Keystone
BERNA
31.12.20 - 06:000
Aggiornamento : 15:00

Virus mutato: la task force teme uno scenario da incubo

Se il numero di contagi non si dimezza ogni due settimane, c'è il rischio di un'esplosione di casi in primavera.

La previsione più pessimistica? 20'000 nuove infezioni al giorno.

BERNA - La diffusione della nuova variante del virus proveniente dalla Gran Bretagna e dal Sudafrica preoccupa gli esperti federali. Ciò, alla luce di una situazione già tesa e di un numero di casi che ristagna a un livello elevato.

Le nuove mutazioni sono apparse per la prima volta in Sudafrica e nel Regno Unito. Attualmente, solo una manciata di casi della nuova variante sono stati rilevati in Svizzera. Tuttavia questa mutazione non va presa sotto gamba.

Secondo il capo della task force anti-covid Martin Ackermann, gli esperti in Gran Bretagna presumono che la nuova variante sia tra il 40 e il 70% più contagiosa rispetto ai precedenti ceppi di Sars-Cov-2. Non è chiaro se il virus sia anche più mortale.

Diffusione veloce - I sette casi confermati fino ad ora in Svizzera di questi ceppi mutati - che corrispondono a meno dell'uno per cento delle nuove infezioni - non sembrano molti, ha spiegato Martin Ackermann. Uno sguardo a ciò che capitato a Londra, particolarmente colpita dal virus, mostra tuttavia quanto velocemente potrebbero diffondersi le nuove varianti.

La Gran Bretagna ha informato l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) della mutazione a metà dicembre. «Oggi questa variante è rilevata nella maggior parte dei nuovi contagi nell'area metropolitana di Londra».

Uno scenario da incubo - La task force ha ipotizzato uno scenario (vedi grafico sotto) che all'inizio di gennaio assume circa 4.000 casi confermati in circostanze sostanzialmente invariate. Il presupposto: circa l'1% degli infetti in Svizzera è portatore del virus mutato. Le varianti mutate vengono trasmesse con un tasso d'infezione superiore del 50%. Se il numero di casi fosse dimezzato ogni quattro settimane (valore R 0,9), secondo questo modello, il numero d'infezioni salirebbe alle stelle ad aprile e sarebbero possibili fino a 20.000 nuove infezioni al giorno.


Screenshot / sciencetaskforce.ch

Come si può prevenire questo - Martin Ackermann ha sottolineato che la task force si atterrà alla raccomandazione urgente di mirare a dimezzare il numero d'infezioni ogni due settimane. Lo scenario più ottimistico (vedi grafico sotto) presuppone una rapida diminuzione delle infezioni, in modo che la curva delle nuove infezioni possa essere mantenuta piatta. «Anche in questa circostanza, tuttavia, si registrerà un aumento in primavera», afferma Ackermann.


Screenshot / sciencetaskforce.ch

Quali misure dovrebbero essere attuate - Per la task force, il test è la via più efficace. Ma anche il tracciamento a ritroso, utile a identificare dove è stata infettata una persona che risulta positiva. Come ulteriore intervento, la task force ha sottolineato che l'inizio della scuola dovrebbe essere posticipato all'11 gennaio.

Screenshot / sciencetaskforce.ch
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
3 ore
Tagli all'aeroporto di Ginevra
Salta una ventina di posti di lavoro a causa delle difficoltà finanziarie dovute alla pandemia
SVIZZERA
3 ore
La pandemia fa salire i prezzi dei ristoranti
Prima i lockdown, poi il certificato Covid: in Svizzera il calo del fatturato si fa sentire sul costo di un pasto fuori
ZURIGO
5 ore
Irruzione al raduno di bolidi
La polizia ha controllato 160 auto di grossa cilindrata a Dübendorf questa notte, 12 persone denunciate
ZURIGO
7 ore
Due accoltellamenti, fermati otto giovani
È il bilancio di due episodi avvenuti sabato sera nel Canton Zurigo
TURGOVIA
8 ore
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
9 ore
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
9 ore
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
SVIZZERA
9 ore
Engelberger si sbilancia: «La pandemia finirà in primavera»
Il presidente della Conferenza dei direttori della sanità è ottimista, ma a due condizioni
SAN GALLO
9 ore
Un ladro in casa, trovato nascosto nell'armadio
Si era intrufolato in un appartamento. All'arrivo della polizia anziché scappare si è rifugiato nel guardaroba
SVIZZERA
11 ore
«Potremmo dover tornare al lavoro ridotto»
Guy Parmelin si dice preoccupato. Non per il Covid, ma per la crisi delle materie prime
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile