Keystone
SVIZZERA
21.12.20 - 12:200

Arrestato (a torto) per terrorismo, deve accontentarsi di 23mila franchi

L'uomo, posto in detenzione per sei giorni, aveva chiesto un indennizzo di ca. 100mila franchi.

La corte dei reclami del Tribunale penale federale ha però respinto il suo ricorso, confermando i 23mila franchi riconosciuti dal Ministero pubblico della Confederazione.

BELLINZONA - Un uomo arrestato in pubblico nel 2017 per sospetti legami col terrorismo, ma poi rilasciato vista l'inconsistenza del caso, dovrà accontentarsi di un'indennità di 23 mila franchi. Le sue richieste di un risarcimento più pingue per essere stato esposto alla gogna pubblica sono state respinte dal Tribunale penale federale (TPF).

Il caso risale al 23 giugno 2017 dopo l'arresto di un uomo in un ristorante di Losanna. Una perquisizione domiciliare aveva destato il sospetto che appartenesse a un'organizzazione terroristica. Il giorno dopo, il ricorrente era stato a sua volta fermato mentre si trovava in un parcheggio ubicato sull'area di un centro commerciale a Aubonne (VD) e posto in detenzione per sei giorni.

Il caso si è poi sgonfiato e, nel dicembre dello stesso anno, il Ministero pubblico della Confederazione aveva archiviato il dossier, riconoscendo un indennizzo di 23mila franchi.

Un decisione contro la quale l'uomo ha interposto ricorso, chiedendo indennità per danno economico e torto morale per poco più di 100 mila franchi. Domandava anche la pubblicazione su quattro quotidiani romandi di un comunicato in cui si precisava la sua estraneità ai fatti.

Pur riconoscendo che l'arresto in pubblico e la lunghezza del procedimento possano costituire un grave attentato alla personalità, la corte dei reclami del TPF ritiene che non debbano essere presi in considerazione tutti i fastidi generati da un procedimento penale. Stando ai giudici, infatti, l'anonimato dell'uomo è stato rispettato e non è stato oggetto di un'attenzione mediatica esagerata. Anche la presunzione di innocenza non è stata messa in discussione.

Nelle considerazioni dei giudici di Bellinzona, il MPC ha tenuto conto nel fissare l'indennizzo del grave attentato alla personalità, ma esso dispone di una certa libertà di manovra e nulla indica che avrebbe dovuto aumentare la somma. Quanto alla pubblicazione sui giornali, secondo il TPF i media hanno dato ampio risalto all'innocenza del ricorrente: una nuova pubblicazione è quindi superflua. Questa decisione è definitiva.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
Alcol al volante? «Tolleranza zero»
Ci sta pensando il Parlamento dell'Unione europea. Ma la proposta trova sostenitori anche nel nostro paese
SVIZZERA/AUSTRIA
8 ore
La Lamborghini finisce nel lago (e la polizia ride)
Un automobilista elvetico protagonista di una manovra rocambolesca in Austria.
FOTO
ZURIGO
12 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
12 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
13 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
14 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
15 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
15 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
16 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
16 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile