Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
03.01.21 - 20:320
Aggiornamento : 21:41

Alcuni “rimpatriati” non hanno ancora pagato la fattura

A fine agosto le fatture scoperte erano 1'500 (sulle 7'100 emesse). Oggi sono circa 200 (175'000 franchi).

«Le tariffe applicate a malapena permettono di coprire i costi dell'operazione», commenta il direttore della Federazione svizzera di viaggi, Walter Kunz.

Fonte 20 minutes / Marion Moussadek
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BERNA - Dieci milioni di franchi. È questa la cifra anticipata dalla Confederazione per avere organizzato durante la prima ondata di coronavirus «la più grande operazione di rimpatrio di tutti i tempi». Così l'aveva allora definita Hans-Peter Lenz, del Dipartimento federale degli affari esteri.

I confini si stavano chiudendo su tutti i lati e, in collaborazione con le compagnie aeree Swiss, Edelweiss e Helvetic, il DFAE aveva riportato a casa da ogni angolo del globo oltre 7'000 persone, di cui 4'065 cittadini svizzeri. L'ultimo volo era arrivato dall'India a Zurigo il 26 aprile.

Solo in seguito la Confederazione ha emesso le fatture, comprese tra i 400 e i 1'700 franchi in base ai chilometri coperti. «Tariffe che a malapena permettono di coprire i costi dell'operazione» secondo il direttore della Federazione svizzera di viaggi (FSV), Walter Kunz, intervistato da Le Matin Dimanche. Berna ha infatti deciso di assumersi il 20% dei costi totali, lasciando solo l'80% a carico della popolazione coinvolta.

Tuttavia, quasi 200 persone non hanno ancora pagato la fattura. E l'importo scoperto presso l'ufficio che si occupa della riscossione dell'Amministrazione federale delle finanze è di oltre 175'000 franchi.

A fine agosto sulle 7'100 fatture emesse, il DFAE aveva fatto scattare circa 1'500 solleciti (1,7 milioni di franchi). Vuol dire che la maggior parte ha nel frattempo pagato quanto dovuto. Ma non tutti. E i cittadini rimpatriati avevano sottoscritto un documento con cui si impegnavano, al rientro in Svizzera, a farsi carico delle spese di viaggio. Il paragone, comunque, è d'obbligo: la Germania finora ha recuperato solo l'11% dei costi di tutti i rimpatri, contro il preventivato 40%. Chissà se gli svizzeri saranno più ligi al dovere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
3 min
Tagli all'aeroporto di Ginevra
Salta una ventina di posti di lavoro a causa delle difficoltà finanziarie dovute alla pandemia
SVIZZERA
46 min
La pandemia fa salire i prezzi dei ristoranti
Prima i lockdown, poi il certificato Covid: in Svizzera il calo del fatturato si fa sentire sul costo di un pasto fuori
ZURIGO
1 ora
Irruzione al raduno di bolidi
La polizia ha controllato 160 auto di grossa cilindrata a Dübendorf questa notte, 12 persone denunciate
ZURIGO
4 ore
Due accoltellamenti, fermati otto giovani
È il bilancio di due episodi avvenuti sabato sera nel Canton Zurigo
TURGOVIA
5 ore
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
5 ore
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
6 ore
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
SVIZZERA
6 ore
Engelberger si sbilancia: «La pandemia finirà in primavera»
Il presidente della Conferenza dei direttori della sanità è ottimista, ma a due condizioni
SAN GALLO
6 ore
Un ladro in casa, trovato nascosto nell'armadio
Si era intrufolato in un appartamento. All'arrivo della polizia anziché scappare si è rifugiato nel guardaroba
SVIZZERA
8 ore
«Potremmo dover tornare al lavoro ridotto»
Guy Parmelin si dice preoccupato. Non per il Covid, ma per la crisi delle materie prime
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile