Immobili
Veicoli
Depositphotos (AndrewLozovyi)
Molte più aziende agricole passerebbero alla produzione biologica, ma consumatori e dettaglianti non ricompensano questa scelta.
SVIZZERA
06.01.21 - 12:340

Più aziende vorrebbero diventare bio, ma il mercato non lo permette

Le abitudini dei consumatori e dei dettaglianti giocano a sfavore di un cambio di mentalità, secondo l'USC

BRUGG - Molte più aziende agricole passerebbero alla produzione biologica o ad altri metodi più naturali e rispettosi degli animali se il mercato lo permettesse. Ma consumatori e dettaglianti non ricompensano questa scelta. I contadini non hanno quindi altra possibilità che adattarsi alla domanda in modo da avere un riscontro economico. Lo scrive in un comunicato odierno l'Unione svizzera dei contadini (USC), sottolineando che, oltre a ciò, la situazione viene ora complicata da due iniziative popolari anti-agricole.

In media, le famiglie contadine guadagnano quattro franchi su cinque dalla vendita della loro produzione. La richiesta e il prezzo che ottengono per i loro prodotti sono quindi la base del loro successo economico e, di conseguenza, del loro agire. Perciò il comportamento d'acquisto nei negozi e le abitudini dei consumatori determinano in genere la direzione in cui si sviluppa l'agricoltura, ricorda l'USC.

Le aziende contadine - aggiunge - sono pronte a fare ancora di più per soddisfare la domanda di prodotti maggiormente rispettosi dell'ambiente e degli animali, o di origine vegetale piuttosto che animale. Tuttavia, esse dipendono da una domanda stabile a lungo termine per poter effettuare gli investimenti necessari e produrre a un livello redditizio.

I consumatori acquistano il 90% degli alimentari presso i dettaglianti, specialmente nei supermercati. Sebbene in sviluppo, la vendita diretta è solo una piccola nicchia di mercato. E il mercato «è spietato e privo di qualsiasi idealismo (tranne che nella pubblicità)», scrive l'USC.

I prodotti vegetali devono soddisfare requisiti rigorosi in termini di dimensioni, forma e aspetto, altrimenti non hanno posto nel commercio. Se le vendite di carne con etichetta di qualità speciale sono inferiori alle aspettative, i dettagliati riducono gli ordini, indipendentemente dal fatto che gli allevatori abbiano investito molto denaro per soddisfare le (presunte) esigenze dei consumatori. I commercianti rifiutano di aumentare di qualche centesimo il prezzo di vendita della carne o delle uova per compensare i costi aggiuntivi per i produttori.

In sostanza anche in Svizzera il cibo dovrebbe costare il meno possibile, come dimostrano i massicci sconti offerti durante le festività. E questa è una delle ragioni per cui la quota di mercato bio non supera l'11%, precisa l'USC. I timori degli svizzeri per l'uso di prodotti fitosanitari e i danni all'ambiente sembrano svanire quando mettono piede in un supermercato.

Gli agricoltori sono costantemente costretti ad adottare nuove misure, come richiesto dall'iniziativa sull'acqua potabile e da quella per il divieto dei pesticidi sintetici. Ma nessuno vuole parlare dei costi aggiuntivi, sottolinea l'USC.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
9 min
Migliaia di certificati Covid non saranno più validi
La validità dell'attestazione sarà ridotta a 270 giorni. La misura toccherà chi si è vaccinato prima del 6 maggio 2021
ARGOVIA
2 ore
Cadavere nella grotta, i genitori dell'omicida: «Resta sempre nostro figlio»
Il 22enne, che rischia oltre 16 anni di carcere, sta già scontando anticipatamente la pena.
VAUD
4 ore
«Fosse stato bianco sarebbe ancora vivo»
Circa sei mesi fa un uomo è stato ucciso da un poliziotto a Morges
SVIZZERA
4 ore
La gestione del lupo è efficace
Secondo uno studio, l'abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le uccisioni di bestiame
SVIZZERA
5 ore
Una falla di sicurezza nel portale clienti di AutoPostale
Tra maggio 2021 e gennaio 2022 oltre 1'700 dati non erano protetti. Ora il problema è stato risolto
SVIZZERA
7 ore
Nel 2021 la terra ha tremato oltre mille volte
Tre sismi su suolo elvetico hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 4.0: «Un numero più alto del solito».
SVIZZERA
8 ore
Lavoro ridotto, Berna proroga le misure fino a marzo
Il Consiglio federale ha adeguato l'ordinanza Covid-19 a sostegno delle imprese
SVIZZERA
10 ore
Record assoluto di casi in Svizzera: oltre 43mila in 24 ore
In discesa, con il 24,9%, il tasso di occupazione dei pazienti Covid in terapia intensiva.
ZURIGO
11 ore
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
BASILEA CITTÀ
13 ore
Il mistero dei “cubi” arancioni
Si tratta di geofoni per la localizzazione di fonti di acqua termale per la realizzazione di un impianto geotermico
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile