Immobili
Veicoli
20 Minuten / Michael Scherrer
SVIZZERA
08.01.21 - 07:300
Aggiornamento : 09:54

La scuola reclute comincia “a distanza”

Con la pandemia che non molla la presa, l'esercito ha deciso d'introdurre l'home schooling

Per le prime tre settimane, una parte dei giovani seguirà da casa una preparazione teorica e fisica

Fonte 20 Minuten / Daniel Krähenbühl
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Sono circa dodicimila i giovani svizzeri che quest'anno cominceranno la scuola reclute. Ma con l'attuale situazione epidemiologica legata al coronavirus, anche l'esercito si deve ripensare. Per molti di loro l'esperienza militare inizierà pertanto restando a casa. Non se ne staranno però con le mani in mano.

Se nel mondo professionale attualmente la parola d'ordine è “telelavoro”, lo stesso vale così per le reclute, che per le prime tre settimane si formeranno a distanza. Insomma, si parla quindi dell'introduzione del cosiddetto “home schooling”, che permetterà alle giovani leve di acquisire le conoscenze di base necessarie per la loro esperienza nell'esercito. Durante questo periodo, le reclute si dovranno preparare in particolare su nozioni relative all'arma personale, alla difesa NBC, all'aiuto ai compagni e alle regole di servizio.

Non si tratta comunque soltanto di una preparazione su conoscenze teoriche, ma anche di allenamento fisico. Il sapere delle reclute come pure le loro condizioni fisiche saranno poi verificate nel momento in cui si trasferiranno in caserma. «Se ci si vuole preparare in maniera adeguata, ci aspettiamo sei ore di apprendimento quotidiano e quattro ore di sport alla settimana» afferma il portavoce dell'esercito Daniel Reist, interpellato da 20 Minuten.

In questo modo, l'esercito intende quindi permettere un'entrata in servizio scaglionata. Una parte dei giovani si recherà infatti in caserma il prossimo 18 gennaio, come previsto. Mentre per tutti gli altri scatterà la formazione a distanza, che terminerà poi l'8 febbraio.

Anche durante il periodo di formazione a distanza, come sottolinea l'esercito, le persone obbligate al servizio sottostanno al diritto penale militare. E così come avviene per i giovani in servizio in caserma, pure a chi si trova presso il proprio domicilio dalle 24 di domenica fino alle 8 di sabato non è consentito condurre veicoli privati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
3 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
4 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
5 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
7 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
10 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
10 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
11 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
SVIZZERA
11 ore
«La Svizzera deve mettere il turbo sul fotovoltaico»
Secondo Greenpeace un maggiore uso del solare ridurrebbe a zero le emissioni di CO2 di trasporti, edifici e industria
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile