Deposit - foto d'archivio
SVIZZERA
11.01.21 - 23:500

La metà delle vittime Covid muore nelle case anziani

Seconda ondata: 2’686 decessi sono avvenuti nelle case di riposo, mentre 2’138 persone sono morte in ospedale

In Ticino dal 10 ottobre sono 51 le strutture colpite dal coronavirus, 1'230 i residenti contagiati, 71 gli ospedalizzati e 196 i decessi.

Fonte 20 Minuten / Lynn Sachs e Leo Hurni
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BERNA - Finora l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) non aveva fornito dettagli sui “luoghi di morte” delle vittime del Covid-19. Ma il caso di una casa di riposo di Rafz (ZH) ha acceso i riflettori: 11 dei 40 residenti sono deceduti nel giro di due settimane. 20 Minuten ha quindi chiesto a Berna i dati a livello svizzero, che non sono affatto rassicuranti: dall’inizio della seconda ondata della pandemia sono morte più persone nelle case di cura che negli ospedali.

In particolare, 2’686 decessi sono avvenuti nelle case di riposo, mentre 2’138 persone sono morte in ospedale per conseguenze legate al coronavirus. 622 svizzeri sono deceduti altrove o il luogo non è stato specificato. Ci sono settimane in cui in sette giorni il numero di morti nelle case anziani svizzere ha superato le 300 unità. 

L’allarme, nel nostro cantone, era già stato sollevato più volte durante la prima ondata, in particolare dal Movimento per il socialismo (MPS) e dal “caso Sementina”, dove in primavera morirono 21 ospiti su un totale di circa 80. Tanto che il Ministero pubblico ha aperto un procedimento penale a carico del direttore amministrativo, della direttrice sanitaria e di un terzo dipendente con le ipotesi di omicidio colposo e di contravvenzione alla Legge federale sulle epidemie, visto il possibile mancato rispetto delle direttive impartite dalle competenti autorità e dagli uffici statali. L’Associazione dei direttori delle Case per anziani della Svizzera Italiana (ADiCASI) ha quindi deciso di diffondere giornalmente i dati sul coronavirus nelle strutture ticinesi (68, per un totale di 4’692 posti letto). Durante la prima ondata (10 marzo - 4 giugno) il coronavirus è entrato in 26 case anziani e dei 505 residenti contagiati, 38 sono stati ospedalizzati e 151 sono morti. La situazione risulta ancora più grave durante la seconda ondata (dal 10 ottobre a oggi): 52 strutture colpite, 1’285 residenti contagiati, 73 ospedalizzati e 207 decessi.

Il gruppo Senevita - interpellato da 20 Minuten - rileva che il 90% degli anziani che risiedono in case di cure sotto la loro gestione o in altre soluzioni abitative, si rifiuta di andare in ospedale quando viene contagiato dal Covid-19. Nel canton Soletta - come riferito dall’Aargauer Zeitung - l’80% dei morti da Covid risiedeva in una casa di cura.

Numeri che fanno sorgere degli interrogativi, soprattutto sulla protezione dei gruppi a rischio, il controllo dei contagi e l’eventualità di una vaccinazione obbligatoria per il personale che lavora in queste strutture. Per Martin Janssen, professore presso l’Università di Zurigo, se si ampliassero le misure all’interno delle case anziani, non sarebbe necessario “stringere” all’esterno. «Più che chiudere i ristoranti, si dovrebbe inserire l’obbligo di presentare un tampone negativo prima di fare visita a un parente in queste strutture», ha dichiarato a 20 Minuten. Gli fa eco il consigliere nazionale UDC Thomas Matter: «Invece di nuove misure, Berset dovrebbe pensare a fornire un piano di protezione finalmente efficace per le case per anziani e più dosi di vaccini». Il vicepresidente del PLR Philippe Nantermod consiglia che il Consiglio federale «consideri l’opzione dell’obbligo di vaccinazione» per gli operatori sanitari. La consigliera nazionale PS Mattea Meyer non crede nel completo isolamento dei gruppi a rischio: «Non bisogna dimenticare la salute mentale di queste persone». Ma chiede ulteriori misure, accompagnate però parallelamente da aiuti economici.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
48 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
1 ora
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
2 ore
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
5 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
6 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
12 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
17 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
19 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
20 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile