Keystone
SVIZZERA
17.01.21 - 09:290

Case anziani, la fiducia è in calo

Lo sostengono alcuni domenicali basandosi sull'opinione degli esperti.

Una sfiducia che ha ripercussioni sul tasso di occupazione dei letti: le famiglie sono più restie ad affidare i loro parenti a queste strutture.

BERNA - La fiducia nelle case per anziani è in calo in Svizzera: lo sostengono SonntagsZeitung e Le Matin Dimanche, che attribuiscono questa tendenza al fatto che oltre la metà dei decessi per coronavirus è avvenuto nelle strutture in questione.

Quasi giornalmente - argomentano i domenicali - vengono pubblicate notizie di focolai che costano la vita agli ospiti dei ricoveri. Secondo gli esperti i titoli negativi sui giornali cambieranno radicalmente l'assistenza geriatrica. «L'atteggiamento riluttante nei confronti degli istituti di cura è aumentato ulteriormente», afferma il gerontologo e sociologo Francois Höpflinger dell'Università di Zurigo, citato dalla SonntagsZeitung.

Le strutture si sono già accorte che le famiglie sono più restie di prima ad affidare loro i parenti e si lamentano per la crescita dei posti vacanti. Secondo le associazioni cantonali della Svizzera romanda la riduzione dell'occupazione dei letti è compresa tra il 3 e il 10%, riferisce Le Matin Dimanche. Le famiglie esitano ad affidare i loro anziani alle case di riposo e di cura da una parte per i numerosi decessi che si verificano nelle strutture, dall'altra perché risulta poi più difficile visitarli.

TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
44 min
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
1 ora
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
4 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
5 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
11 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
16 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
18 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
19 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile