20min/Stevan Bukvic (immagine illustrativa)
SVIZZERA
22.01.21 - 07:010
Aggiornamento : 09:53

La Svizzera teme le donne col burqa

Il 63% dei cittadini intende accettare l'iniziativa che chiede il divieto di dissimulazione del volto

Una maggioranza della popolazione ritiene che nel nostro paese ci siano centinaia di donne col viso coperto. È quanto emerge dal sondaggio di 20 minuti e Tamedia. Incerto l'esito degli altri due oggetti in votazione il prossimo 7 marzo

BERNA - In Svizzera sono pochissime le donne che indossano un burqa o un niqab. E si tratta in primo luogo di turiste. È quanto ha detto negli scorsi giorni il Consiglio federale, invitando quindi i cittadini a bocciare l'iniziativa popolare “Sì al divieto di dissimulare il proprio viso” (Iniziativa anti-burqa) in votazione il prossimo 7 marzo.

In effetti una maggioranza della popolazione (il 28%) è convinta che in tutta la Svizzera ci siano tra le 100 e le 500 donne residenti solite a coprirsi il volto. C'è invece chi ritiene (e in questo caso si parla dell'6%) che siano più di diecimila. È quanto emerge dal primo sondaggio di 20 minuti e Tamedia che, in vista dell'appuntamento alle urne, ha interpellato oltre 15'000 persone.

Ecco dunque che attualmente per l'Iniziativa anti-burqa a livello nazionale si profila un “sì”, con i favorevoli al 63%. I contrari sono invece al 35%, mentre il 2% non ha ancora deciso come votare. E il sostegno è particolarmente alto in Ticino, dove i “sì” sono al momento al 71%. Al sud delle Alpi, lo ricordiamo, la legge cantonale sulla dissimulazione del volto è entrata in vigore nel luglio del 2016, dopo che nel 2013 il 65% dei cittadini aveva approvato la relativa iniziativa.

«Non fa parte della nostra cultura» - La maggioranza di chi intende votare “sì” all'Iniziativa anti-burqa (40%) è convinto che la dissimulazione del volto sia un'espressione dell'islam radicale e che quindi non sia parte della cultura occidentale. Tra i contrari prevale invece l'opinione (44%) che il divieto non sia necessario, in quanto nel nostro paese si contano solo poche donne con burqa o niqab. Il 41% sostiene inoltre che non spetta allo Stato dare disposizioni sull'abbigliamento.

Dai risultati del sondaggio si rileva, inoltre, una forte polarizzazione del voto: la Sinistra è contraria alla proposta, mentre PPD e PLR sono tendenzialmente a favore. Tra le fila dell'UDC i sostenitori sono infine al 93%.

Esito incerto per gli altri oggetti - Il prossimo 7 marzo saremo chiamati a esprimerci anche su altri due oggetti federali: la legge federale sui servizi d'identificazione elettronica e l'accordo di partenariato economico globale tra gli Stati dell'AELS e l'Indonesia. Per quanto riguarda l'identificazione elettronica, il risultato è attualmente incerto: il 45% si dichiara infatti favorevole, mentre il 47% è contrario. L'8% è indeciso.

Ancora più incerto è l'esito della votazione sull'accordo economico con l'Indonesia: il 20% degli intervistati non ha infatti ancora preso una decisione. Il 41% intende invece votare “si”, il 39% è contrario. Tra questi ultimi la principale preoccupazione riguarda la produzione dell'olio di palma in monocolture e con l'impiego di pesticidi velenosi, lavoro minorile e forzato, e pessime condizioni di lavoro.

Il sondaggio

Sono 15'089 le persone da tutta la Svizzera che dal 18 al 19 gennaio 2021 hanno preso parte al primo sondaggio 20 minuti/Tamedia sulle votazioni federali del 7 marzo 2021. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,3%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
22 min
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
SVIZZERA
1 ora
Al confine con la Germania c'è un grande viavai
Il turismo degli acquisti è di nuovo possibile senza limitazioni. E in moltissimi ne hanno approfittato.
SVIZZERA
3 ore
Hotel e ristoranti, 40mila posti di lavoro in fumo
Il dato riguarda esclusivamente il 2020. Particolarmente colpiti i ristoranti che dipendono dal turismo d'affari.
SVIZZERA
6 ore
«Vaccinati e senza mascherina»
Per il Governo federale le persone immunizzate non trasmettono il virus. C'è quindi chi chiede la revoca dell'obbligo
SVIZZERA
18 ore
La spesa oltre confine? Sì, ma in Germania
Il governo tedesco ha aperto le porte al turismo di giornata (e dello shopping). Quello italiano invece temporeggia
SVIZZERA
20 ore
Quindi da giugno si torna tutti in ufficio, come funzionerà con i test?
Home office obbligatorio addio, ma per rientrare bisognerà farsi testare regolarmente. Tutto quello che c'è da sapere
SVIZZERA
20 ore
È tempo di Santi di ghiaccio
La credenza popolare trova conferma al nord delle Alpi
ZURIGO
22 ore
Fuga ad alta velocità dalla polizia, al volante c'era un quattordicenne
L'episodio si è verificato la scorsa notte nel Canton Zurigo. E non è stato l'unico inseguimento
SVIZZERA
22 ore
I gioielli della figlia adottiva di Napoleone venduti per 1,5 milioni
Sono stati battuti all'asta a Ginevra. Si trattava di nove pezzi, che erano stimati a 430'000 franchi
FOTO
COIRA
22 ore
Urla e spintoni per un anno gratis al Kfc
L'iniziativa lanciata dalla catena di fast food ha scatenato una rabbiosa corsa a "chi arriva primo"
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile