keystone (archivio)
Verbier (VS) controlli di polizia per le strade
REGNO UNITO / SVIZZERA
03.01.21 - 00:000

I turisti britannici vogliono un risarcimento

La quarantena decisa prima di Natale dal Consiglio federale ha fatto arrabbiare molti viaggiatori d'oltremanica.

I turisti sono sentiti stigmatizzati e denunciano il trattamento riservato loro.

BERNA - Continua a restare valida la decisione del Consiglio federale di mettere in quarantena i turisti in arrivo dalla Gran Bretagna o dal Sudafrica, a causa dell'individuazione di un nuovo ceppo del coronavirus.

La decisione non ha mancato di suscitare del risentimento tra i viaggiatori che si sono visti rovinate le vacanze. «Paghi prezzi notevolmente più alti solo perché è Natale. E poi all'improvviso ti viene chiesto di metterti in quarantena per dieci giorni e di posticipare i tuoi voli», si lamenta Marc Gilly sul Telegraph. «Capisco che la situazione sia cambiata, ma le autorità svizzere dovrebbero offrirci un risarcimento».

«Giudicati dall'hotel» - Un altro turista denuncia il cambiamento di atteggiamento nei suoi confronti, dall'oggi al domani. Inizialmente gli era stato permesso di sfruttare tutti i servizi del suo hotel come la sauna e l'hammam, e anche di utilizzare gli impianti di risalita. Poi più nulla, nonostante si fosse sottoposto a un test Covid prima della sua partenza e fosse risultato negativo. «Ci siamo sentiti giudicati dall'hotel», afferma Geoff Heath-Taylor. «Abbiamo lasciato la struttura a Santo Stefano, il giorno in cui è terminata la nostra quarantena. E anche quel giorno, lo staff mi ha urlato tornare nella mia stanza», si rammarica.

Fuga in piena quarantena - Un terzo turista intervistato dal quotidiano desidera restare anonimo. Ma assicura che per il momento non viaggerà più in Svizzera. Teme in particolare di dover pagare una multa perché ha accorciato la quarantena, senza autorizzazione, per tornare a casa con i suoi figli il 24 dicembre. Si considera un cittadino rispettoso della legge, ma sostiene che sarebbe stato impossibile e insopportabile per lui passare tutto quel tempo in una stanza con tre bambini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Ristoranti, manifestazioni e sport: ecco le risposte alle domande più frequenti
Fino a che ora possono rimanere aperte le terrazze? Quali eventi è possibile seguire? Quante persone possono esserci?
SVIZZERA
6 ore
Ora gli albergatori aspettano il certificato Covid-free
HotellerieSuisse soddisfatta degli allentamenti, ma chiede l'urgente riapertura “integrale” dei ristoranti
SVIZZERA
8 ore
Chi si è già ammalato di Covid verrà vaccinato con una dose
Il Consiglio federale ha modificato le sue raccomandazioni per i preparati di Biontech/Pfizer e Moderna.
BERNA
11 ore
Riaprono le terrazze, ma non solo
Da lunedì saranno di nuovo consentite manifestazioni in presenza di pubblico.
URI
12 ore
Inversione di marcia sull'A2 per entrare nel tunnel del San Gottardo (che però era chiuso)
Il conducente protagonista della manovra è stato fermato poche centinaia di metri dopo che era entrato dal portale nord
SVIZZERA
13 ore
Volare Swiss col Travel Pass per il test Covid
La compagnia introduce l'app sperimentale sul collegamento Zurigo-Heathrow
Attualità
13 ore
La campagna vaccinale vodese cambia marcia
Nel cantone romando ora anche i 50enne potranno annunciarsi per un appuntamento.
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera 2'601 nuovi casi e 14 decessi
In discesa il tasso di positività, oggi al 7%. Si registrano inoltre altre 89 ospitalizzazioni.
ZUGO
15 ore
Fuori strada sulla A4, è grave
La donna alla guida, stando all'alcol test, era ubriaca
BERNA
16 ore
I politici spingono per gli allentamenti e il CoronaPass
I leader di partito chiedono di guardare al modello danese e creare rapidamente il passaporto vaccinale.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile