keystone
SVIZZERA
29.12.20 - 17:540

Gli "zombie" alla larga

I prestiti Covid sono andati «soprattutto ad aziende sane». Lo assicura la BNS

BERNA - Il programma di prestiti della Confederazione per far fronte alla pandemia di coronavirus ha raggiunto le imprese desiderate senza attirare le cosiddette "aziende zombie". Lo dice un'indagine della Banca nazionale svizzera (BNS).

In un documento di lavoro pubblicato oggi, gli economisti della BNS definiscono "aziende zombie" le imprese con una bassa redditività e un alto livello di indebitamento. Un aiuto a queste aziende può avere conseguenze indesiderate, perché così vengono vincolate risorse che potrebbero essere meglio utilizzate per attività più produttive.

Il programma di prestiti della Confederazione aveva suscitato simili timori: in primavera, nel corso della prima ondata di coronavirus, le aziende hanno avuto un accesso più facile alle fideiussioni garantite dalla Confederazione.

L'allarme sembra tuttavia rientrato: nelle sue analisi, la Banca nazionale non ha trovato alcuna evidenza che le aziende zombie abbiano fatto un uso più frequente del programma rispetto ad altre. I risultati suggeriscono anche che le aziende "più morte che vive" non sono molto diffuse in Svizzera.

In buona sostanza, i prestiti garantiti dalla Confederazione sono stati assunti principalmente da società duramente colpite dal lockdown, oppure attive in regioni con un elevato numero di casi di coronavirus. Il programma ha raggiunto anche le giovani e le piccole imprese più esposte alle conseguenze finanziarie della pandemia.

Ciò fa pensare che il programma sia riuscito a raggiungere i suoi obiettivi, affermano gli economisti della BNS. I prestiti sono andati a imprese per le quali l'accesso ai finanziamenti esterni è tipicamente più difficile - soprattutto in caso di crisi.

Il programma ha avuto una grande risonanza: in totale sono stati utilizzati circa 17,3 miliardi di franchi. Circa una società su cinque ha usufruito dei prestiti garantiti, si legge nello studio.

Questo è ancora più impressionante se si considera che circa il 60% di tutte le piccole e medie imprese erano prive di debiti prima della crisi, sostengono gli autori. Lo studio ha preso in esame i dati del Registro di commercio e quelli della banca dati Janus, che elenca i prestiti Covid-19.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
5 min
È il giorno di Cassis presidente
L'elezione da parte delle Camere federali avverrà verso le 12. L'ultimo ticinese a ricoprire la carica fu Flavio Cotti
SVIZZERA
8 min
Se un medico deve decidere a chi dare l'ultimo letto in cure intense
Personale sanitario costretto a scegliere chi curare? Ecco su quali criteri si devono basare
SONDAGGIO ELETTORALE TAMEDIA
2 ore
Quale partito intendete votare?
L'appuntamento con le prossime elezioni federali è previsto il 22 ottobre 2023. Oggi chi votereste?
Berna
8 ore
NoVax che rifiutano le cure, avanti col testamento biologico
La consigliera nazionale Verena Herzog: «Non ha senso che i pazienti finiscano in terapia intensiva se non lo vogliono»
Zugo
12 ore
Aperta un'inchiesta preliminare contro la società di provider Mitto AG
Un dipendente avrebbe consentito a terzi di sorvegliare senza autorizzazione degli utenti di telefonia mobile
SVIZZERA
13 ore
Coronavirus, il 4% delle varianti analizzate corrisponde a Omicron
Si tratta dei dati relativi ai virus sequenziati nel corso dell'ultima settimana
ZURIGO
15 ore
Sedici anni di prigione per aver ucciso la fidanzata
I fatti sono avvenuti nel 2020 a Hombrechtikon, nel Canton Zurigo. Riconosciuto colpevole un 48enne polacco
SVIZZERA
15 ore
Obbligo di vaccinazione per gli equipaggi Edelweiss
Seguendo l'esempio di Swiss, ai dipendenti è stato dato tempo fino al 2022 per farsi vaccinare
FOTO
SVIZZERA
16 ore
La capsula futuristica dove si può morire da soli potrebbe presto arrivare in Svizzera
Ne è certa Exit International. Il dispositivo, che funziona senza farmaci, si può fare anche con una stampante 3D
SVIZZERA
18 ore
«Abbiamo toccato il record di casi da inizio pandemia»
Alta tensione nelle strutture ospedaliere: il Consiglio federale mette migliaia di militi a disposizione dei Cantoni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile