tipress
ZURIGO
25.01.21 - 12:120
Aggiornamento : 13:35

L'inganno per vaccinarsi più velocemente

Sempre più persone si dichiarano "a rischio" o utilizzano le loro conoscenze per ottenere il vaccino prima del previsto.

Un comportamento, questo, ritenuto «poco solidale, ma umano».

ZURIGO - La scorsa settimana ha suscitato scalpore la notizia di Johann Rupert, miliardario sudafricano arrivato con un jet privato nel canton Turgovia per farsi vaccinare in qualità di "cavia" in una clinica del gruppo Hirslanden. Proprio come il capo medico dell'ospedale pediatrico di Basilea che si era assicurato una prima dose di vaccino, pur non lavorando in prima linea nella lotta alla pandemia.

Ma non sono gli unici che hanno voluto scavalcare persone realmente a rischio, e quindi prioritarie. I medici di famiglia svizzeri riferiscono di diversi pazienti che hanno provato ad affermare di essere tra le persone da vaccinare con priorità. Non è mancato pure chi ha tentato di far valere le proprie conoscenze altolocate.

Un comportamento, questo, che non ha stupito Josef Wilder, presidente della Società dei medici di Zurigo. Come ha riferito alla "NZZ am Sonntag", Wilder è convinto che il numero di "pecore nere" che tenteranno di "tagliare la coda" aumenterà ulteriormente nelle prossime settimane: «Rispecchia ciò che siamo noi umani. Quando una merce scarseggia, ci battiamo. Lo abbiamo già visto, ad esempio, quando ci fu carenza di carta igienica», commenta.

Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV), sottolinea che se una persona giovane e sana viene vaccinata, priva qualcuno a rischio della sua dose. «Ognuno è ovviamente più preoccupato per sé stesso», afferma. «È per questo che lancio un appello alla solidarietà e alla corresponsabilità».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
5 ore
«Mi hanno chiamato e mi hanno detto: “Ehi, la tua Ferrari sta bruciando”»
160mila franchi in fumo oggi sulla A13, il racconto del proprietario che... non era il conducente
ARGOVIA
8 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
9 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
10 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
12 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
13 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
13 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
13 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
14 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
16 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile