Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
06.01.21 - 20:380

Variante inglese in Svizzera, esperti favorevoli a nuove chiusure

Epidemiologi e virologi concordano: «La miccia è partita. Rischiamo una pandemia nella pandemia»

«Il vaccino è una buona notizia. Ma è una corsa contro il tempo e la nuova variante rischia di superarci proprio quando "vediamo la luce"».

Fonte 20 Minuten / Daniel Graf
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BERNA - Ieri erano 28 le persone risultate positive alla "variante britannica" del Covid-19, in sette cantoni. Oggi sono già 37. «Tale mutazione potrebbe svilupparsi come una seconda pandemia nell'attuale pandemia», ha precisato ieri Virginie Masserey, responsabile della sezione Controllo delle infezioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP.

Anche Emma Hodcroft, epidemiologa presso le Università di Berna e Basilea, si è espressa su Twitter sulla variante inglese, senza nascondere le sue preoccupazioni: «Nel Regno Unito molti ospedali sono attualmente molto più pieni rispetto a quanto accaduto durante la prima ondata. La scorsa settimana hanno avuto oltre 50'000 casi al giorno per 5 giorni consecutivi. La percentuale dei casi cresce quasi verticalmente. La situazione è molto preoccupante». La dottoressa consiglia di prendere in considerazione (nuovamente) la chiusura delle scuole. «Aspettare non è mai stata la risposta giusta in questa pandemia».

Pure la virologa ginevrina Isabella Eckerle ha affidato i suoi pensieri a un tweet: «Sì, sono molto preoccupata per la "variante inglese". E sì, abbiamo assolutamente e immediatamente bisogno di misure più severe per contenere i contagi».

Il professor Jan Fehr, a capo del Dipartimento della salute pubblica dell'Università di Zurigo, spiega che anche se i casi riscontrati sono una trentina, bisogna credere che ve ne siamo molti di più. «È come all'inizio della pandemia - ha dichiarato a 20 Minuten -. Quando scoppia la miccia in breve tempo il numero di casi può esplodere». Fehr teme "un'ondata sull'ondata": «Se ai casi odierni si aggiungessero quelli della nuova variante, il sistema sanitario entrerebbe in seria difficoltà».

E anche lui invoca misure più severe per contenere la pandemia: «L'arrivo del vaccino è una buona notizia. Ma è una corsa contro il tempo e la nuova variante rischia di superarci proprio quando siamo sulla buona strada».

Un grido comune che è stato ascoltato da Berna. Che ha oggi posto fine alle "eccezioni" cantonali e messo in consultazione (per una settimana) l'estensione delle attuali misure in vigore (bar, ristoranti, strutture per il tempo libero, palestre e centri fitness chiusi anche oltre il 22 gennaio e fino a fine febbraio) e chiesto ai Cantoni di riflettere su quali provvedimenti potrebbero essere adottati nel caso la situazione imponesse ulteriori interventi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO / QATAR
5 ore
Il boss della FIFA ora vive in Qatar
In attesa dei Mondiali, in novembre, Gianni Infantino si è trasferito nell'emirato da ottobre.
SVIZZERA
6 ore
Quando al rifiuto dell'imbarco segue la violenza
Nel 2021 si sono moltiplicati gli episodi di passeggeri in escandescenza, anche all'aeroporto di Zurigo
SONDAGGIO
SVIZZERA
7 ore
Lavorare quattro giorni alla settimana con lo stesso stipendio
È così in alcune grandi aziende internazionali. Ma alcune piccole imprese elvetiche stanno sperimentando il modello
VAUD
10 ore
Grave incidente sulla A9: un morto e tre feriti
È successo oggi all'altezza di Chardonne, nel Canton Vaud. In un secondo incidente si registra un ulteriore ferito
SVIZZERA
12 ore
Piloti vaccinati a terra, anche se servirebbero in cabina
Swiss resta ferma sull'obbligo di vaccinazione. E cancella i voli in assenza di personale
SVIZZERA
14 ore
«Influenza per i vaccinati? È un affronto»
L'infettivologo ticinese Andreas Cerny mette in guardia sui rischi della nuova strategia federale su Omicron
BERNA / SVEZIA
16 ore
Schianto mortale in Svezia: il camion circolava illegalmente
Il mezzo scontratosi con il minibus che trasportava sette giovani svizzeri appartiene a una ditta che estrae minerali.
SVIZZERA
18 ore
Un registro svizzero degli strascichi
Diversi scienziati invocano uno studio sistematico dei casi di long-Covid. Per capire cosa ci aspetta
SVIZZERA
1 gior
«Meglio pensare che siamo tutti già contagiati»
Il governo rinuncia alla strategia dei test? Per l'organizzazione dei laboratori medici, avrebbe senso
SVIZZERA
1 gior
«Dose booster? I più giovani preferiscono ammalarsi»
La popolazione non a rischio mostra reticenza rispetto alla vaccinazione di richiamo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile