Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
21.12.20 - 11:590

La denuncia delle ginnaste non rimane inascoltata

Il DDPS ha incaricato uno studio di avvocati di eseguire una perizia e proporre raccomandazioni sulle misure da prendere

BERNA - Serve un cambiamento, a ogni livello, nello sport di punta ed è importante prendere misure per proteggere i giovani in tutte le discipline sportive. È quanto emerso in occasione della riunione online del 10 novembre 2020 tra la consigliera federale Viola Amherd e i rappresentanti della Federazione svizzera di ginnastica (FSG) e di Swiss Olympic. «I fatti avvenuti al centro nazionale di allenamento FSG di Macolin (le ginnaste hanno denunciato i metodi di allenamento e i maltrattamenti subiti, la cultura della paura e gli abusi psicologici) sono assolutamente inaccettabili». 

La Confederazione ha quindi deciso di fare qualcosa di pratico. Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) ha incaricato lo studio di avvocatura Rudin Cantieni (Rudin Cantieni Rechtsanwälte SA) di Zurigo di eseguire una perizia per indagare sui casi riguardanti abusi e intimidazioni nel campo della ginnastica artistica e ritmica.

 

Lo studio di avvocatura dovrà inoltre stabilire, con l’aiuto di esperti indipendenti, se i meccanismi attuali volti a proteggere i giovani sportivi sono sufficienti. Si esaminerà anche la necessità di azione in altri sport paragonabili alla ginnastica ritmica e artistica. Le regole e gli strumenti in vigore per individuare e prevenire questo tipo di eventi e il ruolo dei differenti organi responsabili saranno al centro delle analisi. Il rapporto dovrà essere presentato entro l’estate 2021 e dovrà proporre raccomandazioni sulle misure che i vari attori dello sport dovranno prendere per garantire che fatti simili non si riproducano. In seguito i risultati saranno valutati dal DDPS che trarrà le debite conclusioni.

La volontà del capo del DDPS e degli ambienti sportivi di creare un servizio di sostegno e di segnalazione indipendente a livello nazionale è parte integrante delle riflessioni in corso. Attualmente, in collaborazione con Swiss Olympic, l’UFSPO sta elaborando le basi necessarie per la creazione di questo servizio, che dovrà essere a disposizione di tutte le discipline sportive e di tutti i livelli, dagli atleti, agli assistenti, ai genitori e dovrà essere operativo dal 1° gennaio 2022.

«A volte ci picchiavano sulle gambe e sulle braccia, ci pizzicavano così forte che mi venivano i lividi» ha raccontato la 23enne ticinese Lisa Rusconi, per 12 volte campionessa svizzera di ginnastica ritmica. «Molte di noi avevano problemi con il cibo. Perdere cinque chili in una settimana era normale. Ancora adesso non riesco a mangiare se qualcuno mi guarda».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
3 ore
Villa sul lago, Federer con le spalle al muro
Il cantiere di costruzione è fermo, un'associazione ecologista ha presentato ricorso.
BERNA
7 ore
Due svizzere disegnano l'introduzione dei Simpson
La celebre scena del divano andrà in onda stasera negli Stati Uniti.
SONDAGGIO
ZURIGO
10 ore
Gli uomini guardano più porno, con conseguenze
Durante la pandemia, il consumo eccessivo di pornografia in rete è aumentato notevolmente.
ZURIGO
10 ore
Con sei chili di cocaina in auto, arrestato "turista" olandese
La droga, dal valore di circa mezzo milione di franchi, era stata accuratamente nascosta.
BERNA
12 ore
Migliaia di test PCR scaduti, erano stati acquistati per eventuali emergenze
Costo per la Confederazione? Circa 14 milioni di franchi
SVIZZERA
13 ore
Marco Chiesa attacca i consiglieri federali "disorientati" del PLR
Il ticinese denuncia i «continui patti con la sinistra» di un partito «che non rappresenta alcuna posizione borghese».
FOTO
GRIGIONI
13 ore
In fiamme un capannone, danni per oltre un milione
Diverse squadre di pompieri si sono recate sul posto. Non dovrebbero esserci feriti.
ZURIGO
15 ore
Bambini e adolescenti, più che raddoppiati i tentativi di suicidio
Lo psicologo Markus Landolt sostiene che la causa principale è da ricondurre al coronavirus.
SVIZZERA
15 ore
Accordo quadro: Cassis presto a Bruxelles con Parmelin
«Nessun altro consigliere federale conosce il dossier come lo conosco io», ha sottolineato il ticinese.
SVIZZERA
1 gior
Roche: i test fai da te sono già esauriti
Tuttavia, da settimana prossima le consegne dovrebbero riprendere a pieno ritmo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile