tipress
GINEVRA
25.01.21 - 15:050

Il Coronavirus è costato 250 milioni di impieghi

Sono le cifre diffuse dall'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

Le ore lavorative sono scese dell'8,8%: l'impatto del Covdid-19 è stato «massiccio» e «molto preoccupante».

GINEVRA - La pandemia di coronavirus è costata nel 2020 più di 250 milioni impieghi a livello mondiale e la disoccupazione è aumentata di 1,1 punti percentuali al 6,5%. Lo ha indicato l'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

Le ore lavorative sono scese dell'8,8%: l'impatto del Covdid-19 è stato «massiccio» e «molto preoccupante», ha detto in una conferenza stampa a Ginevra il direttore generale dell'ILO Guy Ryder. Il tasso di occupazione è ora solo al 58% e l'8,3% dei redditi di lavoro - calcolato prima di prendere in considerazione le misure di sostegno - è andato perso. Si parla di 3700 miliardi di dollari (3300 miliardi di franchi), pari al 4,5% del prodotto interno lordo (PIL) mondiale.

Come già osservato nelle valutazioni precedenti, le donne sono state interessate più degli uomini. La perdita di posti di lavoro ha colpito il 5% della manodopera femminile, contro il 4% di quella maschile. Un'altra indicazione è che i giovani sono stati duramente intaccati: all'8,7%, contro il 3,7% dei lavoratori maturi.

L'ILO teme che i settori industriali e i lavoratori più colpiti dall'epidemia non potranno beneficiare della ripresa, andando ad allargare ulteriormente il fossato fra ricchi e poveri.

Per il momento, secondo l'organismo internazionale, è impossibile dire quando si tornerà agli organici che sussistevano prima della pandemia. Sarebbe piuttosto pericoloso avanzare stime, considerate le incertezze, ha affermato Ryder. L'ILO invita comunque i paesi a perseguire politiche economiche concilianti, attraverso stimoli fiscali, sostegno al reddito, facilitazione degli investimenti nonché assistenza alle industrie e ai lavoratori più colpiti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
47 min
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Il Blick lo dà per certo
SVIZZERA
1 ora
«I bilaterali sono ancora attuali e hanno un futuro»
Il presidente dell'Unione sindacale svizzera dubita che l'Ue voglia innescare un'escalation in merito all'accordo quadro
SVIZZERA
3 ore
Quanto vaccino che viene sprecato
Ogni singola ampolla contiene più dosi di quelle previste. Ma nel nostro paese ciò che avanza non viene utilizzato.
SVIZZERA
13 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
14 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
14 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
15 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
18 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
18 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
19 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile