LIVE - CONCLUSO

«Con la nuova variante si rischia una pandemia nella pandemia»

Così Virginie Masserey nel corso del punto stampa da Berna

Quante persone sono state vaccinate? La curva salirà di nuovo dopo le feste? Il parere degli esperti.

Qual è la situazione sanitaria in Svizzera? Quali gli effetti delle misure decise dal governo federale? E poi ancora, qual è il primo bilancio e le prospettive ora che è iniziata quasi ovunque la campagna di vaccinazione? Sono probabilmente questi gli argomenti principali che saranno trattati in occasione del primo punto stampa dell'anno da Berna sull'andamento della pandemia di Coronavirus in Svizzera.

Gli epidemiologi si aspettano che i numeri aumentino questa settimana a causa delle festività natalizie. Nel Vallese ciò si sta già verificando. Gli ultimi aggiornamenti, d'altra parte, non sono dei più rassicuranti. In Svizzera l'epidemia mostra infatti un andamento da stabile a leggermente decrescente. Secondo la task force scientifica della Confederazione il tasso di riproduzione "Re" del Covid-19 è superiore al valore di 0,8 fissato dal Consiglio federale. In Ticino è dello 0,98. Lo scorso 18 dicembre, il governo auspicava di scendere al di sotto dello 0,8 in modo da poter dimezzare il numero di casi in Svizzera ogni due settimane.

Presenti, per l'occasione:

Virginie Masserey, responsabile Controllo infezioni all'UFSP
Christoph Berger, Presidente della Commissione federale per le vaccinazioni
Rudolf Hauri, medico cantonale di Zugo, presidente dell'Associazione dei medici cantonali
Nora Kronig, responsabile della divisione affari internazionali presso l'UFSP

15:12

I ristoranti devono chiudere fino alla fine di febbraio? Masserey dice che la decisione spetta al Consiglio federale. Kronig invita di nuovo alla pazienza. «Siamo tutti stanchi, vogliamo tutti che finisca presto». 

15:07

Pandemia nella pandemia - «La nuova variante può svilupparsi come una seconda pandemia nell'attuale pandemia», ha detto Masserey. «La minaccia della nuova mutazione è immensa. Ma può essere contenuta con la vaccinazione e le misure protettive. Si spera ora che la situazione si sviluppi positivamente entro i prossimi tre o quattro mesi».

15:02

Come stiamo negoziando esattamente l'acquisto dei vaccini? Nora Kronig: «Stiamo facendo tutto il possibile per ricevere i volumi ordinati il più rapidamente possibile. Ma non comunichiamo come procediamo per non indebolire i negoziati. Attualmente abbiamo poco vaccino ma nel secondo trimestre raggiungeremo la velocità di crociera. Vogliamo somministrare 70.000 vaccini al giorno», assicura.

14:54

Nel Regno Unito, il numero di casi è salito alle stelle a causa della mutazione. È preoccupata, signora Masserey? «Non sono propriamente rilassata. Dobbiamo fare degli sforzi, ma anche in generale ridurre il numero di casi».

14:51

Sugli insegnanti che chiedono di essere vaccinati in via prioritaria. Virginie Masserey presume che entro l'estate la Svizzera sarà in grado di vaccinare tutti coloro che lo desiderano. Ma finora nessuna priorità è stata pianificata. 

14:50

Sulla nuova variante. Virginie Masserey: «Il tasso di positività resta sotto l'1% in Svizzera ma lo sapremo veramente solo tra 2 settimane. Continueremo quindi i nostri test casuali nelle prossime settimane».

14:49

Sul rifiuto del vaccino da una parte del personale infermieristico. Virginie Masserey: «Non vediamo alcun motivo per modificare la campagna di informazione sulla vaccinazione. Gli operatori sanitari non sono nella lista delle priorità», ricorda. «Ciò permette loro di avere il tempo di pensare prima di essere convinti dell'utilità e dell'innocuità del vaccino», risponde.

14:47

Un giornalista chiede perché l'UFSP non rimuova dalle statistiche i decessi che non sono realmente dovuti a Covid. Virginie Masserey: «All'inizio non sempre sappiamo la causa esatta della morte. A volte devi aspettare diverse settimane per scoprirlo. Ma supponiamo che le persone decedute annunciate all'UFSP siano state curate per Covid».

14:41

Una domanda sulle dosi del vaccino. Nora Kronig: «7,5 milioni di dosi sono state acquistate da Moderna. Per questi prossimi 2 mesi ci si aspetta di riceverne il più possibile da BioTech e Moderna. Ma il mondo intero ha bisogno di questi vaccini. Ci aspettiamo di ricevere le dosi ordinate entro l'estate».

14:40

Come può essere gestito al meglio il vaccino? «Ogni persona riceve due dosi a distanza di tre o quattro settimane. Il vaccino deve essere somministrato esattamente come approvato», sottolinea Berger.

14:36

Perché non usare l'esercito per le vaccinazioni? «Abbiamo ancora troppo poco vaccino perché l'esercito possa essere schierato», ha detto Rudolf Hauri.

14:35

Dovremmo considerare la chiusura delle scuole in Svizzera? Christoph Berger: «I bambini non sono i vettori di questa pandemia. Le scuole dell'obbligo devono rimanere aperte. Per i bambini questo è assolutamente fondamentale. I vettori sono in altri gruppi della popolazione».

14:33

Il nuovo virus richiede ulteriori azioni? Rudolf Hauri «Dobbiamo aumentare il monitoraggio di questi ceppi, soprattutto tra chi ha avuto contatti con la Gran Bretagna. Se questi ceppi aumentano, dovranno essere prese in considerazione le chiusure», ha detto.

14:32

Una dose può essere utilizzata per vaccinare più persone? Christoph Berger risponde dicendo che non c'è omologazione per farlo. Sottolinea inoltre l'importanza di somministrare una seconda dose per una protezione completa.

14:31

È il momento delle domande

14:30

«La task force ha informato sulle varianti britannica e sudafricana e sulla loro presenza in Svizzera. Secondo gli esperti, sono più contagiosi e infettano più rapidamente», continua Rudolf Hauri. «Siccome in Svizzera l'attività del virus è già sufficientemente elevata, dobbiamo assolutamente ritardare la maggiore diffusione di questo ceppo. Nei prossimi giorni vedremo se il virus ha accelerato la sua diffusione durante le vacanze», conclude.

14:27

Vaccino complesso - «Il vaccino non è facile da trattare», afferma Rudolf Hauri. «Non solo per la logistica, ma anche per la movimentazione. In nessun caso dovrebbe essere scosso, solo girato. Solo se mostra un colore omogeneo, la sostanza può essere iniettata per via intramuscolare. Il vaccino non utilizzato deve essere smaltito dopo alcune ore. Deve essere disponibile nella giusta quantità al momento giusto, nel posto giusto. È necessario un sistema di amministrazione e registrazione, che sarà ora introdotto. Tuttavia, anche le persone senza accesso internet devono essere in grado di accedervi. Stiamo lavorando anche in questa direzione».

14:23

«Il presupposto è la pazienza» - «Il vaccino è un elemento aggiuntivo delle misure protettive», ha detto Berger. «Il presupposto per il successo della vaccinazione è la pazienza. Avevamo tre mesi difficili davanti a noi. Le misure di protezione devono ancora essere osservate. Gli allentamenti sono promessi si spera per l'estate. Ma se ci rilassiamo troppo presto potremmo pagare questa leggerezza».

14:21

«Tutti saranno vaccinati» - L'incoraggiamento degli studi sui vaccini ha portato al rapido avvio delle campagne di vaccinazione, afferma Christoph Berger. «Tuttavia - sottolinea -, il rapido progresso significa anche che sono disponibili ancora poche dosi. Questa campagna richiede un grande sforzo logistico e bisogna avere pazienza: tutti saranno vaccinati, ma non tutti potranno essere i primi. Tuttavia, sarà disponibile una quantità sufficiente di vaccino per tutti. La vaccinazione è ben tollerata ed efficace. Puoi anche vaccinarti tre mesi dopo aver sofferto di Covid, ma non se sei sintomatico».

14:18

Obiettivo? «Entro l'estate» - Nora Kronig descrive la richiesta delle dosi di vaccino come «gratificante». L'obiettivo è ancora quello di far vaccinare tutte le persone che lo vogliono entro l'estate. «Prevediamo una carenza nella prima fase», ha quindi sottolineato. «La grande richiesta porta a un certo grado di frustrazione da parte dei cittadini», ha aggiunto. 

14:14

Proteggere le persone vulnerabili - Virginie Masserey parla delle attuali vaccinazioni. L'obiettivo è proteggere prima le persone vulnerabili. E ridurre i costi ospedalieri. L'attuazione della campagna di vaccinazione è iniziata con successo nei vari Cantoni. Le parti interessate potrebbero anche creare un libretto di vaccinazioni digitale tramite mycovidbag. È inoltre possibile stampare e presentare una conferma ufficiale della vaccinazione. Finora non sono stati registrati effetti collaterali gravi.

14:12

 La Svizzera ha scoperto 28 ceppi mutati di questa variante in 7 cantoni, in particolare in quasi tutti i cantoni francofoni. 

14:08

Virus mutato - La mutazione del virus si sta diffondendo in Svizzera, secondo Masserey. Meno dell'1 percento dei campioni mostra questa nuova variante. «Se sei stato nel Regno Unito o hai avuto contatti con persone proveniente dalla Gran Bretagna, dovresti assolutamente fare il test», è il suggerimento. Si raccomanda anche un test PCR e non un test rapido.

14:07

Sono 428 le persone affette da Covid che si trovano in reparti di terapia intensiva, in quattro cantoni l'occupazione dei letti di terapia intensiva supera l'80 per cento. Il livello è in lieve calo, tranne che nell'area del Lago di Ginevra.

14:05

Masserey apre con alcuni dati: 4'020 nuovi casi di coronavirus in Svizzera nelle ultime 24 ore a fronte di 24'906 test. Il tasso di positività è leggermente aumentato arrivando al 16,1%. E poi ancora 208 ricoveri e 98 decessi. Viene denunciata la situazione di stagnazione in tutti i cantoni. 

14:00
screenshot
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile