keystone
BERNA
03.01.21 - 14:530
Aggiornamento : 15:56

Aumenta il tasso di riproduzione, fine del regime d'eccezione

Da domani musei, biblioteche, fitness e, nei festivi i negozi delle stazioni si servizio, dovranno rimanere chiusi.

Così nei cantoni Vaud, Vallese e Neuchâtel

BERNA - Conseguenza dell'aumento del tasso di riproduzione "Re" del Covid-19, valore che indica a quante persone in media un soggetto infetto trasmette il virus, Vaud, Vallese e Neuchâtel hanno annunciato oggi la fine del regime d'eccezione. Da domani musei, biblioteche, fitness e, nei giorni festivi i negozi delle stazioni si servizio, dovranno rimanere chiusi.

Lo scorso 18 dicembre, il Consiglio federale aveva imposto la chiusura per un mese per i ristoranti e le strutture per il tempo libero, lo sport e la cultura. Tutti i negozi, ad eccezione delle panetterie e delle farmacie, devono inoltre abbassare la saracinesca durante i giorni festivi. Eccezioni erano previste per i cantoni con una evoluzione epidemiologica favorevole, ossia con un tasso "Re" inferiore a 1 (e inferiore a 0,9 dal 5 gennaio).

Ciò era valevole in particolare per i cantoni romandi. Nei giorni seguenti, avendo un tasso "Re" superiore a 1, Giura e Ginevra sono però passati al regime federale. Neuchâtel, Friburgo, Vaud e Vallese si sono poi accordati per chiudere a loro volta i ristoranti dal 26 dicembre. Vaud li ha mantenuti aperti solo sulle piste da sci, ma da domani anch'essi dovranno rimanere chiusi.

La fine del regime d'eccezione si giustifica nei tre cantoni romandi con il superamento per tre giorni consecutivi del valore soglia "1" del tasso di riproduzione del virus. Ciò obbliga Vaud, Vallese (entrambi da stasera a mezzanotte) e Neuchâtel (dalle 19.00) ad applicare le direttive federali. L'unico cantone a beneficiare ancora di un regime d'eccezione è quindi Friburgo.

Altrove, come nel resto della Svizzera, musei, cinema, biblioteche, casinò, giardini botanici, zoo e altre strutture culturali e ricreative, ma anche i ristoranti, dovranno quindi rimanere chiusi. I negozi non potranno aprire dopo le 19.00 nei feriali e dovranno rimanere inaccessibili la domenica e i festivi (anche quelli delle stazioni di servizio). Le uniche eccezioni sono le panetterie e le farmacie.

Tasso nazionale allo 0,95 - Intanto gli ultimi dati sul tasso di riproduzione del Covid-19 indicano che a livello nazionale questo è salito prima di Natale sfiorando quota 1. La stima elaborata per il 24 di dicembre dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) indica un valore di 0,95.

Il tasso di riproduzione "Re" era passato sotto la soglia di "1" il 5 di dicembre (ma non era mai sceso sotto 0,90, quota raggiunta il 17 dicembre). Al 20, invece, aveva già oltrepassato questo valore nei cantoni Appenzello Interno (1,37), Vallese (1,22), Neuchâtel (1,14), Uri (1,14), Nidvaldo (1,12), Vaud (1,08), Giura (1,06) e Ticino (1,03).

Ciò significa che due settimane fa in questi Cantoni il virus ha incominciato a diffondersi con maggior velocità. Per ridurre il numero di contagi, il tasso di riproduzione deve scendere chiaramente sotto l'1.

Gli epidemiologici temono che questo valore sia ulteriormente salito nel corso dei giorni festivi. La Task Force del Consiglio federale, cui compete il calcolo del tasso di riproduzione, indica sul suo sito web che questa grandezza rischia di venir sottostimata durante le feste poiché meno persone si sono fatte testare.

Il canton Berna, per esempio, ha annunciato sabato "solo" 181 nuovi casi confermati di coronavirus, mentre il numero di esami eseguiti tra l'1 e il 2 gennaio è stato di 1'062 appena. Nelle 24 ore precedenti il numero di test era stato di 3'600. Il 1° di gennaio, Berna aveva annunciato ancora 504 casi confermati di positività.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Il Blick lo dà per certo
SVIZZERA
2 ore
«I bilaterali sono ancora attuali e hanno un futuro»
Il presidente dell'Unione sindacale svizzera dubita che l'Ue voglia innescare un'escalation in merito all'accordo quadro
SVIZZERA
4 ore
Quanto vaccino che viene sprecato
Ogni singola ampolla contiene più dosi di quelle previste. Ma nel nostro paese ciò che avanza non viene utilizzato.
SVIZZERA
13 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
15 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
15 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
15 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
19 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
19 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
19 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile