Immobili
Veicoli
Archivio Depositphotos
SVIZZERA
30.12.20 - 06:000

Il coronavirus ci ha resi più altruisti

È quanto emerge dal barometro della speranza 2021. I soldi avrebbero perso importanza

L'esperto: «Durante una crisi si rivedono i propri valori»

Fonte 20 Minuten / Bettina Zanni
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - Siamo diventati più altruisti. È quanto emerge dall'attuale barometro della speranza dell'Università di San Gallo, secondo cui il 54% degli interpellati si dice maggiormente disposto ad aiutare gli altri rispetto al passato. E la solidarietà ha guadagnato terreno anche nell'ambito delle speranze personali per il 2021. Allo stesso tempo, diamo meno importanza ai soldi. Infatti, per il prossimo anno è in calo la speranza di ottenerne di più. Gli interpellati desiderano piuttosto restare in buona salute.

Sempre secondo il sondaggio, quasi il 44% delle persone ritiene di essere disposto a mostrarsi più gentile nei confronti degli altri. Soltanto l'8% ha invece l'impressione di comportarsi in modo meno amichevole. La maggioranza delle persone pensa inoltre che la società si stia sviluppando soltanto moderatamente in maniera positiva per tutti. Nella stessa misura ritiene che le persone siano fondamentalmente buone.

«Durante una crisi le persone rivedono le cose importanti» afferma il ricercatore Andreas M. Krafft, autore dello studio e membro di Swissfuture. E durante una crisi sanitaria si osserva anche un aumento del senso del dovere nel prendersi cura degli altri. Per quanto riguarda la visione critica degli intervistati nei confronti dello sviluppo globale della società, Krafft ritiene che sia da ricondurre «alla situazione mondiale estremamente difficile». Anche le teorie del complotto diffuse dai corona-scettici avrebbero contribuito a dividere la società. «È per questo che molti hanno la sensazione che le persone siano più egoiste».

Più donazioni per le organizzazioni benefiche

«Prevediamo di aver ricevuto almeno il 15% in più di donazioni rispetto allo scorso anno». È quanto dice Christine Volet, portavoce dell'Esercito della Salvezza. A causa della pandemia l'associazione ha comunque dovuto annullare diverse manifestazioni. Le donazioni registrano un incremento anche presso Caritas e la Catena della Solidarietà. «Nonostante la crisi del coronavirus, abbiamo ricevuto molte donazioni» afferma Priska Spörri della Catena della Solidarietà. Dallo scorso marzo, sono entrati oltre 42 milioni di franchi a favore delle vittime elvetiche della pandemia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
4 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
6 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
8 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
9 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
10 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
SVIZZERA
12 ore
Uno svizzero su tre non intende donare gli organi
Con la nuova legge sui trapianti, saranno tutti donatori. Il 36% dei cittadini vuole dichiarare di rifiutare l'espianto
SVIZZERA
23 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
23 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
1 gior
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile