Archivio Depositphotos
SVIZZERA
07.01.21 - 11:010

Più persone in assistenza a causa del virus

Nei prossimi due anni è atteso un aumento del 21%, secondo le proiezioni della COSAS

BERNA - A causa in particolare della pandemia di coronavirus e delle restrizioni alle attività economiche, nei prossimi due anni il numero di persone dipendenti dall'assistenza potrebbe crescere del 21% rispetto al 2019, per una somma pari a 821 milioni di franchi.

Questi dati, che aggiornano le proiezioni elaborate prima della pandemia, sono state illustrate oggi ai media dalla Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale (COSAS), secondo cui è difficile valutare le conseguenze a lungo termine di quanto sta accadendo. Tuttavia, non è improbabile che una parte della popolazione avrà bisogno di essere sostenuta a medio e lungo termine.

Stando agli scenari per i prossimi anni, 57'800 persone supplementari dovranno far ricorso all'aiuto sociale fino al 2022, ossia il 21% in più rispetto all'anno di riferimento, il 2019 (nel maggio scorso, la COSAS aveva stimato un incremento del 28,2%). La quota dell'aiuto sociale potrebbe salire dall'attuale 3,2% al 3,8%. Nel 2019, circa 271'400 persone hanno ricevuto questo genere di sostegno.

I dati presentati oggi si basano sullo scenario mediano: le stime più ottimiste indicano un aumento del 12% e una quota sociale globale del 3,5%. Nel caso peggiore, la quota di assistiti potrebbe salire fino al 4%, pari a costi supplementari per circa un miliardo.

Globalmente, i casi di persone in assistenza è rimasto stabile nonostante il Covid-19. Ciò però nasconde differenze regionali: nella città di Lucerna, nel novembre scorso il numero di persone sostenute era superiore dell'8% rispetto a metà 2019. Tale incremento può essere spiegato col fatto che in questa regione molte persone lavorano nel turismo, un settore particolarmente colpito dalla crisi.

A Ginevra, dove molti ospiti stranieri hanno disertato la città, il numero di persone di difficoltà è cresciuto dell'8,5% in novembre. Questa cifra include anche gli indipendenti che godono anch'essi di un aiuto.

Secondo la COSAS, i soggetti particolarmente a rischio di dipendere dall'aiuto sociale sono i disoccupati di lunga durata. La Conferenza si attende per quest'anno una progressione del numero di persone in assistenza espulse dal mercato del lavoro. Per molte di queste persone non sarà facile ritrovare un'occupazione perché la situazione di precarietà si ripercuote negativamente sulla loro autostima.

Per gli esperti è quindi necessario agire per evitare che la situazione peggiori; in particolare, andrebbero sviluppati strumenti per aiutare gli indipendenti a basso reddito, anche mediante corsi di riqualificazione.

Nell'ottica della COSAS, è però necessario che il Consiglio federale prolunghi gli aiuti all'economia fino al termine della pandemia. Uno stop prematuro rischierebbe infatti di sovraccaricare l'aiuto sociale. Anche l'assicurazione contro la disoccupazione e contro l'invalidità sono invitate a fare la loro parte per evitare un simile scenario.

In particolare, si dovrà puntare sulla formazione e la formazione continua; i giovani devono avere il diritto, nonostante la pandemia, di partecipare al mercato del lavoro e i lavoratori andrebbero preparati al meglio per affrontare la trasformazione digitale dell'economia. La COSAS crede che la crisi attuale non farà che accelerare questa trasformazione.

Gli specialisti si attendono anche un incremento dei casi di profughi e persone accolte temporaneamente tra il 2014 e il 2016 a carico dell'aiuto sociale. Fino al 2022, il numero di bisognosi a carico di Catoni e Comuni potrebbe salire di 17 mila unità. Per questo sarebbe giudizioso introdurre un meccanismo di compensazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
20 min
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
27 min
La luce in fondo al Covid? Ci sono cinque "se"
Il capo della Conferenza dei direttori sanitari Engelberger è ottimista. Ma restano dei punti di domanda
SVIZZERA
2 ore
Quattro aziende su cinque hanno lo stesso problema
In Svizzera la crisi delle materie prime è già "pandemica", secondo Economiesuisse. «I prezzi aumenteranno»
VALLESE
2 ore
Collisione fatale sul passo della Novena
Questo sabato un centauro 26enne ha perso la vita dopo che un'auto ha sconfinato nella sua carreggiata, colpendolo
SVIZZERA
3 ore
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
SVIZZERA
14 ore
«Il contact tracing è nel caos»
Col calo delle temperature, i contagi tornano ad aumentare. Ora è fondamentale individuare i luoghi di contagio
GINEVRA
18 ore
Tagli all'aeroporto di Ginevra
Salta una ventina di posti di lavoro a causa delle difficoltà finanziarie dovute alla pandemia
SVIZZERA
18 ore
La pandemia fa salire i prezzi dei ristoranti
Prima i lockdown, poi il certificato Covid: in Svizzera il calo del fatturato si fa sentire sul costo di un pasto fuori
ZURIGO
19 ore
Irruzione al raduno di bolidi
La polizia ha controllato 160 auto di grossa cilindrata a Dübendorf questa notte, 12 persone denunciate
ZURIGO
22 ore
Due accoltellamenti, fermati otto giovani
È il bilancio di due episodi avvenuti sabato sera nel Canton Zurigo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile