Depositphotos (Furtseff)
Un manifesto inviato alle autorità federali, sostenuto da grandi festival e personalità politiche, ricorda l'importanza degli attori culturali indipendenti.
SVIZZERA
23.12.20 - 07:180

Cultura, un manifesto per difendere gli indipendenti

Le firme apposte al documento inviato alle autorità federali sono circa 450

BERNA - Gli attori culturali indipendenti si sentono ingiustamente esclusi dalla società a mano a mano che vengono adottati a livello federale o cantonale provvedimenti per arginare il coronavirus. Un manifesto inviato alle autorità federali, sostenuto da grandi festival e personalità politiche, ricorda l'importanza di questo settore per la società.

Circa 450 protagonisti della scena culturale elvetica hanno firmato un manifesto indirizzato al Parlamento e al Consiglio federale in cui chiedono che i lavoratori autonomi attivi nella cultura vengano difesi almeno con lo stesso zelo profuso per quelli di altri settori dell'economia, sottolinea il collettivo che ha dato il "la" all'iniziativa.

La gamma di artisti coinvolti è ampia: cantanti lirici, cineasti, pianisti, scrittori, comici e tecnici. Si tratta di profili professionali che si lasciano alle spalle un anno estremamente difficile a causa delle restrizioni legate all'epidemia.

Il manifesto sottolinea che le persone che lavorano nella cultura in senso lato rappresentano il 6,3% della popolazione attiva in Svizzera. Nel 2018, il valore aggiunto generato dall'economia culturale ammontava a 15,2 miliardi di franchi. Gli attori culturali indipendenti rappresentano il 28% di coloro che operano in questo campo. Poiché non sono in grado di lavorare sono quelli che hanno sofferto di più a causa della crisi pandemica.

Gli attori culturali si sentono discriminati quando constatano che eventi religiosi, sportivi o politici sono invece permessi a determinate condizioni, mentre quelli culturali sono vietati, benché anch'essi possano essere sottoposti agli stessi piani di protezione.

Per questo chi opera nella cultura da indipendente rivendica un indennizzo alla stessa stregua delle istituzioni culturali e di altri settori economici (la legge Covid-19, appena accolta dal parlamento, prevede in effetti un sostegno anche ai singoli, n.d.r).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
4 ore
«Volevano uccidermi perché non ho messo una canzone»
Tredici giovani ne hanno aggredito un altro per futili motivi durante la festa del digiuno ginevrino.
SVIZZERA
4 ore
La fine della pandemia? «La prossima primavera»
Gli esperti si dicono d'accordo sul fatto che la stagione invernale sarà difficile. Dipende tutto dalle vaccinazioni
SVIZZERA
10 ore
Ingresso in Svizzera solo con test (o certificato)?
Ecco cosa potrebbe decidere il Consiglio federale nella sua seduta di domani
SVIZZERA
12 ore
Aumentano i vaccinati "riluttanti"
Nei Cantoni rurali il tasso di vaccinazione è più basso. Ma sembra che l'obbligo del pass nei bar stia cambiando le cose
BERNA
12 ore
No Pass: migliaia in piazza a Berna e Bienne
Ancora manifestazioni questa sera contro le nuove misure introdotte dal Consiglio Federale
SVIZZERA
17 ore
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
18 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
SVIZZERA
19 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERA
19 ore
I test potrebbero rimanere gratuiti
Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.
SVIZZERA
20 ore
Nessun decesso nelle ultime ventiquattro ore
Altre 61 persone hanno dovuto ricorrere a un ricovero. Le cure intense accolgono ora il 30,9% di pazienti Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile