Foto lettore Tio/20minuti
VALLESE
03.01.21 - 14:210
Aggiornamento : 18:33

Assembramenti a Zermatt? Per le autorità va tutto bene

"Covid angels" si aggiungono a forze dell'ordine e agenti di sicurezza per strada, davanti ai negozi, tra gli sciatori

Il direttore di Zermatt turismo: «Sugli impianti di risalita e le piste da sci abbiamo la coscienza pulita. La situazione negli ospedali vallesani si è ampiamente attenuata».

ZERMATT - «A Verbier e a Zermatt sarà come a Baghdad». Così si era espresso prima di Natale il presidente del consiglio di stato vallesano (ed ex presidente del PPD) Christophe Darbellay, promettendo controlli a tappeto nei comprensori sciistici per garantire il rispetto dei piani di protezione. Le piste sciistiche del canton Vallese erano infatti finite al centro della polemica già a inizio mesi, quando le foto degli assembramenti alla funivia di Verbier avevano fatto il giro del mondo.

Da allora, le misure sono stati accresciute, come pure i controlli sul rispetto delle norme anti Covid-19. Ma Zermatt è una località turistica molto frequentata e siamo in periodo di vacanze. Inoltre, è uno dei (pochi) cantoni in cui si può sciare. Quindi i turisti non mancano. E gli assembramenti, o le distanze non mantenute, capitano, come dimostra la foto giunta in redazione e scattata ieri da un lettore.

Ma, stando alle autorità locali, si tratterebbe di eccezioni. Il direttore di Zermatt turismo, Daniel Luggen, si dice infatti soddisfatto: «Ci è subito stato chiaro che saremmo stati sotto alla lente d'ingrandimento - ha dichiarato al Blick -, e che avremmo dovuto dare l'esempio». E sull'apertura delle stazioni sciistiche commenta: «Abbiamo la coscienza pulita. La situazione negli ospedali vallesani si è ampiamente attenuata dopo le chiusure di dicembre. Il numero di letti occupati in terapia intensiva è ben al di sotto della media svizzera».

Per questo, le strade sono pattugliate da persone munite di giubbotto arancione che invitano la gente a mettere correttamente la mascherina, a mantenere le distanze. Anche lì dove gli sciatori sono in fila per prendere il treno. Sono 150 - spiega ancora il Blick - i "Covid Angels" impiegati a Zermatt. Sono il braccio destro di forze dell'ordine e agenti di sicurezza privati. Per la località di montagna, davanti ai negozi e agli impianti di risalita. E il bilancio delle autorità, per ora, sembra positivo.

«Vogliamo che i nostri ospiti si sentano al sicuro e a proprio agio, nonostante la situazione - ha aggiunto il sindaco Romy Biner-Hauser -. Poter prendersi una pausa dalla vita di tutti i giorni è ancora più importante quest'anno. Permettete a Zermatt di essere ciò che è sempre stata».

Foto lettore Tio/20minuti
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
1 ora
15enni su una moto rubata si scontrano con un'auto
I due adolescenti sono finiti in ospedale
FOTO
FRIBURGO
2 ore
Parcheggio sotterraneo distrutto da un incendio
Diversi veicoli sono stati distrutti nella notte
GRIGIONI
2 ore
Tragedia sul Piz Russein: due morti
Sono stati travolti da una valanga a lastroni, che li ha trascinati per quasi 1000 metri.
ZURIGO
13 ore
«Dai 10 anni devono poter decidere se vaccinarsi»
Il tema è di forte attualità. E l'UFSP ha aperto il dibattito anche sui social.
BERNA
17 ore
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
19 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
21 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
ZURIGO
22 ore
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
SVIZZERA
22 ore
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile