Keystone
SVIZZERA
20.01.21 - 14:320

Con la seconda ondata rinviate 19'000 operazioni

È il bilancio della Task force. I letti sono stati liberati per far posto ai malati di covid

BERNA - Da novembre in Svizzera circa 19'000 persone hanno dovuto rinviare un intervento medico a causa della seconda ondata pandemica. I reparti di terapia intensiva hanno raggiunto i loro limiti e non dovrebbero tornare alla normalità prima del 10 febbraio.

Le unità di cure intensive trattano in genere circa 600 pazienti, ma da novembre questa media è stata superata fino a raggiungere quota 865, indica la task force Covid-19 della Confederazione in un rapporto pubblicato oggi.

In tal modo è stato oltrepassato il numero di letti per terapia intensiva certificati con una qualità di cure garantita. Per far fronte al crescente numero di malati, gli ospedali hanno messo a disposizione ulteriori letti non certificati, tanto che la Svizzera dispone attualmente di circa 1400 posti in questo ambito.

Storicamente non è stato dimostrato che i reparti di terapia intensiva possano far fronte a un tasso di occupazione così elevato. Secondo le conclusioni del rapporto, gli ospedali operano al limite delle loro capacità da diversi mesi.
 
 

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Keller-Sutter a favore della Legge sul terrorismo
La consigliera federale si espressa stasera nel corso dell'assemblea straordinaria dei delegati PLR
SVIZZERA
4 ore
Oltre 59'000 firme contro il "matrimonio per tutti"
Si tratta del referendum contro il testo approvato lo scorso dicembre dalle Camere federali
SVIZZERA
5 ore
«Riaprite le terrazze dei ristoranti»
È quanto chiede l'Unione delle città svizzere in una lettera al Governo federale
BERNA
6 ore
Covid, altri 5'583 contagi in Svizzera
Sono invece 146 le ulteriori ospedalizzazioni registrate nelle ultime 72 ore.
URI
7 ore
Esplosioni dei contagi, Uri corre ai ripari
Il Cantone della Svizzera centrale ha introdotto nuove misure per fermare l'avanzata della pandemia.
SVIZZERA
8 ore
Legge Covid-19: «Un no metterebbe in pericolo gli aiuti»
Il Consiglio federale invita il popolo a bocciare il referendum in votazione il prossimo 13 giugno.
Attualità
10 ore
La Co2 mette d'accordo tutti (anche l'industria)
Le associazioni economiche lanciano una campagna a favore della nuova legge: «Un'occasione per la Svizzera»
BERNA
10 ore
L'USAM insorge: «Noi come l'Albania o la Croazia»
Forti critiche al sistema di gestione della pandemia. Quindi l'appello: «Stop alle chiusure»
SVIZZERA
10 ore
Economiesuisse corregge il tiro: «Nessuno vuole 30mila casi al giorno»
Avevano fatto discutere, venerdì, le dichiarazioni di Valentin Vogt, presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori.
SVIZZERA
13 ore
Prospettive cupe per il settore degli eventi
Secondo Christoph Kamber non si tornerà alla normalità prima del 2022-2023.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile