Archivio Keystone
Il CEO di Hirslanden.
SVIZZERA
22.01.21 - 17:570
Aggiornamento : 20:23

Miliardario vaccinato: Hirslanden si scusa coi cittadini

Il CEO in una lettera: «Abbiamo sottovalutato il potere simbolico della somministrazione a un paziente facoltoso»

FRAUENFELD / ZURIGO - Il CEO del gruppo Hirslanden si è scusato per il vaccino anti-Covid somministrato in Turgovia all'imprenditore sudafricano Johann Rupert. Sarebbe stato più saggio se Rupert si fosse annunciato per essere vaccinato a Ginevra, suo cantone di residenza, scrive oggi il CEO di Hirslanden, Daniel Liedtke, in una lettera indirizzata agli abitanti del canton Turgovia.

Il gruppo ospedaliero privato Hirslanden gestisce i centri di vaccinazione del canton Turgovia, fra cui quello dove Johann Rupert si è fatto vaccinare lo scorso 11 gennaio durante un test di immunizzazione.

La campagna ufficiale di vaccinazione è iniziata in Turgovia due giorni più tardi. La notizia, riportata ieri dalle testate di Tamedia, ha fatto molto discutere nel cantone, visto che l'imprenditore sudafricano ha partecipazioni nel gruppo Hirslanden.

Il CEO di Hirslanden riconosce nella lettera che «abbiamo sottovalutato il potere simbolico del vaccino somministrato ad un paziente facoltoso». Liedtke precisa tuttavia che l'imprenditore «a causa di una grave malattia cardiaca, del diabete, della pressione alta e dell'obesità» è da considerare in una categoria a rischio e «ha quindi diritto a una vaccinazione immediata».

Il responsabile del gruppo ospedaliero ammette inoltre «che siamo stati insensibili nella scelta del signor Rupert» e dice di capire le critiche. Secondo quanto scrive il CEO Liedtke, Rupert aveva chiesto il 24 dicembre se poteva essere vaccinato in una clinica del gruppo Hirslanden.

Il gruppo ospedaliero privato aveva in un primo tempo rifiutato la richiesta dell'imprenditore, che è presidente e azionista di maggioranza del gruppo Richemont, specializzato nel settore dei beni di lusso e con sede a Bellevue (GE).

La svolta è però arrivata due settimane più tardi, il 7 gennaio, quando durante una videoconferenza per coordinare i preparativi per la campagna di vaccinazione, Hirslanden ha ricevuto il permesso dai funzionari cantonali di condurre un test con un massimo di dodici persone «a nostra scelta», scrive Liedtke.

Alla videoconferenza avevano preso parte oltre a Liedtke anche il capo del Dipartimento della sanità turgoviese Urs Martin (UDC), che prima della sua elezione in governo, nel marzo 2020, aveva lavorato per Hirslanden. Martin ha precisato ieri di non essere stato coinvolto nella selezione delle persone scelte per il test e nemmeno nella decisione di affidare la gestione dei centri di vaccinazione al gruppo Hirslanden.

Le vaccinazioni pilota, con sette persone scelte dal gruppo Hirslanden si sono tenute l'11 gennaio nell'ospedale di Münsterlingen (TG).

Come lezione da tutta la vicenda, il CEO di Hirslanden ha ordinato che negli altri cantoni in cui il gruppo è incaricato dell'organizzazione di un centro di vaccinazione, le persone da testare dovranno essere scelte dal cantone interessato, si può leggere nella lettera rivolta alla popolazione turgoviese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Il "certificato" sulla bocca di tutti
Si tratta del termine più significativo dell'anno elvetico. Al secondo posto "urgenza", seguita da "exploit"
Berna
13 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
SVIZZERA
14 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
15 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
SVIZZERA
17 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
17 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
LUCERNA
18 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
19 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
VAUD
20 ore
Il boss della 'ndrangheta non può entrare
Leo Caridi era stato estradato in Italia dove è stato condannato a 9 anni e 6 mesi
ZURIGO
21 ore
Il caffè al bar si fa sempre più salato
La bevanda energizzante aumenta di prezzo, i ristoratori si sentono a rischio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile