Immobili
Veicoli
Screenshot Facebook/Gemeinde St.Moritz
GRIGIONI
19.01.21 - 21:240

«La situazione va presa sul serio»

A seguito dei focolai di variante inglese in due hotel, in un videomessaggio parla il sindaco di St.Moritz

Christian Jott Jenny: «Anch'io ho avuto il Covid, è una malattia che non auguro a nessuno»

ST.MORITZ - Il turismo invernale a St.Moritz è finito sotto i riflettori a causa del coronavirus. Domenica sera nella rinomata località turistica grigionese è scattata la quarantena per due alberghi a cinque stelle (il Badrutt's Palace e il Kempinski). La causa? Una dozzina di dipendenti positivi al Covid-19. E la presenza della variante sudafricana del virus.

Si tratta di hotel che dall'inizio della stagione invernale hanno adottato piani di protezione severi, che prevedono anche ripetuti test-Covid su tutto il personale. Dalla metà di dicembre, come ha fatto sapere lo stesso Badrutt's Palace, ne sono stati effettuati oltre 1'500.

Oggi - in un videomessaggio indirizzato a residenti, turisti, e governi cantonali e federale - ha preso la parola il sindaco di St.Moritz (nonché artista) Christian Jott Jenny, ringraziando «dal profondo del cuore» gli albergatori attivi nella località «che fanno tutto il possibile per sopravvivere a questa situazione impossibile».

Più test che «in certi cantoni» - Per quanto riguarda l'episodio specifico, il sindaco ricorda che «la qualità degli alberghi a cinque stelle di St. Moritz è tra le più elevate al mondo, anche nella gestione del coronavirus». E ribadisce dunque quanto già affermato dalle strutture stesse: il personale viene sottoposto a ripetuti e regolari test-Covid, e anche i clienti ne hanno la possibilità. «Un singolo hotel (si tratta del Palace, ndr) fa più test di certi cantoni, per esempio l'Appenzello esterno».

In questo modo è quindi spuntata la variante inglese. «Chi cerca, trova» ha sottolineato Christian Jott Jenny. «La diffusione della variante è preoccupante e la situazione va presa sul serio, così come facciamo da quasi un anno». Ma: «Dobbiamo sempre chiederci se quello che stiamo facendo è adeguato o eccessivo».

L'effetto vetrina - Sempre in merito alla comparsa della variante inglese nei due hotel engadinesi, il sindaco afferma - inoltre - che «se non fosse capitato a St.Moritz, difficilmente se ne sarebbe parlato sui media internazionali: è l'effetto vetrina, è il prezzo da pagare quando si porta un nome rinomato».

Christian Jott Jenny afferma, infine, di aver lui stesso contratto il virus alcune settimane fa. «È una malattia strana e imprevedibile che non auguro a nessuno». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Party, vodka e caviale: perché al Wef di Davos si sentirà la mancanza dei miliardari russi
La rappresentativa, ufficialmente non grata, era solita portare nella città grigionese feste esclusive ed esosissime
FRIBURGO
6 ore
Ciclista deceduto sul ciglio della strada
Il 69enne era stato trovato privo di sensi, i tentativi di rianimarlo sono stati inutili
BASILEA CITTÀ
7 ore
Incidente in piscina, bimba in condizioni critiche
Sono stati due ragazzi a estrarre la piccola dall'acqua
VAUD
7 ore
Kitesurfer gravemente ferito dall'elica di una barca
L'incidente al largo di Montreux, un 21enne è stato trasportato in ospedale
SVIZZERA
10 ore
Vaiolo delle scimmie, c'è il primo caso in Svizzera
Stando all'UFSP è stato riscontrato nel canton Berna, l'allerta non è alta: «Monitoriamo la situazione»
ZURIGO
13 ore
Accoltellamento all'alba, due arresti
In manette un 18enne e un 19enne, uno dei colpiti è in gravi condizioni
BERNA
14 ore
Un altro bancomat fatto brillare nel Giura Bernese
Lo scoppio nel cuore della notte nei pressi di una Coop di Reconviller che oggi rimarrà chiusa
GRIGIONI
15 ore
Il flop della camminata del clima di oggi contro il WEF
Due anni fa erano 1'000 quest'anno una cinquantina scarsa, le motivazioni secondo chi l'ha organizzata
ARGOVIA
18 ore
Schianto fatale contro il portale della galleria
L'incidente è avvenuto la scorsa notte a Küttigen, nel canton Argovia
ZURIGO
1 gior
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile