keystone
SVIZZERA
29.12.20 - 17:540

Gli "zombie" alla larga

I prestiti Covid sono andati «soprattutto ad aziende sane». Lo assicura la BNS

BERNA - Il programma di prestiti della Confederazione per far fronte alla pandemia di coronavirus ha raggiunto le imprese desiderate senza attirare le cosiddette "aziende zombie". Lo dice un'indagine della Banca nazionale svizzera (BNS).

In un documento di lavoro pubblicato oggi, gli economisti della BNS definiscono "aziende zombie" le imprese con una bassa redditività e un alto livello di indebitamento. Un aiuto a queste aziende può avere conseguenze indesiderate, perché così vengono vincolate risorse che potrebbero essere meglio utilizzate per attività più produttive.

Il programma di prestiti della Confederazione aveva suscitato simili timori: in primavera, nel corso della prima ondata di coronavirus, le aziende hanno avuto un accesso più facile alle fideiussioni garantite dalla Confederazione.

L'allarme sembra tuttavia rientrato: nelle sue analisi, la Banca nazionale non ha trovato alcuna evidenza che le aziende zombie abbiano fatto un uso più frequente del programma rispetto ad altre. I risultati suggeriscono anche che le aziende "più morte che vive" non sono molto diffuse in Svizzera.

In buona sostanza, i prestiti garantiti dalla Confederazione sono stati assunti principalmente da società duramente colpite dal lockdown, oppure attive in regioni con un elevato numero di casi di coronavirus. Il programma ha raggiunto anche le giovani e le piccole imprese più esposte alle conseguenze finanziarie della pandemia.

Ciò fa pensare che il programma sia riuscito a raggiungere i suoi obiettivi, affermano gli economisti della BNS. I prestiti sono andati a imprese per le quali l'accesso ai finanziamenti esterni è tipicamente più difficile - soprattutto in caso di crisi.

Il programma ha avuto una grande risonanza: in totale sono stati utilizzati circa 17,3 miliardi di franchi. Circa una società su cinque ha usufruito dei prestiti garantiti, si legge nello studio.

Questo è ancora più impressionante se si considera che circa il 60% di tutte le piccole e medie imprese erano prive di debiti prima della crisi, sostengono gli autori. Lo studio ha preso in esame i dati del Registro di commercio e quelli della banca dati Janus, che elenca i prestiti Covid-19.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Quasi 3000 casi di effetti indesiderati a causa del vaccino
Si tratta essenzialmente di casi definiti "non seri". Le persone colpite superavano i 60 anni.
SVIZZERA
3 ore
La Svizzera punta ancora di più sull'energia rinnovabile
Il Consiglio federale adotta il messaggio sulla legge federale per un approvvigionamento elettrico sicuro
SVIZZERA
3 ore
In Svizzera sempre meno contagi: 173 nelle ultime ventiquattro ore
Sono stati effettuati 26'573 test Covid, con un tasso di positività dello 0,7%
SVIZZERA
4 ore
Indennità per altri sei mesi
Il Consiglio federale ha deciso di prorogare fino al 31 dicembre il diritto all'Ipg
SVIZZERA
5 ore
«La Svizzera è il paese più ipocrita del mondo»
L'artista Ai Weiwei è il più noto tra gli oppositori di Pechino. Lo abbiamo intervistato
SVITTO
6 ore
Motociclista 26enne muore in un incidente
È successo nel Canton Svitto. Il giovane ha perso il controllo del mezzo
FOTO
ARGOVIA
8 ore
Precipita un velivolo turistico: un ferito grave
A bordo dell'aereo c'era soltanto il pilota. L'incidente si è verificato nel Canton Argovia
SOLETTA
10 ore
Falso allarme bomba a bordo di un treno
Un convoglio che circolava tra Berna e Zurigo è stato fermato a Däniken e perquisito. In manette un 49enne
SVIZZERA
11 ore
«Il vaccino è il mio contributo contro la pandemia»
Attualmente almeno il 71% della popolazione elvetica si dice disposta a farsi immunizzare
BERNA
17 ore
La spa "africana" con il pentolone dei cannibali fa discutere
Un cliente: «È razzista». Utile il confronto con il direttore della struttura: «Il nome non si cambia, la vasca sì».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile