Archivio Keystone
SVIZZERA
22.01.21 - 17:280

Test per gli asintomatici? Li pagherà la Confederazione

Il Consiglio federale propone che i cantoni effettuino test preventivi nelle cerchie di persone a rischio

BERNA - La Confederazione intende promuovere e finanziare i test Covid anche per gli asintomatici. Ha pure fissato l'ammontare delle multe per le violazioni dell'ordinanza Covid-19. Ora tocca ai cantoni esprimersi in merito.

Come si evince dalle modifiche dell'ordinanza pubblicate dal Dipartimento federale dell'interno (DFI) sul suo sito web, il Consiglio federale propone che i cantoni effettuino test preventivi nelle cerchie di persone particolarmente a rischio allo scopo di individuare focolai in fase iniziale o di prevenirli.

In futuro, la Confederazione intende sostenere i costi di questi test e al contempo propone un'estensione del numero di persone e istituzioni autorizzate a effettuare i tamponi. Oltre agli studi medici, alle farmacie, agli ospedali e agli istituti cantonali di analisi, anche le case di riposo e di cura, le istituzioni socio-sanitarie, le organizzazioni di assistenza e l'assistenza domiciliare potranno ora effettuare test antigenici rapidi.

Combattere i focolai di infezione - I cantoni avranno la possibilità di ordinare analisi su gruppi specifici di persone se la situazione indica un aumento del rischio di trasmissione del virus, ad esempio nelle scuole, nei centri di formazione e nelle aziende, o quando si riscontra un focolaio di infezione. Circa la metà delle infezioni da coronavirus avvengono attraverso persone che non mostrano sintomi, ma sono infette. Finora, però, solo alcuni cantoni e case di riposo hanno iniziato i test regolari.

Il DFI spera che questa misura crei una maggiore propensione ad praticare tamponi e l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) si aspetta un piano da parte dei cantoni.

Questi ultimi dovranno inoltre esprimersi sull'introduzione di multe amministrative per le violazioni delle misure dell'ordinanza Covid 19. In particolare, il DFI propone una sanzione di 100 franchi per chi non indossa la mascherina dove è obbligatoria. Non saranno invece punite le violazioni in spazi aperti.

Il Consiglio nazionale aveva deciso all'inizio di dicembre, nel contesto della discussione della legge Covid 19, che quando l'obbligo di indossare una maschera non è chiaramente riconoscibile, si può rinunciare a una multa. È il caso ad esempio delle zone pedonali.

Anche il mancato rispetto dell'obbligo di sedersi nelle mense aziendali e nei ristoranti degli alberghi costerà 100 franchi. Chiunque si incontri in privato con più delle cinque persone consentite dovrà pagare una multa della stessa entità.

L'organizzazione di eventi privati vietati costerà 200 franchi, e le infrazioni minori alle regole d'igiene e di sicurezza nelle stazioni sciistiche saranno punite con ammende di al massimo 300 franchi. Tuttavia, l'ordinanza richiede "senso della misura" da parte delle autorità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
8 sec
Il medico "corona-scettico" non ci sta
Il dottore di Ebikon giudica «totalmente sproporzionate» le accuse rivoltegli dalle autorità sanitarie.
SVIZZERA
1 ora
La sorella più intelligente di SwissCovid
Si chiama NotifyMe Check-in, è un'app sviluppata dal Politecnico di Losanna e promette bene
BASILEA CITTÀ
1 ora
Vaccinazioni: a Basilea può già annunciarsi chiunque, ma in pochi lo sanno
Chi non rientra nei gruppi prioritari finisce su una lista d'attesa. Anche in altri cantoni è così. Non in Ticino.
FOTO
ZURIGO
2 ore
«Ikea ora fa le vaccinazioni?»
Le lunghe code davanti ai negozi evocano reazioni ironiche e indignate.
BERNA
3 ore
Al Nazionale le sovvenzioni ai portali d'informazione, agli Stati le doppie imposizioni
La Camera dei cantoni tratterà anche l'"iniziativa 99%" della GISO, già bocciata dalla Camera del popolo.
FOTO
LUCERNA
12 ore
Solidarietà per il medico "corona-scettico": a Lucerna sfilano in 350
La sospensione di un professionista di Ebikon decretata dal Cantone non è andata giù a diverse persone.
BERNA
12 ore
Piccole tracce di TNT nelle acque sotterranee di Mitholz
Si tratta comunque di concentrazioni ampiamente al di sotto dei valori limite.
LUCERNA
17 ore
Medico si oppone alle misure anti-covid: non può più esercitare
L'autorizzazione gli è stata temporaneamente revocata perché ha violato i suoi doveri professionali.
FOTOGALLERY
SVIZZERA
18 ore
Quante code "non necessarie" fuori dai negozi
Le immagini dei lettori da un capo all'altro della Svizzera: code anche di 500 metri
SVIZZERA
19 ore
Covid fonte di stress per gli infermieri
Un'indagine condotta su 4100 infermieri ha evidenziato che durante la pandemia lo stress è notevolmente aumentato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile