Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
13.01.21 - 09:100

Gli anticorpi americani passano per la Svizzera

Il governo acquisterà da Roche fino a 1,25 milioni di dosi di casirivimab e imdevimab entro il 30 giugno 2021

Si tratta del cocktail somministrato a Donald Trump quando ha contratto il Covid-19.

BASILEA - Roche, attraverso il suo partner Regeneron, ha confermato oggi che il governo degli Stati Uniti ha effettuato un ordinazione aggiuntiva di 1,25 milioni di dosi di casirivimab e imdevimab, un cocktail di anticorpi usato per il trattamento dei pazienti affetti da Covid-19. La portata finanziaria dell'operazione non è stata resa nota.

I preparati sono stati autorizzati in novembre negli Usa dalla Food and Drug Administration (FDA) nel quadro di una procedura d'emergenza per i pazienti affetti da Covid-19 ad alto rischio appena diagnosticati ma non ricoverati in ospedale, indica l'azienda basilese in una nota.

Nel dettaglio, il nuovo accordo prevede che il governo statunitense acquisti fino a 1,25 milioni di dosi di casirivimab e imdevimab entro il 30 giugno 2021.

Secondo Roche, Regeneron sta attualmente già fornendo cure con questi preparati a circa 300'000 persone, ciò che porta il potenziale di acquisto totale negli Usa a più di 1,5 milioni di dosi.

«Se approvati, casirivimab e imdevimab saranno di fondamentale importanza per aiutare a combattere la pandemia, e continueremo a lavorare con le autorità di regolamentazione e i governi di tutto il mondo per far arrivare il farmaco al maggior numero possibile di persone», ha affermato Bill Anderson, CEO di Roche Pharmaceuticals, la divisione farmaceutica del colosso renano, citato nel comunicato.

L'efficacia e la sicurezza dei due farmaci per il trattamento del Covid-19 continua a essere oggetto di test clinici in pazienti selezionati ricoverati e non, in particolare nel Regno Unito.

Roche sta anche lavorando con Regeneron - responsabile dello sviluppo e della distribuzione del trattamento negli Stati Uniti - per aumentarne l'offerta globale, con l'obiettivo di avere più di 2 milioni di dosi di trattamento disponibili ogni anno.

All'inizio di ottobre, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ricevuto il cocktail di anticorpi, che ha ampiamente pubblicizzato dopo la sua guarigione. I due preparati imitano ciò che il sistema immunitario fa dopo l'infezione, bloccando la parte del virus (proteina spike) che gli permette di attaccarsi alle cellule umane e di penetrarvi.

Regeneron ha inoltre ricevuto più di 450 milioni di dollari da Washington per i suoi sforzi destinati a sviluppare farmaci contro il Covid-19.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Party, vodka e caviale: perché al Wef di Davos si sentirà la mancanza dei miliardari russi
La rappresentativa, ufficialmente non grata, era solita portare nella città grigionese feste esclusive ed esosissime
FRIBURGO
5 ore
Ciclista deceduto sul ciglio della strada
Il 69enne era stato trovato privo di sensi, i tentativi di rianimarlo sono stati inutili
BASILEA CITTÀ
5 ore
Incidente in piscina, bimba in condizioni critiche
Sono stati due ragazzi a estrarre la piccola dall'acqua
VAUD
6 ore
Kitesurfer gravemente ferito dall'elica di una barca
L'incidente al largo di Montreux, un 21enne è stato trasportato in ospedale
SVIZZERA
9 ore
Vaiolo delle scimmie, c'è il primo caso in Svizzera
Stando all'UFSP è stato riscontrato nel canton Berna, l'allerta non è alta: «Monitoriamo la situazione»
ZURIGO
11 ore
Accoltellamento all'alba, due arresti
In manette un 18enne e un 19enne, uno dei colpiti è in gravi condizioni
BERNA
13 ore
Un altro bancomat fatto brillare nel Giura Bernese
Lo scoppio nel cuore della notte nei pressi di una Coop di Reconviller che oggi rimarrà chiusa
GRIGIONI
14 ore
Il flop della camminata del clima di oggi contro il WEF
Due anni fa erano 1'000 quest'anno una cinquantina scarsa, le motivazioni secondo chi l'ha organizzata
ARGOVIA
17 ore
Schianto fatale contro il portale della galleria
L'incidente è avvenuto la scorsa notte a Küttigen, nel canton Argovia
ZURIGO
1 gior
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile