Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
22.01.21 - 15:300

La task force Covid-19 cambia pelle

Ci sono state una dozzina di dimissioni da quando l'organo è stato istituito nel marzo 2020

I membri del gruppo (una settantina) non ricevono alcuna remunerazione o compenso per quanto fanno in aggiunta alle loro abituali attività professionali.

BERNA - Nelle ultime settimane ci sono stati importanti cambiamenti nella task force scientifica Covid-19 del Consiglio federale. Le modifiche sono avvenute in punta di piedi e sono passate per lo più inosservate dal grande pubblico.

Il prossimo avvicendamento riguarda la direzione: a fine mese l'economista del Politecnico di Zurigo (ETH) Jan-Egbert Sturm sostituirà la collega di San Gallo Monika Bütler.

Attualmente il gruppo di lavoro è composto da una settantina di esperti, che hanno svolto un lavoro «straordinario» per mesi, precisa il presidente della task force Martin Ackermann, microbiologo dell'ETH, interpellato dall'agenzia Keystone-ATS. «La task force indipendente si concentra sulla lotta contro la pandemia e non vuole porsi al centro dell'attenzione in quanto organismo», aggiunge, spiegando i motivi per cui i cambiamenti non vengono annunciati attivamente.

La direzione, guidata da Ackermann, conta quattro membri: Manuel E. Battegay (biomedicina, Università di Basilea), Samia Hurst-Majno (bioetica, Università di Ginevra) e Monika Bütler (economia, Università di San Gallo).

Ci sono state una dozzina di dimissioni da quando l'organo è stato istituito nel marzo 2020, prosegue Ackermann, aggiungendo che malgrado ciò le aree specialistiche più importanti sono sempre state coperte e la continuità è stata assicurata. I membri del gruppo non ricevono alcuna remunerazione o compenso per quanto fanno in aggiunta alle loro abituali attività professionali.

«I componenti della task force stanno svolgendo un lavoro straordinario per la Svizzera e la lotta alla pandemia», ricorda il presidente, per il quale non è quindi sorprendente che dopo alcuni mesi alcuni lascino per dedicarsi completamente ai propri progetti di ricerca.

La presidenza della task force è attualmente un lavoro a tempo pieno per Ackermann. Anche gli altri esperti dedicano diverse ore o giorni alla settimana a consolidare i risultati della ricerca, a preparare le comunicazioni o le analisi della situazione.

In merito al numero di persone che debbano far parte della task force, egli ritiene che la complessità della situazione faccia pendere la bilancia in favore di un organismo importante, come quello esistente. L'altra faccia della medaglia è che a volte è «un po' più difficile raggiungere un consenso», per esempio nell'interpretazione o nelle formulazioni. Un processo, rileva, che ha perfettamente senso dal punto di vista scientifico.

Le donne sono circa un terzo del totale. Una proporzione che si ritrova anche nei Politecnici federali, dove la quota è del 32%, secondo la loro portavoce, Franziska Schmid.

Far parte della task force non equivale a un'investitura per gli scienziati. «I ricercatori che vi partecipano sono già esperti riconosciuti nel loro campo e ci sono molti ricercatori eccezionali in Svizzera che non ne sono membri», fa notare il presidente. Però i membri traggono grande beneficio dalla collaborazione molto costruttiva e interdisciplinare, che non è sempre evidente nell'ambiente altamente competitivo della scienza, conclude Ackermann, secondo cui partecipando si guadagna visibilità, grazie al grande interesse del pubblico e dei media.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore
Villa sul lago, Federer con le spalle al muro
Il cantiere di costruzione è fermo, un'associazione ecologista ha presentato ricorso.
BERNA
9 ore
Due svizzere disegnano l'introduzione dei Simpson
La celebre scena del divano andrà in onda stasera negli Stati Uniti.
SONDAGGIO
ZURIGO
11 ore
Gli uomini guardano più porno, con conseguenze
Durante la pandemia, il consumo eccessivo di pornografia in rete è aumentato notevolmente.
ZURIGO
11 ore
Con sei chili di cocaina in auto, arrestato "turista" olandese
La droga, dal valore di circa mezzo milione di franchi, era stata accuratamente nascosta.
BERNA
13 ore
Migliaia di test PCR scaduti, erano stati acquistati per eventuali emergenze
Costo per la Confederazione? Circa 14 milioni di franchi
SVIZZERA
14 ore
Marco Chiesa attacca i consiglieri federali "disorientati" del PLR
Il ticinese denuncia i «continui patti con la sinistra» di un partito «che non rappresenta alcuna posizione borghese».
FOTO
GRIGIONI
15 ore
In fiamme un capannone, danni per oltre un milione
Diverse squadre di pompieri si sono recate sul posto. Non dovrebbero esserci feriti.
ZURIGO
16 ore
Bambini e adolescenti, più che raddoppiati i tentativi di suicidio
Lo psicologo Markus Landolt sostiene che la causa principale è da ricondurre al coronavirus.
SVIZZERA
17 ore
Accordo quadro: Cassis presto a Bruxelles con Parmelin
«Nessun altro consigliere federale conosce il dossier come lo conosco io», ha sottolineato il ticinese.
SVIZZERA
1 gior
Roche: i test fai da te sono già esauriti
Tuttavia, da settimana prossima le consegne dovrebbero riprendere a pieno ritmo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile