrebbe essere controllato secondo criteri di qualità chiaramente definiti prima di essere utilizzato.

Nella sua presa di posizione la CDS nota anche che i Cantoni hanno sempre più difficoltà a far fronte alle scadenze estremamente brevi per le consultazioni lanciate dal Consiglio federale, che spesso si svolgono durante il fine settimana. Soprattutto in questo caso specifico una pianificazione a più lungo termine sarebbe stata possibile. A suo avviso gli elementi erano noti da tempo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
8 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
8 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
13 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
13 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
15 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
15 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
16 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
17 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
18 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
18 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile