keystone
ZURIGO
03.01.21 - 12:200
Aggiornamento : 16:52

Ecco perché in Svizzera mancano le dosi di vaccino

L'ex vicedirettore dell'UFSP, Andreas Faller, critica la gestione dell'approvvigionamento.

Secondo l'esperto, anche con l'approvazione del vaccino Moderna, non avremo dosi sufficienti.

ZURIGO - Poco prima della fine dell'anno, il produttore farmaceutico Lonza ha ricevuto il permesso di Swissmedic per iniziare a produrre il nuovo vaccino Moderna.

«Al momento, sono in corso importanti lavori preparatori per potenziare gli impianti di produzione», afferma il portavoce di Lonza, Mathias Forny, sulla "SonntagsZeitung". «La produzione su larga scala del principio attivo inizierà tra pochi giorni», aggiunge. Il Vallese intende produrre 800.000 dosi al giorno.

Il via libera alla produzione da parte di Swissmedic è un segnale importante. Dietro le quinte, l'agenzia sta lavorando a pieno ritmo sull'effettiva approvazione del vaccino da parte dello sviluppatore statunitense, mentre il vaccino di Pfizer / Biontech è già approvato e in uso.

Di quest'ultimo, però, sono disponibili solo quantità limitate. Una ricerca del “SonntagsZeitung” mostra il perché: la Svizzera ha effettuato le ordinazioni in ritardo e in quantità troppo esigue.

Un atteggiamento che non ha mancato di suscitare critiche: «La Confederazione ha reagito ordinando solo una parte dei vaccini necessari. Avrebbe dovuto correre un certo rischio ordinandone una quantità sufficiente per l'intera popolazione da ciascun produttore. Le persone muoiono, l'economia è danneggiata, ogni minuto è prezioso. È incomprensibile che l'UFSP abbia esitato così tanto», sottolinea l'ex vicedirettore dell'Ufsp, Andreas Faller.

Insomma, il fatto che la Svizzera abbia molte meno dosi disponibili rispetto a paesi come Israele sarebbe il risultato di una politica fallimentare. Perché, anche se il vaccino Moderna dovesse essere approvato nei prossimi giorni, i quantitativi resteranno comunque inferiori alle necessità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
6 ore
Test PCR davanti a una telecamera
Friburgo sta valutando la possibilità di effettuare la procedura tramite videosorveglianza.
BERNA
7 ore
Quest'uomo fa entrare in casa sua solo persone non vaccinate
Solo inquilini "no vax" nell'appartamento di un bernese
NEUCHÂTEL
11 ore
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
SVIZZERA
12 ore
Il costo dei non vaccinati? Venti milioni di franchi al mese
Soltanto durante il mese di luglio, in tutta la Svizzera sono stati effettuati 420'000 test
BERNA
13 ore
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
SVIZZERA
14 ore
I dipendenti della Confederazione? Sempre di più e meglio pagati
I salari sono ormai in linea con quelli del settore bancario, secondo un'inchiesta della NZZ
SVIZZERA / BELLINZONA
16 ore
Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO
L'uomo è accusato di corruzione passiva.
SVIZZERA
16 ore
Si rimane sopra i mille contagi
L'UFSP ha registrato due nuovi decessi dovuti al coronavirus (le infezioni sono 1'033). I nuovi ricoveri sono 35.
GINEVRA
19 ore
Infermieri non vaccinati: presto i test saranno obbligatori
La misura è stata annunciata dal responsabile della sanità cantonale ginevrina Mauro Poggia.
BASILEA CITTÀ
19 ore
Città europea dell'ambiente: Basilea si candida
La città renana prevede d'investire almeno 300mila franchi. La spesa supererà invece i 5 milioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile