Archivio Keystone
SVIZZERA
08.01.21 - 20:150
Aggiornamento : 09.01.21 - 10:30

Telelavoro e negozi chiusi: ecco le proposte di Berna

Se la situazione epidemiologica non migliora, la Confederazione intende inasprire le misure

I provvedimenti sono stati posti in consultazione presso le autorità cantonali

Fonte 20 Minuten / Daniel Waldmeier
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Se la situazione non migliorerà, la Confederazione adotterà ulteriori provvedimenti per contrastare la diffusione del virus nel nostro paese. Ecco dunque che, come annunciato mercoledì, il Consiglio federale ha posto in consultazione presso i Cantoni tutta una serie di misure. Misure che potrebbero essere annunciate già il prossimo 13 gennaio.

«L'arrivo di nuove e più contagiose varianti del virus dalla Gran Bretagna e dal Sudafrica aumenta notevolmente il rischio di un ulteriore e più difficilmente controllabile aumento dei casi» scrive il Dipartimento federale dell'interno nella documentazione indirizzata ai Cantoni, di cui è entrato in possesso anche 20 Minuten. In cinque settimane nel nostro paese la prevalenza della variante britannica potrebbe raggiungere il 30%, si legge in uno scritto dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Ecco dunque quali sono le misure proposte dal Consiglio federale:

Telelavoro: Qualora il genere di attività lo permetta, i datori di lavoro sono obbligati ad adottare il telelavoro. I datori di lavoro non sono tenuti a versare ai dipendenti alcuna indennità per le spese (elettricità, contributi al canone di affitto eccetera).

Chiusura dei negozi: È prevista la chiusura dei negozi che non vendono beni di prima necessità. Resta la possibilità di ritirare merce ordinata ("click and collect").

Eventi privati: Agli eventi privati possono prendere parte al massimo dieci persone di due economie domestiche. Contano anche i bambini.

Assembramenti: Per gli assembramenti negli spazi pubblici si intende diminuire il numero massimo di persone da quindici a dieci

Altre misure sul posto di lavoro: Quando non è possibile adottare il telelavoro, andranno introdotte ulteriori misure sul posto di lavoro. Sarà per esempio necessario indossare la mascherina in tutti i locali in cui è presente più di una persona: il distanziamento tra i dipendenti non sarà più sufficiente. Dopo aver sentito i collaboratori, i datori di lavoro dovranno inoltre mettere per iscritto tutti provvedimenti adottati per la loro protezione, e per garantire il rispetto di norme igieniche e il distanziamento. Questo aumenta la trasparenza e il coinvolgimento dei dipendenti.

Protezione dei dipendenti a rischio: Per alcune persone il coronavirus può essere più pericoloso. Chi rientra dunque in una categoria a rischio dovrebbe beneficiare di una protezione specifica, senza venir però discriminato. Come la scorsa primavera, per i dipendenti vulnerabili va quindi introdotto il diritto di lavorare da casa o una protezione equivalente sul posto di lavoro o un congedo.

Come noto, il Consiglio federale intende inoltre prolungare sino alla fine di febbraio le attuali misure, ossia la chiusura dei ristoranti e delle strutture per la cultura, il tempo libero e lo sport. L'UFSP chiede inoltre una migliore protezione di residenti e collaboratori delle case per anziani, e propone test-Covid regolari per il personale sanitario.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Misure anti-Covid, i Cantoni si fanno sentire
Tra i contrari anche il Ticino, che boccia anche l'idea dei test nelle scuole.
SVIZZERA
7 ore
Tre morti in A3: condannato per omicidio intenzionale
Una manovra folle è costata cara a un 47enne alla guida di una Porsche. Ma ancora di più alle sue vittime
SVIZZERA
9 ore
Così Netflix spenna gli svizzeri
Lo streaming costa anche il 30 per cento in più rispetto ai paesi limitrofi. Ma c'è un modo per pagare meno
ZURIGO
10 ore
Le cure intense zurighesi sono piene
All'ospedale universitario è stato raggiunto un tasso di occupazione del 98%
SVIZZERA
11 ore
Si apre il mese con oltre 10mila casi e 22 decessi
Tensione a livello ospedaliero: i pazienti Covid occupano ora il 27% dei letti di cure intense.
BASILEA CITTÀ
12 ore
Studente contagiato da Omicron, 100 persone in quarantena
Uno dei primi due casi di Omicron accertati in Svizzera è stato rilevato a Basilea, al ginnasio Kirschgarten.
ZUGO
13 ore
Distrugge uno spartitraffico e scappa
I danni dell'incidente avvenuto ieri sera allo svincolo autostradale di Rotkreuz ammontano a diverse migliaia di franchi
SVIZZERA
15 ore
Inflazione in aumento, anche in Svizzera
A novembre nel nostro paese è salita all'1,5%
SVIZZERA
15 ore
Omicron in Svizzera, ecco il terzo caso
La persona contagiata si trova in isolamento. I primi due casi erano stati confermati ieri sera
SVIZZERA
16 ore
Affitti, il tasso di riferimento resta all'1,25%
È il livello più basso di sempre, in vigore dal marzo del 2020
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile