tipress
SVIZZERA
14.01.21 - 14:200
Aggiornamento : 14:52

I vaccini anche in farmacia?

Manca il via libera delle autorità cantonali, ma PharmaSuisse è ottimista. «Anche noi facciamo la nostra parte»

BERNA - Anche le farmacie vogliono contribuire all'operazione di vaccinazione su vasta scala contro il coronavirus. Lo indica la Società svizzera di farmacisti PharmaSuisse affermano che manca solo il via libera dalle rispettive autorità cantonali.

Con l'omologazione - temporanea - in Svizzera del vaccino del gruppo statunitense Moderna, i farmacisti, già abituati a vaccinare contro l'influenza, sono pronti a partecipare alla campagna di immunizzazione contro il Covid-19, indica PharmaSuisse in una nota.

«Ora che la tipologia di vaccini e ben presto anche il numero di dosi consentono di diversificare i luoghi di vaccinazione, niente più dovrebbe opporsi a integrare nella campagna di vaccinazione i circa 2500 farmacisti debitamente formati e abilitati», afferma PharmaSuisse in una nota. Non tutti possono infatti recarsi nei centri di vaccinazione. Da qui l'importanza di disporre di questi «operatori sanitari di prossimità».

Il coinvolgimento di quasi 1000 farmacie in tutto il Paese alleggerirà i servizi e gli operatori sanitari, messi a dura prova negli ultimi mesi. PharmaSuisse lavora a stretto contatto con l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) da diversi mesi allo scopo di integrare il personale farmaceutico nella strategia di vaccinazione.

Per il momento, ammette comunque PharmaSuisse, «rimangono alcune sfide logistiche e amministrative». L'avanzamento delle discussioni con le varie autorità locali sono inoltre diverse a seconda del cantone.

Vi è inoltre il problema dei costi: a differenza delle altre vaccinazioni, questa è a carico della Confederazione. Trattative sono in corso sul rimborso delle spese agli studi medici e alle farmacie che, secondo i calcoli di PharmaSuisse, attualmente non coprono i costi effettivi. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
26 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
1 ora
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
2 ore
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
4 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
6 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
12 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
17 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
19 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
20 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile